ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

AUTORI A-Z

Giovanni Sartori (1924)

Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
(Redazione Virtuale)

*
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali.

*

onsiderato uno dei più autorevoli politologi viventi, Giovanni Sartori è nato a Firenze il 13 maggio 1924. Qui si è laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, nell'Università dove più tardi ha insegnato Storia della Filosofia Moderna, Scienze Politiche e Sociologia.

A oltre sessant'anni dalla laurea, al culmine della sua carriera accademica, Sartori opera ancora come professore emerito all'Università di Firenze, dividendo il suo tempo come lettore in altre prestigiose istituzioni.

Fino al 1994 è anche alla Columbia University di New York, dove è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia, avendo in passato insegnato Filosofia moderna e Logica nelle università di Stanford, Yale e Harvard. Di lui, uno dei suoi editori, Edmondo Berselli (Direttore de «Il Mulino»), ha scritto:

    «... quando parla il professor Vanni non si esprime un accademico bizzoso: parla uno che ha sintetizzato due o tre secoli di costituzionalismo, e un due o tremila anni di storia della democrazia, degli antichi e dei moderni, dai greci passando per il diritto romano, e quindi Machiavelli, Guicciardini, Bodin, Locke, le rivoluzioni inglese, americana e francese, ed è capace di spiattellare la lezioncina in due colonne di giornale come se si trattasse di uno svelto riassunto per il nipote somaro. [Venerati maestri. Operetta immorale sugli intelligenti d'Italia, Mondadori 2006]

I suoi lavori sono stati tradotti in una trentina di lingue.

*

Nel periodo tra il 1950-1956, quando è Professore Incaricato di Storia della Filosofia Moderna all'Università , di Firenze la sua attività critica verte su analisi e dissertazioni filosofiche su autori classici come Hegel, Marx, Kant, Benedetto Croce.

Nei vent'anni successivi, coerentemente con la svolta “politica” e “sociale” dell'oggetto dei suoi studi e anche nel campo del suo insegnamento, le sue pubblicazioni riguarderanno sempre di più il sistema rappresentativo democratico, i partiti e le correnti all'interno dei partiti. Nel 1971, fonda la «Rivista Italiana di Scienze Politiche».

Una teoria che classifica i sistemi partitici, basata sulla differenza tra il formato del sistema partitico e la meccanica funzionale è il contenuto del volume Parties and Party Systems (Cambridge University Press 1976). Divenuto un classico universalmente riconosciuto, tradotto e ristampato numerose volte – nel 2005 anche dall'European Consortium for Political Research dell'Università di Essex (UK) – questo lavoro gli ha permesso di vincere l'American Political Science Association´s Outstanding Book Award. In esso Giovanni Sartori offre un'ampia dissertazione sui concetti e sulle funzione del partito politico e sviluppa una critica circostanziata di numerosi modelli spaziali di competizione partitica. In quest'opera, Sartori alterna l'uso intelligente della teoria a sofisticate argomentazioni analitiche, in un contesto empirico di respiro transnazionale. Questo volume è tuttora considerato come il lavoro più avanzato nel campo delle scienze politiche, dal dopoguerra a oggi.

Nel 1976 iniziano anche le sue collaborazioni Oltre Oceano, prima come Professore di Scienze Politiche all'università di Stanford (1976-79) e quindi a New York, Albert Schweitzer Professor in the Humanities alla Columbia University (1979-1994).

Nel 1987 pubblica The Theory of Democracy Revisited, (Chatam, N.J., Chatham House). Già autore di una Democratic Theory (1962), in quest'opera in due volumi Giovanni Sartori sostiene che le idee, le parole e i simboli della politica nel periodo tra gli anni '60 e gli anni '80 hanno portato a nuove teorie della democrazia. Disezionando i valori e le idee che stanno alla base di un grande democrazia, è possibile condurre un'analisi filosofica intesa a ricostruire una teoria democratica di largo respiro. Nella prima parte Sartori confronta le odierne teorie della democrazia con le teorie degli anni '50, mentre nella seconda parte si concentra sui motivi trasmessi dalla tradizione ellenistica. L'obiettivo è quello di dimostrare la necessità di incrociare, prima di poterle convalidare, teorie che sono insieme prescrittive (intrise di idealismo) e descrittive (realismo). Il prodotto è in un impasto integrale che compone una teoria del “democraticamente possibile”. Fornisce una eccellente analisi del tessuto di cui è composta una democrazia ed enfatizza la necessità di comprendere che se le democrazie tengono insieme questo tessuto sono da considerarsi valide e stabili.

