ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

    IL RABDOMANTE

    Ti insegnerò l'arte di trovare
    la sorgente
    in vene di sangue decolorato
    gassoso
    lingue
    di vapore parlante
    tra labbra
    labbra
    di vulcano
    lava
    la bocca liquida
    guida
    il legno biforcuto
    di ragione e d'animale.

    Incenerir il bastone
    nell'acqua
    che non spegne il fuoco
    nel fuoco che non vince l'acqua
    sul dolore dei denti annegati
    e bruciati.

    Cercherò
    tra le ceneri del tuo sperma
    gli avanzi fallici
    del rabdomante
    che impara il mestiere.

    **********

    CORTESIA FINALE

    Deflorami il miserabile delirio
    di passo buono di ragazza
    ridi dell'urlo tra i denti amari
    posa tenerezza
    sul ferro della lingua
    e cogli
    l'indomita attesa
    dei vecchi asini
    rimasti ad ascoltarsi
    i bianchi ragli.

    Sui franosi fianchi
    delle labbra
    lasciami
    memoria per i giorni
    che verranno
    e gusti che cucinerò
    con purghe notturne
    in acqua di dado.

    Non osare mai tornare
    a sgualcirmi
    letti
    di feci seccate
    e umidit
    d'urina senza dighe.

    **********

    CIELO SECCO

    Con becco rapace
    mi chiacchieri
    sul finire della schiena
    dove l'udito sa
    di cuori di noce
    e di fondale marino.

    Per le assenti risposte
    ti sposti
    tra i rami nodosi
    che ho in testa
    e sfrondi criniera
    di leone candito
    dalla lingua infogliata
    che riesce soltanto
    a ruggire
    di ruggine
    opaca.

    Poi
    mi capovolgi la postura
    e fai il tuo sbaglio
    di voler guardare
    questo sguardo
    senza biada,
    morto di fame
    per le attese,
    fattosi
    cirro chiaro
    appartato
    oltre i monti,
    eremita di cielo
    senza ali
    a molestarlo.

    **********

    NON TI HO CHIESTO DI SOGNARMI

    Ho aspettato
    seduta nel sogno
    del mio ultimo amante
    che il latte delle asine alate
    piovesse dal cielo
    a turbarmi
    per la cagna che sono nel sogno di lui.
    Pietoso mi ha dato un ombrello
    di pelle di vecchio assassino
    filtrava la pioggia di latte
    facendone sangue
    ma lasciandomi asciutta
    a camminare carponi
    nel fango carminio
    con schiuma di madre che vola
    e che raglia.
    Poi lui mi ha spostata
    sopra un'erba di spine
    a farsi leccare
    la spada maschile
    tra lumache bavose
    dentro gusci di uovo
    e il mio piacere di donna
    che pentito non è.
    Alla fine del sogno
    mentre io gi svanivo
    si è svegliato frustrato
    d'avermi pensata
    e infuriato ha percosso
    le sue coltri rosate
    ha frugato le strade
    per trovarmi reale
    ma da desto non sa
    che io esisto davvero,
    come lui mi vorrebbe.

    **********

    IL VECCHIO DONGIOVANNI

    Ha guardato il mio intestino
    vestendolo di giarrettiere
    e profumi che avrebbe desiderato
    gli dedicassi
    mi ha pesato le ossa dei polsi
    e valutato la capienza del pugno
    ha visto fianchi di bambina
    che non atterriscono
    la povert dei suoi intenti
    ha stretto i denti
    immaginando
    i miei capelli ad imprigionargli il collo
    e i gemiti di sottomissione
    per i suoi giochi della mente.

    Mi ha portata
    senza domandarmi permessi
    in notti di sudori
    e salive frammiste a frasi fermentate
    mi ha spiato la schiena
    per godere del potere che poteva sostenere
    ha spogliato i miei piedi
    per capirne l'impronta sul suo viso.

    Se n'è andato
    con pensieri da portarsi a letto
    dove da solo
    si sarebbe imbrattato
    di un seme terrorizzato
    di vedersi tanto solo
    e scarso.

    Savina Dolores Massa, nessuna pubblicazione

Milano, 2006-07-19 12:28:54
� Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net



RASSEGNA DI POESIA
Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«A bella posta abbiamo usato queste espressioni retoriche; senza la retorica, nulla di serio e di vero può essere detto, mancando quel falso ch’è misura o supporto del vero.»

(Anna Maria Ortese, Il cardillo addolorato)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Per una scenografia narrativa dei valori in atto
A proposito di una morale che non fa la morale
I valori morali elementari e universali di Sossio Giametta sono l’amicizia, il rapporto discepolo maestro, la maternità , il rapporto figlio-genitore e quello degli uomini con la natura e l’animalità , la malattia e la morte e la loro ripercussione su chi resta, la vanità , la malafede in agguato nella stessa generosità della munificenza apparentemente gratuita, il senso del bello che riscatta. Sullo sfondo, una concezione della natura umana, che vede nell’uomo, una checoviana marionetta in balia di madre natura. (Roberto Caracci)
Vissuto da pelle femminile
Intervista con Clara Sereni
«Penso che politica e amore restino parole, emozioni, sentimenti legati ancora strettissimamente, non foss’altro perché non mi immagino una forma di amore, o anche soltanto di relazione, di rapporto anche amicale, che prescinda dalla visione del mondo di cui ciascuno è portatore». Per provare a raccontare la storia di una generazione, Clara Sereni doveva raccontarne le sfaccettature, mettendolo in conto di non doversene imbarazzare. (Paolo Di Paolo)
Gabriele D’Annunzio e il cuore messo a nudo
Una parentesi oscura nella vita del Poeta
Il Notturno andrebbe letta come l’opera di un cuore mis a nu alla maniera di Baudelaire, un taccuino esistenziale di dolore e sofferenza, con prospettiva sulla morte, come limite invalicabile dell’umana avventura. Quando la capacità di stupire venne meno, potè manifestarsi il D’Annunzio costretto a confrontarsi con uno stato e con sentimenti di sconfitta, di prostrazione, di ripiegamento, di delusione, di rinuncia e di tregua. (Fabrizio Falconi)

Blackout
Dall'oscurità, la luce...
Per tre personaggi, ognuno con la propria storia, la notte bianca di Roma del grande blackout del 2003 diventa motivo di scoperta e nuova consapevolezza. Erica, in deficit di sonno, culla la sua bambina e fantastica di volare; Francesca affronta nell'oscurità un uomo semi-sconosciuto e una nuova relazione; Adriano, stanato dalla paralisi degli elettrodomestici apre gli occhi per la prima volta dopo lungo tempo e vede il mondo reale... (Roberta Andres)
La ruspa e il fuoco
La memoria delle cose
L'osservazione degli esseri umani e dei rifiuti che essi producono in Le radici del silenzio, di Roberto Caracci, porta a una riflessione sul materiale di scarto con cui si è abituati a convivere e che, in tempi di raccolta differenziata, si è imparato a ri-conoscere, ma anche a conoscere nelle sua compiutezza e in quella tendenza di alcuni “articoli” a prender vita, fuori tempo massimo, sotto altre sembianze... (Redazione Virtuale)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008