ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

CONTRIBUTI
Roberta Andres

Conversazione con se stessi

Il valore terapeutico della scrittura

(Roberta Andres)

*
Scrivere ci fa a volte trovare le parole per esprimerci e ci chiarisce sentimenti confusi, incertezze, ambivalenze dentro di noi. Quando siamo bloccati da angosce, nevrosi, sentimenti che non riusciamo a tirar fuori, magari solo perché ce ne vergogniamo o perché temiamo possano non piacere agli altri, essa può assumere un valore terapeutico.

*

i dice che la parola è delle madri, nel senso che già nei primi anni di vita essa è il tramite con cui comunicare le emozioni, le paure, oltre che con cui esprimerci, crescendo, con ordine, in maniera logica e razionale.

La parola rappresenta anche la comunicazione tra gli individui, dalla prima comunicazione (quella appunto tra la madre e il bambino) a quella degli amici o degli amanti che si dicono l'un l'altro quello che sentono.

Dalla parola viene la scrittura, che è il tentativo di ripristinare una presenza, di riattualizzare qualcosa che ora manca, colmare l'assenza della voce continuando a parlare mediante le parole scritte. Dalla scrittura viene poi l'espressione artistica: esiste una creatività ordinaria, che ognuno di noi possiede, può utilizzare, sebbene a volte la paura, l'insicurezza, la rabbia, la blocchino e distolgano le energie necessarie a liberarla ; e una creatività straordinaria, quella dei grandi geni dell'umanità.

La scrittura quindi ha molte funzioni : comunicazione di ciò che pensiamo (denuncia, insegnamento, informazione, ecc) , ma anche comunicazione di ciò che sentiamo, nel senso che la usiamo, come la parola parlata, per esprimere le nostre emozioni, le nostre sensazioni, i nostri sentimenti. Proprio per questa sua funzione, la scrittura ha un forte collegamento con la consapevolezza di noi stessi, perchè per il suo tramite, nel momento in cui ci esprimiamo, noi rendiamo consapevoli gli altri ma ancora prima noi stessi di quel che proviamo (individuazione).

Nelle situazioni in cui non siamo (ancora) consapevoli, scrivere ci fa a volte trovare le parole per esprimerci e ci chiarisce sentimenti confusi, incertezze, ambivalenze dentro di noi. (Francesco Piccolo: «per esprimere la propria voce ci vuole chiarezza interiore, o una gran confusione che si chiarisce nella scrittura...»). E quando siamo bloccati da angosce, nevrosi, sentimenti che non riusciamo a tirar fuori magari solo perchè ce ne vergogniamo o perchè temiamo possano non piacere agli altri, essa può assumere un valore addirittura terapeutico.

*

Circa il valore di individuazione di sé, nel senso di chiarire a sé stessi cosa si prova e chi si è, riuscire a scrivere è come costruirsi una stanza tutta per sé, un luogo e un tempo privati in cui entrare in contatto con le nostre emozioni più vere e sentite, superando i sentimenti negativi che spesso ci bloccano la libera espressione di noi stessi, accettando quello che proviamo, dandoci il permesso di provarlo e rafforzando la nostra autostima (la poetessa Maria Luisa Parazzini scrive a questo riguardo: “All'inizio venne lo scrivere per essere vista... poi venne lo scrivere per vedersi con i propri occhi”).

Un bel libro di Grazia Livi, Da una stanza all'altra (edito da La Tartaruga), racconta il processo di individuazione di sé compiuto, attraverso la scrittura, da sei autrici: Virginia Woolf, Jane Austen, Emily Dickinson, Katherine Mansfield, Anaïs Nin, Caterina Percoto; ognuna con un suo personalissimo percorso: la grande scrittrice inglese Woolf costruisce la sua “stanza mentale” della scrittura, dove stenderà i suoi capolavori e da cui alla fine fuggirà nella morte; la Austen la collocherà in una casa idealmente sempre aperta al suo primo pubblico, l'affettuoso e affollato nucleo familiare d'origine; Emily Dickinson, al contrario, vi si chiuderà in un isolamento progressivo, che cesserà solo quando, dopo la sua morte, la sorella troverà le sue liriche nella cassapanca dove era conservato il suo corredo nuziale, mai utilizzato; Katherine Mansfield e Anaïs Nin la porteranno con sé nelle loro vite spregiudicate, piene di contatti amori e stimoli culturali, vite vissute sempre con la penna in mano; la Percoto la tradirà per impoverirsi in una vita dedita al tentativo di soddisfare bisogni materiali della famiglia, mantenendo costante il rimpianto per quella sua più autentica dimensione personale.

Gli scrittori, i pittori, gli artisti in genere, cercano di eliminare da sé i gusci protettivi che li preservano dalla forza delle emozioni perchè se ne servono per la loro arte. Possiamo allora prendere anche noi persone comuni l'abitudine di scrivere in una determinata ora o giorno e mantenerla a dispetto degli intoppi, o quando sentiamo il bisogno di farlo, per imparare a cercare e accettare il sostegno degli altri, ma soprattutto il nostro autosostegno, producendo autostima e accettazione di sé.

Se ci si libera da paura rigidità rabbia, può venire alla coscienza un'azione, un'emozione, un'immagine che si è registrata anche molto tempo prima ed è rimasta in noi. In questo senso può essere importante ad esempio tenere un diario... La scrittura è dentro di noi, basta liberare le associazioni mentali, affrontare le nostre ossessioni.

