ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

DOSSIER
Vitaliano Brancati

Il bell'Antonio e la sindrome di Don Giovanni in Sicilia

La ricerca sfrenata dell’apparenza

(Maria Ludovica Moro)

*
Ai nostri giorni la ricerca dell’affermazione dell’uomo sulla donna si è fatta – se possibile – ancor più aspra e prepotente che mai, forse per il timore da parte delle donne di perdere quel terreno che tante conquiste femminili hanno da tempo – anche se illusoriamente – guadagnato e da parte degli uomini la paura di averne perso troppo. La storia de "Il bell’Antonio" di Vitaliano Brancati (edita nel 1949) si ripropone attualissima ed emblematica.

*

a ristretta, provinciale, ma diffusa, mentalità che Brancati racconta ed ambienta in una Catania e in una Roma degli anni ‘30, fasciste, tutto sommato ingenue, piene di maschi repressi, rozzi e desiderosi di affermare la propria virilità, vive oggi a livello planetario, ben oltre i confini di una piccola città o di una capitale, in tutta la sua drammatica povertà spirituale.

Il dramma di Antonio Magnano ne Il bell'Antonio (1949), bellissimo, adorato dalla famiglia, invidiato dagli amici e desiderato indistintamente da tutte le donne in cui si imbatte, è quello dell’impotenza sessuale e di non riuscire a dimostrare di essere quel campione del sesso che tutti, fin da quando è nato gli attribuiscono e danno per scontato a causa della sua indiscutibile bellezza. Antonio è un pesce fuor d’acqua in questo acquaio formicolante di ormoni, di fantasie, di odori e di aspettative quasi mai appagate…

Così il bell’Antonio viene mandato a Roma, “nel continente” per cinque lunghi anni, senza che accada quel che tutti credono sia la sua unica missione della vita, in un umiliante e triste sentimento di debolezza e speranza ogni volta delusa, che lo riporta a Catania, sposo promesso - dalla famiglia - ad una bella ragazza di elevata estrazione sociale, che non saprà rendere donna, onorando a tutti gli effetti il suo ruolo di marito. Ma il carattere di questa ragazza ingenua e debole, destinata in matrimonio ad un “buon partito” ci viene descritto a sufficienza già nelle poche implacabili righe che la ritraggono nella sua prima giovinezza: «Barbara imparò a suonare il violino e a dipingere, andò a teatro, ai concerti e alle conferenze, senza con questo compromettersi minimamente con l’arte ed il pensiero, che le rimasero del tutto estranei». In queste poche parole c’è tutta la mancanza di personalità per cui Barbara sopporterà per tre lunghi anni il matrimonio “non consumato” con il suo Antonio. Ma c’è anche – nel termine “compromettersi” tutta la negatività che si possa attribuire al fatto che una donna metabolizzi l’istruzione e sia arricchita ed evoluta dalla cultura.

*

Brancati riesce con la sua vivida e ironica scrittura a rendere il racconto ricco di emozioni e spesso di situazioni umoristiche, in un continuo susseguirsi di scene familiari, di chiacchiere, di bisbiglii, di angosce nascoste, di piccoli colpi di scena, di lunghe e dettagliate descrizioni psicologiche… La dannazione terrena di Antonio è esattamente agli antipodi di quella del mitico Don Giovanni celebrato dalla letteratura di ogni tempo…e come un contrappasso dantesco – in vita - l’ossessione per il sesso gli viene imposta ed inculcata quanto quella di Don Giovanni viene combattuta, fino a trascinarlo alla morte nella dannazione eterna…

Ma cosa nasconde in realtà tutta questa ossessione descritta da Brancati negli anni di cui narra così come oggi? Un vuoto, enorme, di valori, soprattutto di ideali, di speranza nell’uomo, incapace di raffrontarsi con il ben più difficile terreno dei sentimenti, della vera comunicazione tra esseri umani, più che mai incatenato alla materialistica e fine a se stessa logica del profitto e del consumo.

Così la pubblicità, la televisione, il cinema, Internet e ogni altro medium tecnologico, ma anche la letteratura – quella di second’ordine, ma ai primi posti nelle classifiche – promuove sostiene e incoraggia questa ossessione. Perfino i politici, lusingati e corteggiati dai media usano termini accattivanti, si spingono sui palcoscenici dello spettacolo, curando in modo inquietante il proprio look, esibendosi nella propria vita privata, spesso a causa del proprio abissale vuoto di contenuti, di progettualità e di vero impegno sociale, sull’onda di futili chiacchiere da comari che comunque fanno notizia.