*

Il suo lavoro Comparative Constitutional Engineering: an Inquiry into Structures, Incentives and Outcomes (New York, New York University Press, 1994) è stato tradotto in più di trenta lingue. In esso Giovanni Sartori offre i suoi specifici, ancorché coraggiosi precetti nel campo dell'ingegneria costituzionale, proponendo accordi a livello istituzionale che confrontano tendenze che vanno per la maggiore tra i riformatori accademici e tra i politici riformaisti. Nella prima delle tre parti in cui è composta l'opera, l'autore offre una carrellata sui sistemi elettorali vigenti nei vari paesi; nella seconda passa in rassegna le clausole costituzionali che danno forma alle relazioni che intercorrono tra il potere legislativo e il potere esecutivo. Nella terza affronta un curioso coacervo di argomenti, tra i quali emerge la proposta dell'autore, che punta su un presidenzialismo basato sull'alternanza.

Nel 1993 pubblica Democrazia: cosa è, che si è imposto nel tempo come testo di riferimento fondamentale tradotto in tutto il mondo. La riedizione italiana del 2007 (Rizzoli) si arricchisce di capitoli inediti che trattano temi divenuti cruciali dopo l'11 settembre 2001: i rapporti tra Occidente e mondo musulmano, la possibilità di "democratizzare l'Islam", lo scontro di civiltà provocato dai fondamentalismi.

Nel 1998 scrive Homo videns. Televisione e post-pensiero, una riflessione sull'influenza della tv-spazzatura sugli individui e, di conseguenza, sulla società

Con Pluralismo, multiculturalismo e estranei (Rcs 2000), Giovanni Sartori affronta il fenomeno dell’immigrazione dai paesi in via di sviluppo, tanto più problematico quanto più consistenti sono le dimensioni dei flussi migratori e ampia è la distanza culturale dei nuovi venuti. L'integrazione richiede tolleranza reciproca, ma soprattutto l'accettazione da parte degli aspiranti neo-cittadini del principio cardine su cui verte la convivenza europea: la separazione tra il potere dello Stato e quello della Chiesa. Procastinare questo chiarimento significa andare, col tempo, verso la balcanizzazione del Paese.

Recensendo una delle sue opere più recenti, Sergio Romano ha scritto:

    «Dopo la conclusione del suo insegnamento alla Columbia University, Sartori ha subito una specie di rigenerazione. Al lettore che voglia rendersene conto suggerisco di aprire il suo ultimo libro (Mala Costituzione e altri malanni, Laterza 2006) alla pagina 143 e leggere le conclusioni della conferenza tenuta al Teatro Regio di Torino il 5 ottobre 2004, nell' ambito del ciclo di lezioni Norberto Bobbio. In queste brevi pagine troverà il vecchio studioso di filosofia politica, rigorosamente logico, dialetticamente efficace, interessato ai grandi principi della democrazia e alle sue numerose varianti. Questo è il professor Giovanni Sartori, emerito della Columbia University, insignito del Premio Principe delle Asturie, tradotto nelle maggiori lingue e maestro di gran parte della scienza politica italiana. Ma non appena lascerà quelle pagine per il resto del libro (una raccolta di articoli pubblicati soprattutto dal «Corriere della Sera»), il lettore troverà il cittadino Sartori e una affascinante combinazione di rabbia, indignazione, ironia, derisione, sarcasmo. Persino lo stile è radicalmente diverso. Mentre i trattati hanno la pacatezza, l' equilibrio e l' ironia dei grandi logici toscani, gli articoli sono scritti con un lessico composto da accrescitivi, vezzeggiativi, diminutivi, peggiorativi e neologismi volutamente maccaronici...» [«Corriere della Sera» 2 febbraio 2006]

*

Giovanni Sartori è stato insignito della laurea Honoris Causa dall'Università di Genova nel 1992; dall'Università di Georgetown (USA) nel 1994; dall'Università di Guadalajara (Messico) nel 1997; dall'Università di Buenos Aires (Argentina) nel 1998; dall'Università Complutense di Madrid (Spagna) nel 2001 e dall'Università di Bucarest (Romania) nel 2001.