Circa la valenza terapeutica c'è chi ha addirittura ideato un metodo basato sulla scrittura come ascolto di sé stessi, individuazione, autorizzazione a scrivere, metodo di liberazione di sé stessi: la scrittura primitiva, la scrittura-follia che parte dalle parole per noi importanti e arriva al flusso di coscienza; la lettera simbolica, scritta a qualcuno che ci ha fatto soffrire o che al contrario ci ha dato affetto o amore; il racconto di ricordi lontani.

E' quanto ha fatto lo psicoterapeuta francese Jean Yves Revault nel suo Guarire con la scrittura, in cui passa in rassegna i modi in cui la scrittura è stata utilizzata dai suoi pazienti, nelle forme suindicate, nel processo di autoanalisi e di percorso verso la consapevolezza. Egli ne ha fatto un prezioso strumento di lavoro per recuperare emozioni rimosse, verità difficilmente esprimibili, sentimenti negati.

*

La scrittura è anche al centro dell'esperienza realizzata a Catania dalle psicologhe Renata Governali e Santa Nicotra con alcuni pazienti in cura presso il Centro Diurno del dipartimento di Salute mentale dell'Azienda Sanitaria 3 di Catania, di cui danno testimonianza nel libro Quel drago sconfitto, edito da Prova d'Autore di Catania. Nel loro Laboratorio di lettura e scrittura esse hanno svolto un'attività di lettura collettiva e produzione di testi poetici e in prosa, raccolti nel volumetto.

Senza arrivare a questi casi, in cui la scrittura è stata usata come terapia con psicotici più o meno gravi, il dare spazio all'immaginazione, riprendere contatto con parti di noi dimenticate o rimosse, ascoltare e sentirsi ascoltati, accettare e conoscere l'altro ha una valenza importante per tutti, non solo per lo scrittore che scrive per pubblicare. Si scrive allora per liberare le emozioni che ci neghiamo, i ricordi dimenticati, le paure che abbiamo.

Secondo il neurologo e scrittore Oliver Saks un uomo normale è quello che vive la sua vita come un racconto in divenire. Ogni volta che perdiamo questa capacità di raccontare noi stessi, la nostra vita, quello che abbiamo dentro, ci siamo scompensati. E' compito dell'operatore di scrittura “terapeutica” e di chiunque scriva per esprimersi, riconoscere la vitalità delle parole che nascono accettandone anche la «coraggiosa e preziosa imperfezione»; anche se quello che mettiamo sulla carta non è grammaticalmente perfetto o elegante come la prosa o i versi di uno scrittore, è importante per noi e per gli altri che ci circondano.

*


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE
Le immagini (dall'alto):
Virginia Woolf con Lytton Strachey.
Katherine Mansfield nel 1916
Anaïs Nin e Hugo Guiler



BIBLIOGRAFIA

Milano, 2008-03-03 14:30:59

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«I libri sono per loro natura strumenti democratici e critici: sono molti, spesso si contraddicono, consentono di scegliere e di ragionare. Anche per questo sono sempre stati avversati dal pensiero teocratico, censurati, proibiti, non di rado bruciati sul rogo insieme ai loro autori»

(Corrado Augias, Leggere)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Per una scenografia narrativa dei valori in atto
A proposito di una morale che non fa la morale
I valori morali elementari e universali di Sossio Giametta sono l’amicizia, il rapporto discepolo maestro, la maternità , il rapporto figlio-genitore e quello degli uomini con la natura e l’animalità , la malattia e la morte e la loro ripercussione su chi resta, la vanità , la malafede in agguato nella stessa generosità della munificenza apparentemente gratuita, il senso del bello che riscatta. Sullo sfondo, una concezione della natura umana, che vede nell’uomo, una checoviana marionetta in balia di madre natura. (Roberto Caracci)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
La maschera grottesca del nulla e della morte
Le parole e lo scrivere di Tommaso Landolfi tra letteratura e tavolo da gioco
L'opera e la vita di Tommaso Landolfi sono entrambe governate dall'arbitrarietà del caso, che influenza dispoticamente le azioni degli uomini e i loro accidenti, secondo un capriccio imperscrutabile e bizzarro (Pasquale Vitagliano)

Blackout
Dall'oscurità, la luce...
Per tre personaggi, ognuno con la propria storia, la notte bianca di Roma del grande blackout del 2003 diventa motivo di scoperta e nuova consapevolezza. Erica, in deficit di sonno, culla la sua bambina e fantastica di volare; Francesca affronta nell'oscurità un uomo semi-sconosciuto e una nuova relazione; Adriano, stanato dalla paralisi degli elettrodomestici apre gli occhi per la prima volta dopo lungo tempo e vede il mondo reale... (Roberta Andres)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Povera, ma non semplice
E alla fine l'hanno capita anche i critici
Anna Maria Ortese è tra i pochi scrittori italiani ad aver saputo praticare a livello altissimo la professione del giornalista, dell'inviato; ha saputo raccontare l'Italia del suo tempo, e non solo l'Italia, come pochi altri nostri scrittori e pochissimi giornalisti. La critica italiana e internazionale la pone oggi, con il suo spirito audace e visionario, tra le figure più grandi della letteratura europea, al pari della della Morante, della Woolf e della Mansfield. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008