ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

SCRIPTORIUM

Per una nuova etica dello sviluppo

Il tema dei RIFIUTI prosegue in questo semestre (gennaio-giugno 2007) una serie di argomenti incentrati sull\'Ambiente, che ItaliaLibri sottopone alla sensibilità, all\'immaginazione, alla razionalità degli autori. I frutti (versi, racconti o saggi) verranno accolti sul sito e tra le pagine della nuova pubblicazione letteraria.
SEZIONE POESIA
[ RACCONTI ] | [ SAGGI ]

    Sboccerò per te come un bel fiore
    per lenire la tua pena segreta,
    sarò quel che ti appaga e che ti quieta
    per magica virtù del mio valore.

    Per sempre io resterò l’ardente face
    che ti riscalda, e quando l’ora scocca
    dell’amore, alla mano che mi tocca
    un dolce corpo che si dona e tace.

    Tamara Legnani, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 01:05:20)

    Ignori forse tu come ti sbatto
    se nudo m’offri il tuo corpo procace
    ed arde di libidine tenace
    la tua buia matrice a darsi pronta,

    se per sfrenata brama oggi ti piace
    d’esser intera posseduta a un tratto,
    così impetuosamente t’ho disfatto
    prima che tutta la tua voglia tace.

    E stringere e allentar mi piace il corso
    che ti aggrada di sì buona ragione
    per ghermirti dinanzi ovver nel dorso.


    Amica, quanto più devotamente
    mi chino su quel tuo corpo di ghiaccio,
    tanto, lo sento dopo il primo abbraccio
    d’un tratto tutto diventar rovente.

    E poi che il desiderio mio con niente
    mi fa di fuoco subito o di ghiaccio,
    con sempre rinnovata voglia ardente,
    io con quattro tentacoli ti allaccio.

    E mordere col mio avido dente
    le dolcissime forme prese al laccio,
    consentendo la bocca sorridente.

    Altro far non poss’io qua veramente
    che posseder quel tuo corpo di ghiaccio
    nell’immaginazion sfrenatamente.


    Sboccerò per te come un bel fiore
    per lenire la tua pena segreta,
    sarò quel che ti appaga e che ti quieta
    per magica virtù del mio valore.

    Per sempre io resterò l’ardente face
    che ti riscalda, e quando l’ora scocca
    dell’amore, alla mano che mi tocca
    un dolce corpo che si dona e tace.

    Ed ecco, all’improvviso tu ti senti
    oltrepassata, gi da me remota,
    cima, forse, d’un muto desiderio,
    d’una affannosa caccia…


    Il trionfo delle poppe, quella forte
    passione delle forme !
    la vita che ti invade è tutta da scoprire.
    sopra di te quel blocco
    d’attesa e di silenzio…


    La rivedo non più sola, diversa,
    sospinta indietro da un muro di nebbia e di anni…
    Lo sguardo di lei, fiera
    che ostenta altri pensieri
    dell’uomo di cui vanta,
    (e certo le deisdera !)
    le carezze e la sferza…

    Pietro Vasco, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-15 01:04:53)

    LE TUE MUTANDINE

    I merletti delle tue mutandine
    ondeggiano ancora su un vecchio balcone
    con la ringhiera arrugginita
    e lisa in più parti.
    Le guardo ancora, a volte,
    nel silenzio delle mie notti
    che durano una eternit .
    Mutandine bianche
    e trasparenti,
    che m’hanno fatto sognare
    in silenzio,
    mentre le osservavo
    sventolare al vento.
    E tu, viziosa,
    mi spiavi dalla finestra
    socchiusa
    quasi a cogliere le mie emozioni
    ed i miei primi tremori.
    Quanti sogni repressi,
    quanti turbamenti,
    quanti improvvisi rossori
    quando t’affacciavi al balcone
    e le staccavi lentamente
    simulando indifferenza.
    Ora, con lo sguardo perso nel nulla,
    penso alle rughe del tuo volto
    ed al tuo corpo disfatto
    che gli anni ti hanno
    regalato.
    Ma ricordo (e sogno),
    ancora,
    quelle mutandine di merletto
    ondeggianti
    ad un balcone
    con la ringhiera lisa
    e arrugginita.
    (Lillianes 22/06/2003 21.47)


    REPRESSIONI

    Quel ginocchio,
    ricordo,
    vogliamente
    abbracciato a due natiche
    sporgenti da una sedia,
    che lento strofinavo,
    tra un pater e un gloria,
    mentre il prete officiava
    ignaro all‘altare.

    E l‘ombra del peccato
    m‘aleggia addosso,
    ancora,
    ma anche del piacere
    che soffuso provavo
    a quel contatto
    ricambiato in silenzio.

    Scrollo alla finestra
    le immaggini rapprese
    negli angoli più bui dell‘intelletto:
    ombre lucenti
    destinate a vivere
    insieme ad altre repressioni
    che non riesco
    a buttare nel cestino.

    (Campo Tizzoro 09/11/99 16.25)


    VIA DELLE BARE
    (La Bertina)

    Via delle Bare numero sette,
    c’è la Bertina che mostra le tette,
    mostra le tette e qualcos’altro
    al suo vicino ch’è poco scaltro.

    Via delle Bare numero sette
    senza riguardo lei se lo mette
    se lo mette senza ritegno
    perché quello è solo il suo regno.

    E’ la Bertina una donna di mondo
    ha il culo bianco, ha il culo tondo,
    la sua vicina lei fa godere,
    con il salame del salumiere.

    Via delle bare numero sette
    e la Bertina canta e non smette
    canta e ridacchia sera e mattina
    per far dispetto alla vicina.

    E’ la Bertina una donna che intende
    sbircia chi passa dietro le tende
    se nella piazza v’è un signorino
    lei di sicuro gli frega un soldino.

    Via delle Bare numero sette
    se lui lo toglie lei lo rimette
    vuole godere sera e mattina
    questa è la vita della Bertina.

    E’ la Bertina una donna intrigante
    ama la vita, gode ogni istante
    senza pagare lei ci guadagna
    prova l’amore ed anche ci magna.

    Via delle Bare numero sette
    v’è la Bertina che mostra le tette
    mostra le tette e il culo bianco
    a chi la sbatte e non è stanco.

    (Boccheggiano 20/07/2005 22.49)

    PRIME SESSUALITA’

    Canta ancora,
    la nenia al tuo bambino.
    Dondola pian piano
    Il pargolo adagiato sull’anca
    appoggiata sul cavicchio
    d’una sedia di paglia
    e l’altra dondolante sul pavimento.
    Fammi intravedere, ancora,
    come un tempo,
    con indifferenza,
    il candore delle tue cosce
    che s’allargano e si rinchiudono
    scoprendo a tratti
    le bianche mutandine
    che m’han fatto sognare
    approdi mai raggiunti.
    Sbircio ancora
    Il tuo seno prorompente
    col capezzolo arrossato
    affacciato dalla nera camicetta,
    lasciato volutamente scoperto
    dopo aver allattato il tuo bimbo.
    Quante volte ho spiato
    tra i rami del fiordangelo
    le tue grazie
    che con indifferenza
    mi lasciavi alla vista.
    E tu eri conscia
    delle emozioni che provavo
    e provavi,
    tu, mamma-bambina,
    che giocavi con malcelata malizia
    a svegliare le mie prime sessualit
    represse.

    (Lillianes 27/06/2003 23.45)

    PASSIONI ANTICHE

    Allungai a mano
    e nel sonno il corpo tuo palpai:
    carezze antiche
    e baci ormai sopiti
    rinvennero dai fiordi della mente.
    Vagai nel dormiveglia
    sul fiume dei mei anni:
    morbide sensazioni di pelle vellutata
    e dolci pensieri di affetti mai scordati
    tornarono nel cuore prorompenti.
    Ansie ed impulsi antichi
    e tradimenti,
    movimenti del corpo nel buio d’una stanza,
    gridoline di gioia e di piacere
    rimbalzarono sui muri
    d’una casa ormai lontana
    e mai dimenticata.
    Il sonno scese lieve
    e un mare di passioni
    avvolse la mia mente.
    Passioni sempre vive
    per un amore mai dimenticato,
    per certi baci
    ancora vivi e caldi sulle labbra,
    per un soffuso odore della pelle
    confuso tra il sudore,
    mischiato al nero scomposto dei capelli
    sciolti sui seni bianchi e affusolati.
    Quelle passione antiche
    che pulsano insistenti
    in certe notti bianche a ripensare
    onde di mare e mormorio di gente,
    movenze rapide del corpo e della mente.
    E poi l’amore che schizza per la stanza
    sopra il tuo corpo
    che ormai non sa di niente!

