LO PSEUDONIMO DELL'AUTORE DEL BURATTINO PINOCCHIO DERIVA DAL PAESE NATALE DELLA MADRE DELLO SCRITTORE

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Collodi (1826-1890)


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



arlo Lorenzini, detto Collodi, non nacque a Collodi, come per lo più si crede, bensì a Firenze, il 24 novembre 1826. Il famoso pseudonimo deriva dal paese natale della madre e lo scrittore inizialmente lo usò per firmare gli interventi su una rivista satirica, «Il Lampione», da lui fondata nel 1848, negli stessi giorni in cui stava partecipando con l’esercito piemontese alla seconda guerra d’indipendenza. La rivista venne chiusa dalla censura a pochi mesi dalla nascita, ma Collodi non si diede per vinto e nel 1853 fondò un altro periodico, «La scaramuccia», assai simile al primo per la verve e il piglio umoristico.

Fin da queste prime esperienze, si può vedere come il padre artistico di Pinocchio guardasse la realtà da un’angolazione tutta particolare. Egli continuò a dedicarsi al giornalismo fino al 1859, quando si unì all’esercito di Giuseppe Garibaldi. Di ritorno da quest’avventura, nel 1860 entrò nei servizi amministrativi di Firenze, più in particolare presso l’ufficio della censura teatrale (fatto curioso proprio per lui, che aveva sofferto della censura in prima persona) e poi alla Prefettura. La sua attività letteraria fu sempre diligente e costante ma, almeno fino al 1875, priva di un effettivo rilievo: proprio in quell’anno, Collodi tradusse per un editore fiorentino le fiabe del Perrault. Questo lavoro lo avvicinò al magico mondo della letteratura per l’infanzia e fu un incontro ricco di importanti conseguenze, delle quali il celebre burattino dal naso semovente sarà il coronamento finale.

Conosciute le infinite possibilità offerte dallo strumento narrativo della fiaba, Collodi sembra aver trovato la vena letteraria a lui più congeniale e dà inizio a una lunga e proficua attività di scrittore per l’infanzia: pubblica Giannettino, raccolta di racconti pedagogici in ben sette volumi (il primo nel 1876, l’ultimo nel 1890) e, a partire dal 1883, dirige «Il Giornale dei bambini». Ma già da due anni il suo capolavoro, Pinocchio, stava comparendo a puntate su un altro periodico per ragazzi e tanta sarà la fama di questa bellissima favola, da oscurare irrimediabilmente tutti gli altri scritti del suo sfortunato autore, che si guadagnerà tra l’altro l’immeritata nomea di fannullone: chissà, forse per un autonomo processo di identificazione con il suo celeberrimo e amatissimo personaggio...

In realtà Collodi fu un indefesso lavoratore della penna e scrisse molti altri libri oltre a Pinocchio, tra cui Occhi e nasi (1881), Storie allegre (1887) e i postumi Note gaie (1892) e Divagazioni critico-umoristiche (1892); Collodi era infatti morto improvvisamente, il 26 ottobre 1890, mentre stava lavorando a un altro romanzo per ragazzi, senza aver potuto godere minimamente dei vantaggi economici derivati dal successo della sua opera.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 5 novembre 2001
© Copyright 2000 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Collodi

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

Rudy (rudymental@virgilio.it), Bologna, 25/10/'03

Nessuno scrive commenti su Mr. Collodi?????? "Pinocchio" è il primo libro che abbia mai letto nella mia minuscola esistenza!! C'hanno fatto pure i films, Maremma... E tradotto in 6miliardi d'idiomi... Maremma... Tu vai in Thailandia, Don Rodrigo mica lo conoscono, Pinocchio si... Però confesso di avere ancora gl'incubi... nello stomaco della balena!I bimbi "cattivi" tramutati in ciuchi!il gatto e la volpe! I ciuchi sono animali fantastici. E poi la questione delle Bugie... Se vuoi esser artista o commercialista devi trasformarti in mentitore. E' uno dei pochi casi in cui mi piace di più il film che il libro. Viva le fiabe.




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Gio, 28 set 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy