ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

    1) GRANDE ALBERGO SOLE

    Se io fossi il deserto,
    se i miei fianchi fossero dune,
    tu che saresti?
    Saresti palma verde
    mi copriresti il capo
    mi daresti l’ombra ed il riparo.
    Saresti carico di dolci datteri succosi
    dorati come miele
    come ambra
    mi nutriresti e sfameresti
    saresti oasi e conca d’acqua fresca
    e in te io mi disseterei.

    Se io fossi il deserto
    se i miei fianchi fossero dune
    tu saresti un guerriero tuareg
    e vestiresti d’azzurro
    sopra un cammello.
    In me ti accamperesti
    e accenderesti un fuoco
    pianteresti la tua tenda
    su di me accosteresti l’ orecchio.

    Ed io ti parlerei
    dei miei silenzi
    del vento che mi solleva in aria
    in turbinio
    delle tempeste di sabbia
    che mi offuscano la mente e gli occhi
    dei viaggiatori solitari
    che mi hanno percorsa
    le loro storie
    i loro carichi di spezie
    ti canterei i loro canti
    intonerei la loro musica.

    Se io fossi il deserto,
    se i miei fianchi fossero dune
    tu saresti le bianche fungaie
    e i calcari fossili,
    e le nummoliti nere
    e i pinnacoli di roccia
    e le montagne strapiombanti
    e io, da lì, mi butterei giù.

    Se io fossi il deserto,
    se i miei fianchi fossero dune
    tu saresti alternanza di colori e luci
    saresti il secco ghibli che toglie il respiro
    la durezza del sole
    saresti un disco rosso rovente
    e ogni giorno
    per mesi, per anni
    bruceresti la mia pelle
    saresti la calura
    che accende e infiamma ogni arbusto
    e avvampa in fuoco ogni filo d’erba.

    Saresti la mia desolazione,
    la mia squallidezza;
    saresti serpente strisciante
    e scorpione mortale e lucertola
    e ratto canguro e volpe fennec
    e poi
    saresti arsura
    saresti sete
    saresti aridit
    e io ne morirei.

    Per me saresti questo e altro e altro ancora
    se io fossi il deserto,
    e se i miei fianchi fossero dune
    ma, oggi, non saremmo qua,
    in questi quattro canti di Palermo
    in questo grande albergo a quattro stelle
    in questo grande letto a due piazze
    sdraiati a chiacchierare e a riposare
    con quest’arietta fresca che entra dalla finestra
    rivolta giusto verso noi
    rivolta sopra questi miei grandi fianchi
    sopra i miei grandi fianchi, grandi come dune,
    dune del deserto.

    Antonella Pizzo, nessuna precedente pubblicazione

Milano, 2006-09-08 03:25:55
� Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net



RASSEGNA DI POESIA
Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«[...] nessuna formula giuridica può garantire davvero contro l’eventualità di una “riconquista” cristiana dello Stato, contro i tentativi di instaurare lo “Stato cristiano” che era nei sogni del papato dell’Ottocento (mentre un analogo reciproco non potrebbe avvenire al contrario, nel rapporto dello Stato verso la Chiesa, fintanto che il primo si mantenga fermo ai suoi principî di libertà: un’assimmetria a tutto danno dell’autorità dello Stato).»

(Gustavo Zagrebelsky, Contro l’etica della verità, Later

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Le asine di Saul, sparpagliate nei sentieri infiniti della vita
Uno spazio nuovo di congiunzione nella scrittura per la Poesia e la Filosofia
Il “persiano” che si aggirasse nel nostro attuale panorama poetico e filosofico e tentasse di capire le distinzioni metodologiche della critica o i diversi approcci filosofici rimarrebbe interdetto di fronte alla grande quantità di libri poetici e filosofici che si stampano, rispetto al relativo scarso numero di lettori delle stesse opere, di fronte alla proliferazione di piccole o medie case editrici, rispetto ai tre o quattro grandi editori che decidono le leggi del mercato editoriale, insomma di fronte a tutta una serie di fenomeni prima ancora sociologici che letterari (Tiziano Salari)
Vertigine da infinito
Critica: il 'metodo Citati'
In questa intervista, Pietro Citati ripercorre il Novecento animato dall’interesse per l'infinità del 'senza limite', suggestione che, fin dai tempi dell’Ulisse dantesco, ha affascinato l’umanità. (Pierluigi Pietricola)
Il seno a punta di Gurù
Viaggio intorno a La pietra lunare di Landolfi
Ne La pietra lunare, le figure di donna che Giovancarlo, il personaggio di Tommaso Landolfi, immagina finiscono presto per coincidere con quella, inquietante quanto seducente, della donna-capra: Gurù «d’ossa e polpe». Donna-animale che è impossibile decifrare e, infine, possedere, come una sirena, perché proviene da un’altra realtà, non terrestre, marina o celeste o, in questo caso, lunare. Temi e figure ripetutamente frequentate, fiabesche, surreali, immaginose: Gurù non è dimessa e priva di lusinghe; Gurù canta a tutte le ore, come le sirene di Ulisse, abita sola e, oltretutto, legge libri — fatto questo che non può non suscitare una certa diffidenza. (Paolo Di Paolo)

Amante disperata
Breve racconto allegorico
Una lettera di sfogo ad un uomo dal cuore indurito dall'egoismo, un uomo cui quest'Amante aveva dedicato tutta sè stessa... tutte le sue energie... (Carla Montuschi)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008