    (Lillianes 31/01/2003 11.45)

    DORMIENTE

    Un bottone staccato,
    dal suo pigiama rosa,
    mostrava la corona
    d’un capezzolo svogliato.
    Antico fulgore
    di desiderio e amore
    che solletica
    i sensi ormai assopiti
    e t’addolcisce il cuore.

    (Boccheggiano 28/09/2005 13.15)

    Salvatore Armando Santoro, www.poetare.it/santoro.html (2006-09-14 16:30:11)

    Sentire il calore
    del tuo corpo,
    sprofondare il viso
    tra i seni
    asciutti e profumati,
    aderire a te
    dolcemente,
    fluttuare tra le lenzuola.

    E poi.
    Poi giunge la tempesta
    che ci fa andare su e giù
    che ci sbatte ai margini del letto
    che ci fa gridare di tormento.

    Un’eruzione
    mi seda
    ti inonda.
    Ricado tra i tuoi seni
    ora bagnati.

    Luigi Parise, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-14 01:07:50)

    TRAVAGLI

    Giacciono i miei versi
    trafitti dai tuoi dinieghi,
    da fuori stille d’alba
    intaccano le ultime
    ore di questa notte liquorosa
    orfana del tuo corpo di melassa.

    L’ho sognato, bramato,
    penetrato tra le onde spumose
    delle lenzuola, ogni gemito
    un rintocco raggiante sulla pelle.
    Dai, lascia un morso di ciliegia
    sul tornio delle mie labbra,
    che possa modellarlo
    in forma di rosa e farne bottoni
    per i tuoi seni da succhiare
    come pistilli di pervinche.

    Pensavo a versi duri, sai, audaci,
    versi che schiudano le cosce delle
    donne, dopo l’ennesimo
    ti amo ripudiato, ma via
    che sfiata quel grumo
    d’orgoglio che ci tiene
    restano i sogni e le segrete pene.

    Giuseppe Tirotto, nessuna precedente pubblicazione (2006-09-14 01:07:18)

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net


[Inizio] [Prec.] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 [Succ.] [Fine]

SEZIONE POESIA
[ RACCONTI ] | [ SAGGI ]

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Quel che appare certo è che sia i nostri «sogni di fuga», che le nostre immagini della terra come «nave d’appoggio» dell’astronauta futuro, iniziano dal nauta ateniese.»

(Massimo Cacciari, Geofilosofia dell’Europa)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
La letteratura nel cinema
Intervista al fondatore dell'«Italian Poetry Review»
Paolo Valesio insegna da trent’anni nelle università americane, dove la letteratura italiana suscita sempre un certo interesse. Più la narrativa che la poesia, più i contemporanei che i classici, grazie anche al collegamento tra cinema e letteratura, ovvero all’illustrazione cinematografica di movimenti letterari... (Maria Antonietta Trupia)
Il dolore del vivere
(Da assaporare fino all'ultima stilla)
La poesia di Camillo Sbarbaro fa da spartiacque fra la poesia del primo Ottocento e quella della prima rivoluzione industriale. L'atonia vitale, la pietrificazione interiore dell'individuo che assiste da spettatore inerte alla vita, la frantumazione della propria identità nei rapporti con il mondo esterno, sono la misura del disagio che l'uomo Sbarbaro avverte nei confronti di un'esistenza che subisce, volendola vivere nondimeno con avidità. (Anna Maria Bonfiglio)

I due destini di uno scarto
(Grazie ad esso la vita acquista un senso nuovo)
La velocita lo comprime. Ogni secondo diventa prezioso per chi vuole arrivare e per chi, al contrario, non desidera partire. O meglio... di-partire. Del tempo, dunque, meglio non gettare via nulla. Neanche uno scarto. (Carla Montuschi)
Dove sono andati a finire i fatti?
La libertà di un paese è proporzionale all'indipendenza dei suoi organi d'informazione
La scomparsa dei fatti è il libro che Marco Travaglio ha dedicato alla mala-informazione. Se si è d'accordo che in democrazia comanda l’elettore, è cruciale – al di là del gossip, al di là del sensazionalismo a vanvera – rendersi conto di cosa succede davvero e rendersi conto fino a che punto si possa contare sui mezzi d’informazione. Ma soprattutto, su quali testate e su quali pseudo-professionisti non si possa davvero fare affidamento. (Redazione Virtuale)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008