ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

Per una nuova etica dello sviluppo

Il tema dei RIFIUTI prosegue in questo semestre (gennaio-giugno 2007) una serie di argomenti incentrati sull\'Ambiente, che ItaliaLibri sottopone alla sensibilità, all\'immaginazione, alla razionalità degli autori. I frutti (versi, racconti o saggi) verranno accolti sul sito e tra le pagine della nuova pubblicazione letteraria.
SEZIONE POESIA
[ RACCONTI ] | [ SAGGI ]

    COME STELLE INCANDESCENTI

    Riappropriatasi del silenzio si strinse al mio corpo
    morbida strisciante strisciando strusciante
    carnale la sua alla mia carne da mendicante.
    In questa carne nella quale s’incarna dopo
    aver goduto soprusi e pensieri fissandomi
    nella mia immobilit . Vortice che ci assale
    e ci fa dimenticare la voglia e il male
    caduto fra palpebre in un manto di foglie via
    in questi occhi catturati da tempo nei miei. Mia
    in questo sangue di mirtilli abbandonati
    su cosce rese livide da mani invadenti
    come stelle incandescenti.

    Massimo D'Arcangelo, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 18:28:28)

    L’OBESA


    Se ne stava sdraiata con le chiappe
    chiare al vecchio sole di Babilonia.
    I soldati sbarcati da altra colonia
    teppistelli da galoppo delle grosse chiappe
    nei cervelli ialini ne fecero un tesoro.

    “Cavalcare una vacca di Somalia non è la stessa
    cosa scrofa mia assai viziosa. Obesa
    di bei sogni apri bene i gran monsoni, l’oro
    lo ha il mattino in bocca e lo hai te

    che alle mie fantasie poni fine. Sii forte
    mia signora la divisa che ci porta di galante
    ha solo il manto. Ma non basta! Non son sante
    le mie mani, la mia mano per pregare non è buona.

    Non cercare da me né anello né corona.
    Dileguare su argomenti poco fini sono cose da sovrana.
    Titubare in questo caso non occorre, non son sante
    le tue gambe! Monta su, su questo fimo oh mia pedante!”

    Massimo D'Arcangelo, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 18:28:28)

    Sull’ultimo vagone dimesso
    della stazione immerso
    tra l’erbaccia e i rami
    stecchi e spinosi ti leccavo
    mio unico dolore
    mio dolce sogno d’amore.

    Massimo D'Arcangelo, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 18:28:28)

    CONTROLUNA

    Ti spio i tuoi silenzi vivi
    adorni di riccioli e d‘insonnia
    io vengo ad incontrarti lungo i rivi
    disamorato per sogno
    ed unto d‘altri arrivi
    noi smorti in questo sonno penitenza
    noi per pigrizia ancora svivi.
    Lontano dai silenzi e dai declivi
    ti trovo caro e caro amico caro
    t‘annuso vago parlo mordo e baro.
    Domani noi saremo forse vivi.

    Nichi Vendola, Ultimo Mare Manni Editore (2006-09-15 18:27:17)

    MAGNOLIA



    È un frutto di fico
    squarciato da un morso – il pube languido
    che riposa umido sotto le lenzuola –
    che secerne a gocce,
    lungo la buccia verde e liscia,
    dal picciolo strappato
    il liquido vischioso e bianco come il latte.
    Migrano sull’albero nodoso i pensieri stanchi;
    oltrepassando il diaframma
    di una finestra dagli scuri socchiusi
    e graffiandosi con le sue foglie ruvide e ampie.
    La stanza non è buia; è solo in penombra
    ed è per questo che accoglie
    silente
    tutti i rumori e gli odori dolci dell’estate.
    È bastato poco perché estremit carnose
    s’aprissero al tocco leggero di dita esperte.
    Sei come il vento bizzarro e impudico di giugno:
    che sfoglia e scarta i petali dei fiori della magnolia
    e ne disperde poi,
    nell’aria, il polline giallo e farinoso.

    Cristina Leti, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 10:48:50)

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net


[Inizio] [Prec.] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 [Succ.] [Fine]

SEZIONE POESIA
[ RACCONTI ] | [ SAGGI ]

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«In quanto poi alla definizione di "magistrato gentiluomo", c’è da restare esterrefatti: si vuol forse adombrare che possa esistere un solo magistrato che non lo sia?»

(Leonardo Sciascia, I professionisti dell’antimafia da «Il Corriere della Sera» del 10 gennaio 1987)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Per una psicanalisi non istituzionalizzata
Al di fuori di qualunque dogmatica moralità
Si può uccidere la psicanalisi, dice Cesare Viviani ('L’autonomia della psicanalisi'), facendone uno strumento del conscio per neutralizzare l'inconscio o, più rozzamente assimilandola alla psicoterapia, oppure, confondendo l'ermeneutica con l'interpretazione e, ancora, utilizzandola al fine di un'omologazione culturale. (Roberto Caracci)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
Pietà proibita
Malaparte e Pasolini di fronte allo “scandalo” del Cristo
In origine concepito per essere un romanzo, il Cristo proibito, per il suo iper-realismo, anticipa un certo cinema degli anni ’60-’70 e introduce la cinematografia pasoliniana. Sono gli innocenti che devono sempre pagare ma sono essi che fanno camminare il mondo. Malaparte e Pasolini hanno entrambi vibrato tra cosmopolitismo e ricerca di un’autentica identità nazionale, profeti di un’Italia più moderna e veggenti dei pericoli disumanizzanti del progresso e del benessere. (Pasquale Vitagliano)

Amante disperata
Breve racconto allegorico
Una lettera di sfogo ad un uomo dal cuore indurito dall'egoismo, un uomo cui quest'Amante aveva dedicato tutta sè stessa... tutte le sue energie... (Carla Montuschi)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Povera, ma non semplice
E alla fine l'hanno capita anche i critici
Anna Maria Ortese è tra i pochi scrittori italiani ad aver saputo praticare a livello altissimo la professione del giornalista, dell'inviato; ha saputo raccontare l'Italia del suo tempo, e non solo l'Italia, come pochi altri nostri scrittori e pochissimi giornalisti. La critica italiana e internazionale la pone oggi, con il suo spirito audace e visionario, tra le figure più grandi della letteratura europea, al pari della della Morante, della Woolf e della Mansfield. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008