ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

    Poco dopo quella visita si ripeté “l‘impossibile“ che
    gi fluttuava quasi materialmente intorno ad Agathe e
    Ulrich; accadde veramente senza che nulla accadesse.
    I fratelli si vestivano per una serata e non c‘era
    nessuno in casa, tranne Ulrich, per aiutare Agathe;
    non avevano incominciato in tempo e perciò per un
    quarto d‘ora s‘erano affrettati il più possibile, poi
    vi fu una piccola pausa. Sugli appoggi e sui piani
    della stanza era sparso pezzo per pezzo tutto
    l‘armamentario che una donna adopera in tali
    occasioni,
    e Agathe si chinava verso il suo piede con tutta
    l‘attenzione che esige l‘infilare una sottile calza di
    seta. Ulrich stava dietro di lei. Vedeva il capo, il
    collo, le spalle e quella schiena quasi nuda; il corpo
    era piegato un po‘ di lato, verso il ginocchio
    rialzato, e sul collo la tansione formava tre pieghe
    che attraversavano, agili ed allegre come tre frecce,
    la pelle chiara; la leggiadra corposit di
    quell‘immagine, scaturita da un silenzio improvviso,
    pareva aver perso la sua cornice e si trasmise così
    immediata e incomunicabile al corpo di Ulrich, che
    questi lasciò il suo posto e, non proprio inconscio
    quanto una bandiera spiegata dal vento, ma pur senza
    una risoluzione consapevole, s‘avvicinò in punta di
    piedi, piombò sulla reclinata e con dolce furore morse
    una di quelle frecce, mentre il suo braccio cingeva la
    sorella. Poi i denti di Ulrich si staccarono con la
    stessa cautela; con la mano destra egli aveva ghermito
    il ginocchio di Agathe e mentre col braccio sinistro
    stringeva a sé il suo corpo la strappò su scattando
    sui garetti. Agathe gettò un grido di spavento.
    Finora tutto si era svolto allegramente e
    scherzosamente, come in tanti episodi precedenti, e
    anche se era tinto dai colori dell‘amore, era pur
    sempre solo con l‘intenzione, timida in fondo, di
    nascondere, sotto questa veste serenamente familiare,
    la natura insolita e più pericolosa di quell‘amore.
    Ma quando Agathe ebbe vinto il proprio sgomento e non
    si sentì sospesa bensì adagiata nell‘aria, libera a un
    tratto da ogni peso, e guidata invece dalla dolce
    costrizione del movimento sempre più rallentato, ecco
    che per uno di quei casi che nessuno può dominare ella
    si trovò meravigliosamente placata e anzi affrancata
    da ogni inquietudine terrena; con un movimento che
    mutò l‘equilibrio del suo corpo e che mai avrebbe
    saputo ripetere ella strappò anche l‘ultimo filo di
    seta della costrizione, si volse cadendo verso il
    fratello, continuò ad ascendere pur nella caduta, e
    giacque precipitando come una nuvola di felicit nelle
    braccia di Ulrich. Egli la portò, stringendola
    dolcemente a sé, attraverso la stanza che si oscurava,
    fino alla finestra, e le stette accanto nella penombra
    mite della sera che le inondava la faccia come un
    fiotto di lacrime. Nonostante la forza che tutto
    questo esigeva, e la violenza che Ulrich aveva
    esercitato sulla sorella, tutto ciò che essi facevano
    parve loro stranamente remoto dalla forza edalla
    violenza; si sarebbe forse potuto paragonare con lo
    strano e meraviglioso fervore di un quadro, che per la
    mano che lo afferra dall‘esterno non é altro che una
    ridicola superficie pitturata. Così essi non aveveno
    in mente null‘altro che l‘evento corporeo che occupava
    tutta la loro coscienza, eppure accanto alla sua
    natura di scherzo innocente e all‘inizio anche un po‘
    rozzo che metteva in moto tutti i muscoli, esso
    presentava una seconda natura che paralizzava
    delicatissimamente tutte le membra e al tempo stesso
    le recingeva con inesprimibile sensitivit . Con aria
    interrogativa essi si avvinsero le braccia intorno
    alle spalle. Divennero partecipi della figura fraterna
    dei loro corpi, come cresciuti entrambi da una stessa
    radice. Si guardarono l‘un l‘altro negli occhi, come
    se vedessero per la prima volta qualche cosa di
    simile. E anche se non avrebbero saputo raccontare ciò
    che era accaduto perché la loro partecipazione era
    troppo fervida, sapevano tuttavia di essersi trovati
    all‘improvviso, per un attimo, proprio dentro a quello
    stato comune al cui limite avevano spesso esitato, che
    tante volte s‘erano descritto a vicenda e che pure
    avevano sempre contemplato solo dal di fuori.
    Esaminando l‘accaduto a sangue freddo - e così,
    nascostamente, cercavano di fare entrambi - esso
    sembrava poco più che un caso fortuito e affascinente,
    che tra un istante, o almeno col ritorno di
    un‘occupazione, si sarebbe dissolto nel nulla;
    tuttavia ciò non accadde. Al contrario, essi vennero
    via dalla finestra, accesero la luce, ripresero le
    loro attivit , ma ben presto tornarono ad
    abbandonarle; e senza aver preso accordi, Ulrich andò
    al telefono e informò la casa dov‘erano aspettati che
    non sarebbero venuti.



    Poco dopo quella visita si ripeté “l‘impossibile“ che
    gi fluttuava quasi materialmente intorno ad Agathe e
    Ulrich; accadde veramente senza che nulla accadesse.
    I fratelli si vestivano per una serata e non c‘era
    nessuno in casa, tranne Ulrich, per aiutare Agathe;
    non avevano incominciato in tempo e perciò per un
    quarto d‘ora s‘erano affrettati il più possibile, poi
    vi fu una piccola pausa. Sugli appoggi e sui piani
    della stanza era sparso pezzo per pezzo tutto
    l‘armamentario che una donna adopera in tali
    occasioni,
    e Agathe si chinava verso il suo piede con tutta
    l‘attenzione che esige l‘infilare una sottile calza di
    seta. Ulrich stava dietro di lei. Vedeva il capo, il
    collo, le spalle e quella schiena quasi nuda; il corpo
    era piegato un po‘ di lato, verso il ginocchio
    rialzato, e sul collo la tansione formava tre pieghe
    che attraversavano, agili ed allegre come tre frecce,
    la pelle chiara; la leggiadra corposit di
    quell‘immagine, scaturita da un silenzio improvviso,
    pareva aver perso la sua cornice e si trasmise così
    immediata e incomunicabile al corpo di Ulrich, che
    questi lasciò il suo posto e, non proprio inconscio
    quanto una bandiera spiegata dal vento, ma pur senza
    una risoluzione consapevole, s‘avvicinò in punta di
    piedi, piombò sulla reclinata e con dolce furore morse
    una di quelle frecce, mentre il suo braccio cingeva la
    sorella. Poi i denti di Ulrich si staccarono con la
    stessa cautela; con la mano destra egli aveva ghermito
    il ginocchio di Agathe e mentre col braccio sinistro
    stringeva a sé il suo corpo la strappò su scattando
    sui garetti. Agathe gettò un grido di spavento.
    Finora tutto si era svolto allegramente e
    scherzosamente, come in tanti episodi precedenti, e
    anche se era tinto dai colori dell‘amore, era pur
    sempre solo con l‘intenzione, timida in fondo, di
    nascondere, sotto questa veste serenamente familiare,
    la natura insolita e più pericolosa di quell‘amore.
    Ma quando Agathe ebbe vinto il proprio sgomento e non
    si sentì sospesa bensì adagiata nell‘aria, libera a un
    tratto da ogni peso, e guidata invece dalla dolce
    costrizione del movimento sempre più rallentato, ecco
    che per uno di quei casi che nessuno può dominare ella
    si trovò meravigliosamente placata e anzi affrancata
    da ogni inquietudine terrena; con un movimento che
    mutò l‘equilibrio del suo corpo e che mai avrebbe
    saputo ripetere ella strappò anche l‘ultimo filo di
    seta della costrizione, si volse cadendo verso il
    fratello, continuò ad ascendere pur nella caduta, e
    giacque precipitando come una nuvola di felicit nelle
    braccia di Ulrich. Egli la portò, stringendola
    dolcemente a sé, attraverso la stanza che si oscurava,
    fino alla finestra, e le stette accanto nella penombra
    mite della sera che le inondava la faccia come un
    fiotto di lacrime. Nonostante la forza che tutto
    questo esigeva, e la violenza che Ulrich aveva
    esercitato sulla sorella, tutto ciò che essi facevano
    parve loro stranamente remoto dalla forza edalla
    violenza; si sarebbe forse potuto paragonare con lo
    strano e meraviglioso fervore di un quadro, che per la
    mano che lo afferra dall‘esterno non é altro che una
    ridicola superficie pitturata. Così essi non aveveno
    in mente null‘altro che l‘evento corporeo che occupava
    tutta la loro coscienza, eppure accanto alla sua
    natura di scherzo innocente e all‘inizio anche un po‘
    rozzo che metteva in moto tutti i muscoli, esso
    presentava una seconda natura che paralizzava
    delicatissimamente tutte le membra e al tempo stesso
    le recingeva con inesprimibile sensitivit . Con aria
    interrogativa essi si avvinsero le braccia intorno
    alle spalle. Divennero partecipi della figura fraterna
    dei loro corpi, come cresciuti entrambi da una stessa
    radice. Si guardarono l‘un l‘altro negli occhi, come
    se vedessero per la prima volta qualche cosa di
    simile. E anche se non avrebbero saputo raccontare ciò
    che era accaduto perché la loro partecipazione era
    troppo fervida, sapevano tuttavia di essersi trovati
    all‘improvviso, per un attimo, proprio dentro a quello
    stato comune al cui limite avevano spesso esitato, che
    tante volte s‘erano descritto a vicenda e che pure
    avevano sempre contemplato solo dal di fuori.
    Esaminando l‘accaduto a sangue freddo - e così,
    nascostamente, cercavano di fare entrambi - esso
    sembrava poco più che un caso fortuito e affascinente,
    che tra un istante, o almeno col ritorno di
    un‘occupazione, si sarebbe dissolto nel nulla;
    tuttavia ciò non accadde. Al contrario, essi vennero
    via dalla finestra, accesero la luce, ripresero le
    loro attivit , ma ben presto tornarono ad
    abbandonarle; e senza aver preso accordi, Ulrich andò
    al telefono e informò la casa dov‘erano aspettati che
    non sarebbero venuti.







