ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

Per una nuova etica dello sviluppo

Il tema dei RIFIUTI prosegue in questo semestre (gennaio-giugno 2007) una serie di argomenti incentrati sull\'Ambiente, che ItaliaLibri sottopone alla sensibilità, all\'immaginazione, alla razionalità degli autori. I frutti (versi, racconti o saggi) verranno accolti sul sito e tra le pagine della nuova pubblicazione letteraria.
SEZIONE POESIA
[ RACCONTI ] | [ SAGGI ]

    2
    Ho trovato la tua fotografia di donna in embrione
    invecchiata nel fissaggio
    Le tempie pulsano
    mentre affoco la tua immagine
    e riassaporo l’odore di femmina
    e le labbra arrossate
    e le dita scalpitanti le vene del collo
    e le mani che scivolano per curve dossi
    e fiordo schiumoso
    dove il mio pene approdando scompare
    Ora quelle gambe non mi camminano accanto
    e divergono nel tramonto del letto a due posti
    Supplico una pausa all’edema che in basso mi cresce al pensiero
    di quando m’insidiavi il sonno
    divaricando il tuo mistero di cacciatrice e preda

    Gian Franco Manetta, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 02:07:03)

    1

    Non so cosa accade
    dieci anni dopo
    per giorni intenti a consumare
    lettere spedite via aerea
    e per donne sfilate a perline di teatro
    Un carro spargeva sale per le strade gelate
    ed il sangue mi scavò un buco
    e ricordo appena le mie dita cacciate
    nella presa di corrente che scuote
    il tuo culo dal mio addome
    e la tua fronte che, di tanto in tanto,
    preme contro il muro della cucina.
    C’era febbre nella tua vagina
    Sentivo il mercurio salire
    lungo l’asta del mio cazzo
    Ora il fico adombra il tavolo da giardino
    ma allora copriva a stento
    il tuo pube arrossato

    Gian Franco Manetta, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 02:00:41)

    11

    Lungo la linea eroica
    che separa le sabbie asciutte
    dalla sabbia bagnata
    aspetto il tuo fantasma scolorito
    dal sale del mio sesso
    Giungerai dal largo con un vestito
    a rombi e quadri
    e non approderai sullo scoglio
    dove Venere mi rubò gli occhi
    E m’innamorerai
    dei tuoi tentacoli intenti a succhiare mandaranci
    ed avrai la bocca accesa
    mentre godrò di questo corpo che affonda
    e cattura gli occhi
    di noi amanti
    socchiusi ad un raggio di piacere
    Ed io sarò meno mortale
    guardando lo sperma
    che riempie la fossetta
    del tuo ombelico.

    Gian Franco Manetta, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 02:00:41)

    14

    … ma sussulta ancora il timer
    che mi porto appresso
    se tu scomponi lenzuola appena lavate
    dagli umori che stanotte tentavano di sfiancarmi
    Ricordi il primo sguardo
    Fu come una vagina che si apre
    e mi prende gli occhi
    e la bocca non tace
    e maledice la luna
    e dice, dice, dice!
    Immaginai un treno che solcava e strideva
    ogni volta che il piacere ti serrava l’uscio
    Ricordi il primo sguardo
    Si confuse con il giallo di un semaforo nervoso
    e con le mie mani
    che frugavano dentro la tua scollatura.


    Gian Franco Manetta, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 02:00:41)

    La notte come un filo si dipana
    e da un estremo all’altro noi restiamo
    disgiunti eppure avvinti
    al filo, inesorabile richiamo.
    Chiamami da lontano,
    da lontano ti chiamo
    mio fuoco, incendio, rogo
    e la tua voce crépita, m’avvolge.
    Consunta sto, rappresa
    fremendo per la voglia che mi sale
    e ancora torna a ravvivar la brace…

    Rita R. Florit, Labirinti e Fuochi (e-book - Feaci edizioni) (2006-09-15 01:40:11)

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net


[Inizio] [Prec.] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 [Succ.] [Fine]

SEZIONE POESIA
[ RACCONTI ] | [ SAGGI ]

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«La pace che dall’alto ci sorride non è la quiete, né la rassegnazione, ma l’opera alacre e continua per la verità, la giustizia e il bene comune»

(Ernesto Teodoro Moneta, Premio Nobel per la pace 1907)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
Vertigine da infinito
Critica: il 'metodo Citati'
In questa intervista, Pietro Citati ripercorre il Novecento animato dall’interesse per l'infinità del 'senza limite', suggestione che, fin dai tempi dell’Ulisse dantesco, ha affascinato l’umanità. (Pierluigi Pietricola)
Il bell'Antonio e la sindrome di Don Giovanni in Sicilia
La ricerca sfrenata dell’apparenza
Ai nostri giorni la ricerca dell’affermazione dell’uomo sulla donna si è fatta – se possibile – ancor più aspra e prepotente che mai, forse per il timore da parte delle donne di perdere quel terreno che tante conquiste femminili hanno da tempo – anche se illusoriamente – guadagnato e da parte degli uomini la paura di averne perso troppo. La storia de "Il bell’Antonio" di Vitaliano Brancati (edita nel 1949) si ripropone attualissima ed emblematica. (Maria Ludovica Moro)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Capitale umano
Un piccolo investimento in vista di un più importante profitto
Un tempo, ci chiamavano sciuscià. Uscivamo da una guerra, dalle notti infinite di bombardamento continuo. Ora i nuovi reduci si chiamano Alì, Mohammed, Sharif, Shumon. Vengono dalla Nigeria, dal Marocco, dalla Romania, dall’Afghanistan. Approdano nelle nostre città e scalciano per accaparrarsi un cantuccio d’umanità. Eraldo Affinati, nel suo ultimo romanzo, 'La città dei ragazzi', insegna loro a esprimersi: scrivere e parlare italiano. Ma ha anche voglia di imparare, il maestro, di conoscere e vedere. Per questo segue i suoi allievi in un viaggio in Marocco, per ritrovare casa. Per costruire una tana, nel deserto della comunicazione. Per ritrovare volti e voci che il tempo ha spazzato via, come sabbia sotto il vento. (Luca Gabriele)
Il giudice mite
Il pensiero, tra verità e dubbio
Gustavo Zagrebelsky, piemontese, è uno degli spiriti più brillanti della magistratura, un sostenitore convinto delle potenzialità di sviluppo della democrazia, uno strenuo difensore della carta costituzionale e della laicità dello Stato. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008