Notizie ItaliaLibri

Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.

Gratis!

ncora una volta, in una tradizione che prosegue indisturbata da cinquantacinque anni, il Premio Strega ha raggiunto il traguardo ed incoronato il suo nuovo re. E’ Domenico Starnone (vedi intervista) con Via Gemito (Feltrinelli) e 133 voti, sui 373 espressi dagli “Amici della domenica”, ad aver usurpato il trono su cui, altrimenti, ora sarebbe seduto Vincenzo Cerami con il romanzo Fantasmi (Einaudi) , che di voti ne ha totalizzati 111. Terzo, con 80 preferenze, Antonio Debenedetti con Un giovedì dopo le cinque ( Rizzoli) ed infine, abbastanza distaccati, Danilo Donati con Coprifuoco, edito da Newton Compton (25 preferenze) e Paola Mastrocola con Palline di Pane (Guanda) e 21 voti.

Nella cronaca di questa nuova edizione del premio e nel suo regolare sottofondo misto di pettegolezzi, leggende e polemiche, è d’obbligo riferire di quel passato che, essendo sconosciuto a tutti coloro i cui ricordi si fermano di fronte ai cancelli dell’ anagrafe, ci ha rappresentato e continua a rappresentarci, sia personalmente che come colletività. I più anziani, ad esempio, portano con sé la memoria di quei giorni in cui, era il 1954, la lettura confusa delle schede da parte dell’ allora presidente Moravia, a pochi fece capire chi stava per vincere. I più votati tra i finalisti, infatti, avevano nomi che rimavano l’uno con l’altro - Patti, Buzzati, Soldati - tanto che tra i tavoli si poteva sentire risuonare una cantilena: «Chi vuol la pace si attenga ai Patti e non scherzi assolutamente con i Soldati”» (1).

In quel passato da non dimenticare c’è tutta una storia che è affascinante confondere con la storia presente. E’ Via Gemito di Domenico Starnone il romanzo su cui quest’anno vedremo trionfare la vittoriosa fascetta, conoscendo più o meno tutti, approssimativamente, il contenuto delle pagine che essa racchiude: un figlio che non riesce a dimenticare il padre racconta della folle passione di questi per la pittura e della lotta per difendere una vocazione e un sogno contro chi non è disposto a crederci.

«Credo – dice Starnone, insegnante di cinquantotto anni che a questo “Bildungsroman” ha lavorato tutta la vita – che il mio libro abbia un certo valore. Ho incominciato a vent’anni quando credevo di possedere già gli strumenti necessari. Invece ho dovuto aspettare ancora un bel pò».(2)

In un’intervista apparsa su La Repubblica di venerdì 6 luglio 2001, il professor Edoardo Sanguineti, noto poeta, ha commentato il Premio Strega in questo modo: «Mi sembra il prodotto di una società letteraria molto ristretta, che non corrisponde a nulla di reale. Una volta era rappresentativo, nel bene e nel male. Aveva un carattere, ma tutto questo si è perduto».

Da questo spunto polemico, seguito a ruota dalla memoria, prendiamo il testimone e ripercorriamo ancora una volta il passato, ricordando l’articolo di Pasolini sulla Tribuna illustrata, che annunciava il ritiro dal premio del ’68: «All’industria culturale non importa nulla della cultura: importa solo produrre libri (come una merce qualsiasi) e farli consumare…Ho gettato allo sbaraglio un libro, scritto con arcaica cura artigiana, là dove da una parte dell’industria culturale non c’era che cinismo e indifferenza riguardo al valore» (3).

Ed ancora Sanguineti, che risponde alla domanda del giornalista se mai, nel caso in cui invece di poesie scrivesse romanzi, parteciperebbe al Premio Strega, commenta: «Lo eviterei. Vorrei concorrere solo a premi per libri poco commestibili: il romanzo è troppo esposto. E poi vorrei che tutti i giurati dicessero come hanno votato e soprattutto perché» (4).

