FULVIO TOMIZZA HA NARRATO I SENTIMENTI E LE RAGIONI DI CHI E' PARTITO E DI CHI E' RIMASTO IN ISTRIA

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Fulvio Tomizza (1935-1999)


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



I suoi libri, la sua Istria...

erta gente, a un certo punto della vita, ha caricato quanto più poteva su un carro tirato dai manzi o su una corriera ed è partita; lasciando per sempre la terra dei padri. Fra loro un ragazzo che, prendendo appunti sul taccuino indelebile del cuore, avrebbe scritto di loro per sempre!

Quel ragazzo istriano, Fulvio Tomizza, da ragazzo e poi da uomo, ha narrato, in libri diversi, con lo stesso amore la stessa passione lo stesso coinvolgimento, i sentimenti e le ragioni di chi è partito così come di chi è rimasto nella sua Istria. Quel ragazzo ha ripetuto all'infinito di come i padri ed i nonni di coloro che sono partiti o rimasti, avevano appreso soltanto, dopo la fine della prima guerra mondiale, il loro essere italiani o slavi, ed era stata, per loro, una scoperta forzata, una scelta imposta. I contadini, fino a quel momento, avevano vissuto le loro vite fatte di lavoro, di miseria, di famiglia, di religione; parlando un dialetto misto di croato e italiano; lasciando che la storia si svolgesse altrove. Poi, improvvisamente, dopo che quelle terre furono passate all'Italia, tutto cambiò! Venne imposto di parlare italiano anche al prete durante le prediche delle messe in latino; e tutti gli slavi vennero "invitati" ad emigrare, oltre Fiume, nel giovane stato jugoslavo. La gente "decise" di essere italiana o croata; e, all'interno delle stesse famiglie, vennero prese decisioni diverse; molti aggiunsero qualche vocale e tolsero qualche accento al proprio cognome italianizzandolo per sempre!

Un'altra guerra poi avrebbe sconvolto, nuovamente e in modo definitivo, quella realtà contadina destinata a scomparire e a perdere la propria identità; destinata a "mescolarsi" poi, con tanta altra gente venuta a occupare le case lasciate vuote degli "italiani" partiti per sempre verso un'altra terra, un altro Stato!

Fulvio Tomizza racconta se stesso attraverso i suoi libri.

In Materada, scritto nel 1960, Tomizza narra la storia di una famiglia (la sua forse, essendo Materada il villaggio istriano dove Tomizza nacque nel 1935) che al consolidarsi del regime comunista, lascia tutto e parte. Ma tre anni dopo, Tomizza, racconterà in La ragazza di Petrovia un'altra storia, sempre della sua stessa gente, rimasta oltre il confine. Scriverà, in Franziska, la storia (vera) di un amore impossibile fra una slovena e un italiano. Prima, però, in La miglior vita, attraverso gli scritti di un sacrestano, Fulvio Tomizza, saprà narrare: due grandi guerre, mutamenti di nazionalità, esodi volontari e/o forzati, una rivoluzione socialista, un'epidemia di vaiolo e un terremoto, in una semplicità straordinaria ricca di sentimenti e di amore per la sua Istria; alla fine della sua vita, il sacrestano, sintetizzerà quasi un secolo di storia in una semplice frase: «Continuavamo a trovarci in piena guerra per l'eterna questione dell'essere italiani e dell'essere slavi, quando in realtà non eravamo che bastardi.»

Prima e dopo: Il bosco di acacie e Dove tornare? e tante altre opere, soprattutto di narrativa, oltre che di teatro e di letteratura per l'infanzia, fino all’ultimo romanzo scritto da Fulvio Tomizza, poco prima della sua morte (avvenuta nel 1999): Nel chiaro della notte. In quest'ultimo suo libro i temi sono sempre gli stessi, così come i luoghi e i personaggi, la differenza è che questa volta il tutto è narrato attraverso i sogni. E nei sogni chi parte pur anche restare, il padre morto può tornare a vivere e poi di nuovo a morire; e i confini geografici sono diversi da quelli tracciati sulle carte, così che a Milano, ad esempio, sì può arrivare via mare. Nel sogno gli angoli sono smussati, le angosce e il dolore attenuati e tutto è più leggero, più semplice, più vero; ma il destino dei sogni è per tutti uguale: svanire nella prevedibilità del giorno...

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 24 febbraio 2006
© Copyright 2006 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Fulvio Tomizza

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!



http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mar, 10 ott 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy