ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

    IL PRIMO BUONGIORNO

    Sono ancora immersa
    Nel torpore dei pensieri del primo mattino
    Quando colgo la tua presenza:
    Sei lì, alle mie spalle, per darmi il tuo buongiorno.

    Colgo nel tuo lungo bacio
    Un desiderio forte, imperioso
    Che mi stupisce e poi si impossessa di me
    Piano piano, ma sempre più energicamente.

    E una bramosia dolce prima,
    Poi sempre più intensa e impaziente
    Nasce anche dal mio profondo essere.
    “Voglio fondermi con te” – mi dici.

    I tuoi baci che indugiano sul mio corpo
    Sono la più dolce delle torture,
    No, troppo presto adesso
    Ho pudore del mio corpo, temo ciò che provo.

    Desidero tanto abbracciarti davanti alle rondini
    E sentir fremere i tuoi glutei sodi sotto il mio tocco leggero.
    Anch’io vorrei fondermi con te,
    Godere insieme il brivido della nostra pelle a contatto.

    Sento la parte più oscura di te
    Entrare nel cuore della mia intimit ,
    Il mio ventre ti asseconda e ti accoglie
    Le mie gambe agganciano il tuo corpo disteso sotto di me.

    È un’unione forte e insieme meravigliosamente dolce,
    Come se io fossi stata sempre lì ad aspettarti.
    Ho bisogno di accarezzarti con la parte più intima di me
    Di sentire i nostri muscoli contrarsi al mio tocco.

    Il mio ondeggiare è lento sul tuo corpo
    Per godere ogni attimo della nostra vicinanza
    Ma le tue carezze ben presto mi travolgono
    E perdo il controllo del respiro e delle parole.

    E smarrisco la coscienza,
    Una forza estranea, una furia
    Si impossessa del mio essere e lo annulla,
    Agisce a prescindere dalla mia volont .

    L’ultimo mio desiderio
    È di andare sempre più forte
    Sempre più forte e più in fretta
    Sembra una giostra di piacere.

    Non siamo più un tu e un io ma un noi,
    Siamo un unico essere che vive di vita propria.
    L’esplosione del piacere coglie me e te
    Improvvisa, potente, incontrollabile…

    … e mi ritrovo, con i corpi ancora avviluppati,
    In un tenero abbraccio di sguardi,
    A esplorare dolcemente con la punta delle dita
    Il folto bosco delle tue sopracciglia.

    Buongiorno Amore

    E. S., titolo pubblicazione / nessuna precedente pubblicazione / opera non segnalata

Milano, 2006-09-15 01:11:44
� Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net



RASSEGNA DI POESIA
Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«– Sentii parlare di realismo. Che cos’è questo? –
– Dovrebbe essere – rispose il conte un po’ impacciato – un’arte di illuminare il reale. Purtroppo, non si tiene conto che il reale è a più strati, e l’intero Creato, quando si è giunti ad analizzare fin l’ultimo strato, non risulta affatto reale, ma pura e profonda immaginazione. –»

(Anna Maria Ortese, L’iguana;)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
In natura prevale la resistenza
Intervista a Luciano Erba
Luciano Erba, esponente di punta del gruppo di poeti denominato della Linea Lombarda, spiega il senso dei versi della raccolta poetica Remi in barca. Non un punto di arrivo, ma un economico riassetto personale, per procedere con maggiore efficienza e minor sforzo. (Maria Antonietta Trupia)
La formazione di “Pianissimo”
L’esperienza dell’interiorità
Ripercorrendo la vita di Camillo Sbarbaro negli anni che vanno tra il 1910 e il 1911, affiorano le ragioni ideali ed esistenziali che condussero il giovane poeta a comporre i versi fondativi di quel corpus organico di testi che è "Pianissimo". Il cuore quale “sismografo” di un periodo storico-letterario, è testimone di una vicenda personale ugualmente condivisa da altri scrittori d’inizio Novecento. (Daniele Pettinari)

Amante disperata
Breve racconto allegorico
Una lettera di sfogo ad un uomo dal cuore indurito dall'egoismo, un uomo cui quest'Amante aveva dedicato tutta sè stessa... tutte le sue energie... (Carla Montuschi)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008