E’ ancora polemica. Nel 1959 ci si era azzuffati sul Gattopardo, Moravia lo considerava poco meno di un attentato alla letteratura. Era capitato di peggio nel ’61, quando La Capria aveva vinto con un punto di scarto: «Mentre festeggiavo e bevevo, dopo aver incassato, seppi che un gruppo di scontenti stava stizzosamente ricontando le schede». (5)

Dopo la vittoria nella notte tra giovedì 5 e venerdì 6 luglio (dal momento che il risultato è slittato oltre la mezzanotte), Domenico Starnone ha dichiarato di provare una sorta di assenza di emozioni, poiché il trionfo era giunto praticamente inaspettato.

La repubblica, tuttavia, non manca di riempire le orecchie di pulci e riporta: «A pochi giorni dalla premiazione il tam tam indicava in Starnone il prediletto. L’unica certezza era l’avversione dichiarata, esibita nei confronti di Debenedetti. A un giurato che incautamente le avrebbe detto di votare per il figlio del grande critico , la Rimoaldi si racconta abbia replicato: «un voto perso, tanto non vince» (6).

Domenico Starnone

Anni fa Enrico Filippini rammentò l’edizione del ’65, quando, per la Feltrinelli, si trovava a spingere Il padrone di Parise: «Andai a trovare la Bellonci che come sempre mi assurse al seno e mi baciò, e poi mi promise un appoggio che subito giudicai non veritiero…Di lì a qualche giorno, Parise mi telefonò e mi disse: «Se diamo i miei voti a Volponi, io ho in tasca il Viareggio» (7).

Starnone non nega comunque di essere felice: «Non ho mai partecipato a nessun premio letterario. La mia generazione credeva che i premi non fossero posti frequentabili» (8).

Cerami, autore di un romanzo che racconta la storia di una ragazza (Morena) che insegue fantasmi d’amore, filosofeggia: «Ma in fondo che cos’è un premio, via , è una festa, una cosa per l’estate. Com’è nato lo Strega? Perché un gruppo di letterati voleva divertirsi un po’ d’estate» (9).

In questa vaporosa nuvola di serenità disegnata dalle parole di Vincenzo Cerami s’inserisce legittimamente il ricordo di un’edizione importante del Premio Strega, quella dell’81 vinta da Umberto Eco.

Osserva Gelli: «C’era una sensazione che non fosse più il premio a promuovere il libro, ma viceversa». E’ la svolta, la Bellonci s’innamora de Il Nome della rosa, ma le grandi dame dello Strega la pensano in altro modo. Lo scontro inaugura la stagione dei duelli feroci. I più coreografici sono quello, suicida, fra Magris e Malerba, quello, gelido, fra Pontiggia e Calasso, e quello, fratricida, tra Ferrero e Fosco Maraini (10).

Avremo tempo, in queste vacanze che arrivano indorate da un sole caldissimo, di leggere Via Gemito di Starnone. Qualcuno, affascinato in generale dalla figura mitica del vincitore, lo farà perché attratto dall’alone del grande consenso espresso dai 133 voti favorevoli al romanzo; qualcun altro, poi, l’avrebbe fatto ugualmente. Chi, invece, non vorrà proprio farsi trascinare dalla magia di una prosa brillante e dal profumo aspro di pagine stampate, dovrà aspettare il prossimo anno in cui, regolarmente infarinato di clamore, voci e bisbigli, il Premio Strega tornerà puntuale.

A cura della Redazione Virtuale de «La Libreria di Dora».


NOTE

(1) Sette (N.27/2001), settimanale del Corriere della Sera
(2) Il Giornale di venerdì 6 luglio 2001
(3) Sette (N.27/2001)
(4) La Repubblica di venerdì 6 luglio 2001
(5) Sette (N.27/2001)
(6) La Repubblica di venerdì 6 luglio 2001
(7) Sette (N:27/2001)
(8) IL Giornale di venerdì 6 luglio 2001-07-07
(9) Il Giornale di venerdì 6 luglio 2001-07-07
(10) Sette (N.27/2001)

14 settembre 2001
© Copyright 2001 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net


Scriveteci le vostre impressioni



http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Gio, 26 feb 2004


© Copyright 2000 italialibri.net, Milano - Tutti i diritti riservati