La ricerca sfrenata di un’apparenza estetica prestante - e soprattutto sessualmente attraente – veicolata dai media è diventata quindi un dictat, non solo per i giovani, ma soprattutto per i più maturi, che – uomini e donne – si sottopongono ad umilianti cure estetiche e farmacologiche per recuperare un’immagine, in realtà spendibile solo da un punto di vista “fisico” e spesso con risultati grotteschi. I sentimenti, i progetti di vita, il rispetto per le persone, soprattutto quello per le donne, sempre più usate come oggetti, viene purtroppo messo in secondo piano.

*

Anche Brancati in lunghi tratti di questo romanzo ci mostra gli ambienti di un’ “italietta” corrotta, dove solo pochi privilegiati fanno carriera al seguito di piccoli meschini gerarchetti impomatati, ma certo non avrebbe mai immaginato che più di cinquant’anni dopo nulla sarebbe mutato e il mondo sarebbe se possibile peggiorato, diventando quello che è: una piccola squallida provincia globale. E pensare che con gli strumenti oggi a disposizione si potrebbe – se solo si volesse! - ribaltare tutto questo, ritornare di nuovo a mettere al primo posto il pensare e il vivere di etica, di giustizia, di sentimenti e di arte…

*


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE



BIBLIOGRAFIA

Milano, 2007-06-14 14:03:05

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Quel che appare certo è che sia i nostri «sogni di fuga», che le nostre immagini della terra come «nave d’appoggio» dell’astronauta futuro, iniziano dal nauta ateniese.»

(Massimo Cacciari, Geofilosofia dell’Europa)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Passione di conoscenza e verità della poesia
Equivalenza tra scrittura poetica e scrittura saggistica
Come mai, in un’epoca di distruzione della tradizione, il rapporto tra Poesia e Filosofia si è fatto così stringente? Cerchiamo di capire (parte I) come la vita tenti di farsi intelligibile attraverso il linguaggio, e come Poesia e Filosofia procedano unitariamente in questo compito di trasparenza, in cui tentano di ritrovare la loro unità originaria (Tiziano Salari)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
La scrittura di Pianissimo: la poetica dell’interiorità
Parte prima. Un inno alla potenza del dolore
Camillo Sbarbaro inaugura il genere novecentesco del diario in poesia, ovvero il racconto in versi di una vicenda esistenziale, un nuovo modello di autobiografia, sommessa confessione dettata a fior di labbro, «sottovoce», «pianissimo». Il poeta segna la linea di congiunzione con la tradizione di fine secolo e il punto di trapasso verso una nuova poetica: quella dell’interiorità. (Daniele Pettinari)

Fuoco
Da "La vocazione del netturbino"
Un appartamento immerso in un'atmosfera lugubre. Un ragazzo ne esce e si aggira con un badile e una torcia elettrica per una discarica di rifiuti. La notte è animata dal volo dei gabbiani e dei corvi e il percorso è reso insicuro e viscido dalla incredibile varietà di prodotti organici marcescenti e dai liquami che ne fuoriescono. Mentre il rombo delle ruspe avanza, il protagonista è incalzato dal rogo generato dal calore della sua stessa torcia... (Roberto Caracci)
La ruspa e il fuoco
La memoria delle cose
L'osservazione degli esseri umani e dei rifiuti che essi producono in Le radici del silenzio, di Roberto Caracci, porta a una riflessione sul materiale di scarto con cui si è abituati a convivere e che, in tempi di raccolta differenziata, si è imparato a ri-conoscere, ma anche a conoscere nelle sua compiutezza e in quella tendenza di alcuni “articoli” a prender vita, fuori tempo massimo, sotto altre sembianze... (Redazione Virtuale)
Stefano Finiguerri
La sua poesia canzonatoria imperversava nelle osterie
Nel clima di atmosfera festosa susseguente alla capitolazione di Pisa ghibellina ad opera dei guelfi di Firenze nasce la corrente comico-realistica di Stefano Finiguerri, principale esponente della poesia satirica fiorentina a cui si attribuisce un naturalismo forte e vigoroso (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008