Dal 1988 fa parte dell'Accademia dei Lincei ed è vice-presidente della Società Libera, per lo studio e la diffusione delle idee liberali nella società . Nel 1999 è stato nominato Comendador do Ordem do Cruzeiro do Sul dal presidente della Repubblica Federale del Brasile e nel 2005 ha ricevuto il Premio Principe delle Asturie dal Principe Felipe di Borbone, assegnatogli nella categoria Scienze Sociali. La motivazione della giuria recita:

    «... per il significativo apporto nel dibattito contemporaneo sulle Scienze Politiche.
    Il suo impegno, orientato alla molteplicità di libertà e vincoli presenti in una società aperta, è onnipresente nel suo lavoro, che è dedicato in particolare alla definizione di una teoria della democrazia.
    Il Professor Sartori ha riflettuto, richiamando l'attenzione dei suoi simili, sui problemi sociali e istituzionali della nostra epoca e sulla necessità di riequilibrare le forze che danno vita alla società democratica.
    Il suo pensiero gode di una straordinaria considerazione da parte dell'opinione pubblica internazionale»

Inoltre, Giovanni Sartori ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana la Medaglia d'Oro per meriti culturali ed educativi, la Medaglia d'Oro della Publica Istruzione, assegnata ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte. È membro della American Academy of Arts and Sciences.

Scrive regolarmente sul «Corriere della Sera».


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Una bibliografia completa delle opere di Giovanni Sartori è disponibile online sul sito dell'autore.

Milano, 2007-11-06 15:17:35

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«[...] nessuna formula giuridica può garantire davvero contro l’eventualità di una “riconquista” cristiana dello Stato, contro i tentativi di instaurare lo “Stato cristiano” che era nei sogni del papato dell’Ottocento (mentre un analogo reciproco non potrebbe avvenire al contrario, nel rapporto dello Stato verso la Chiesa, fintanto che il primo si mantenga fermo ai suoi principî di libertà: un’assimmetria a tutto danno dell’autorità dello Stato).»

(Gustavo Zagrebelsky, Contro l’etica della verità, Later

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

La follia e l'implosione dell'evento
Le modalità della malattia mentale si radicano nelle strutture stesse dell’esistenza
Henry Maldiney (Pensare l'uomo e la follia) nota come nel linguaggio occidentale il lessico riferito al comprendere, custodisca una radice ‘prensile’. Nella follia, vi sono due cortocircuiti, che riguardano il rapporto tra esperienza e tempo da una parte, ed esperienza e spazio dall’altro. In entrambi i casi, quello della malinconia e quello della schizofrenia, Maldiney evidenza una sorta di patologia di esperienza, di cui l’impermeabilità all’evento è una delle cifre rappresentative. (Roberto Caracci)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
Il bell'Antonio e la sindrome di Don Giovanni in Sicilia
La ricerca sfrenata dell’apparenza
Ai nostri giorni la ricerca dell’affermazione dell’uomo sulla donna si è fatta – se possibile – ancor più aspra e prepotente che mai, forse per il timore da parte delle donne di perdere quel terreno che tante conquiste femminili hanno da tempo – anche se illusoriamente – guadagnato e da parte degli uomini la paura di averne perso troppo. La storia de "Il bell’Antonio" di Vitaliano Brancati (edita nel 1949) si ripropone attualissima ed emblematica. (Maria Ludovica Moro)

Akiko e le nuvole

Ogni separazione è come un volo, il distacco dalla terraferma e da ogni certezza. Una donna, il vento, il mare e le nuvole. La storia biografica di Akiko attraverso un breve componimento "alla giapponese" (Vilma Viora)
L’eco della scrittura e la quieta voce dell’universo
Dialogo immaginario tra un padre e una figlia non convenzionali
Nell'ultimo lavoro, Dacia Maraini (Il gioco dell'universo) ripercorre gli scritti del padre Fosco Maraini, un viaggiatore e ancor di più un libero pensatore, che divide il mondo in "esocosmo" ed "endocosmo", un giramondo laico che si interroga sulle religioni, tra le cui tante annotazioni s’insinuano tentativi di narrazioni più ampie, semi di racconti o di romanzi mai sbocciati... (Luca Gabriele)
Un testimone del Novecento
Tra rigore morale e impegno intellettuale
Emilio Lussu fu un eminente testimone del Novecento italiano. Attraverso appassionate descrizioni della vita in trincea e, successivamente, dell'esperienza dell'opposizione al regime fascista e all'impegno socio-politico a favore della rinascita della sua terra, spesso a rischio della propria incolumità fisica, ha rappresentato con coscienza gran parte del Novecento italiano. (Ademario Lo Brano)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008