    Robert Musil, L\\\'uomo senza qualit

Milano, 2006-09-15 23:05:32
� Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net



RASSEGNA DI POESIA
Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«I risultati che gli pervennero Provenzano li tenne per sé, ma Giuffré riuscì a sapere che alcuni imprenditori del Nord si erano dichiarati favorevoli all’eliminazione di Falcone e Borsellino.»

Andrea Camilleri, Voi non sapete. Gli amici, i nemici, la mafia, il mondo nei pizzini di Bernardo Provenzano

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

I Musei Vaticani
Una straordinaria sedimentazione di Storia
Musei e Gallerie Pontificie, questa è l’esatta definizione dei Musei Vaticani, che conservano più di 70.000 oggetti, più gli altri 50.000 nei depositi. Dalle opere egizie alle statue classiche, dalla Pinacoteca al museo etnologico, alla ricca collezione contemporanea. Un complesso museale di straordinaria importanza che comprende: la Cappella Niccolina con le pitture di Beato Angelico, l’Appartamento Borgia decorato da Pinturicchio, le Stanze di Raffaello e, naturalmente, la Cappella Sistina con gli affreschi michelangioleschi. (Elena Marocchi)
Dal palcoscenico all'aula
Significato e valore della trasmissione del sapere
Da questo colloquio con Moni Ovadia cerchiamo di ricostruire il percorso che ha portato il musico-teatrante all'insegnamento dell'umorismo ebraico all'Università di Padova, le emozioni e la lezione che lui stesso ha ricavato da questa esperienza e che condivide con noi. (Laura Tussi)
La scrittura di Pianissimo: la poetica dell’interiorità
Parte seconda: «Camminare è stato sempre il mio modo migliore di vivere»
La città moderna, finora estranea alla rappresentazione poetica, con Camillo Sbarbaro fa il suo ingresso nella storia letteraria come uno dei temi caratterizzanti la condizione esistenziale del Novecento, fra attrazione e terrore, partecipazione e rifiuto, via di fuga e condanna. Lo scenario della città come luogo del vagabondare notturno, diviene un ambiente, localizzato nei «vicoli» e nei «fondaci», animato dalle figure che nella prostituzione, nella povertà, nell’alcool consumano la propria esistenza, e a cui il poeta guarda con sentimenti di partecipazione, di «fraternità», quasi di invidia. (Daniele Pettinari)

Akiko e le nuvole

Ogni separazione è come un volo, il distacco dalla terraferma e da ogni certezza. Una donna, il vento, il mare e le nuvole. La storia biografica di Akiko attraverso un breve componimento "alla giapponese" (Vilma Viora)
Un romanzo per volto, la parola per vestito
Il primo romanzo di Elena Ferrante
Nell'incipit de L'amore molesto, il corpo di una donna galleggia nella risacca del litorale di Spaccavento. Inizia così l'indagine retrospettiva della Ferrante nell'immaginario di una ragazzina raggomitolata sulla soglia di tormentosi ricordi che si intrecciano a fantasie infantili lontane nel tempo... (Luca Gabriele)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008