ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

DOSSIER
Altiero Spinelli

L’europeista Altiero Spinelli

Nel centenario della nascita (1907-1986)

(Michele F. Venturini)

*
Precoce politico, visionario, Altiero Spinelli fu messo in carcere dal regime fascista, dove studiò storia e filosofia. Dal confino scrisse insieme a Ernesto Rossi e a Eugenio Colorni il Manifesto di Ventotene, base del Movimento Federalista Europeo. Dopo la guerra aderì al Partito d'Azione, contribuì alla costruzione della Comunità Europea, ora Unione Europea, di cui fu rappresentante fino alla morte. Gli scenari che videro Spinelli protagonista di questo cambiamento sono oggi brevemente ricordati. Una breve sintesi di una grande storia.

*

ltiero Spinelli nasce a Roma il 31 agosto del 1907. È stato uno scrittore e politico italiano molto attivo nel dopoguerra. Viene ricordato come il padre fondatore dell’Europa e in effetti fu così: influenzò notevolmente il panorama politico riguardo all’unificazione europea nel periodo post bellico.

Secondo la sua biografia, Spinelli inizia molto giovane a fare politica, seguendo la dottrina del padre socialista, nel muovere i primi passi, poi a 17 anni si iscrive al PCI. Perseguitato dal regime fascista sin dal 1927, subisce la condanna del tribunale speciale per la sicurezza dello Stato. Fu amico e collaboratore di Umberto Terracini e di Leo Valiani. Di lui Camilla Ravera scriverà nel 1973 in Diario di trent’anni, 1913-1943, parlando sulla scuola di Roma dove Gramsci insegnava: «Mi suggeriva di affidare a Spinelli il lavoro di tradurre o di riassumere qualche documento tratto dal materiale informativo e utile…». Perseguitato dalle leggi speciali sulla politica interna del regime fascista fu detenuto per dieci anni dal 1927, quindi fu condannato a sei anni di confino politico come fiancheggiatore del PCI, sebbene fosse uscito una prima volta dal Partito Comunista nel 1937, apportando un disegno personale di revisionismo della critica marxista in chiave federalista, contrario alle correnti imperialistiche leniniste.

Fu arrestato il 3 giugno 1927 a Milano e portato a Roma per essere processato dal tribunale speciale e qui condannato a 16 anni e 8 mesi di carcere. Trascorse un primo periodo di circa un anno nella prigione romana di Regina Coeli, poi a Lucca, a Viterbo e infine a Civitavecchia dal 1932, insieme ad altri esponenti dell’antifascismo.

*

Durante la carcerazione Spinelli si dedica allo studio delle lingue straniere, della storia e della filosofia, studiando Kant ed Hegel, e distanziandosi dalle visioni marxiste dell’epoca. Fu diverso da Gramsci, e per questo temuto dal fascismo, che vedeva in lui un rivoluzionario, pronto ad essere seguito ed emulato, con un forte potere di comunicazione.

Uscirà di prigione e sarà attivo nell’antifascismo in Svizzera, per rientrare in Italia e combattere tra le fila partigiane nel 1944, fino al gennaio 1945, aderendo al Partito d’Azione. Sarà a più riprese nel PCI e nel 1960 uscendone per un altro decennio. La sua opera è il Manifesto per un’Europa Libera e Unita, conosciuto come Manifesto di Ventotene, per il nome dell’isola su cui con altri antifascisti era confinato e dove fu formulato il Manifesto, insieme a fuoriusciti come Ursula Hirshmann, a Ernesto Rossi e a Eugenio Colorni. Questo Manifesto sarà adottato come programma del Movimento Federalista Europeo, che Altiero Spinello fondò a Milano nell’agosto del 1943.

Nel 2007, in Settembre, si è tenuto a Ventotene, Latina, il venticinquesimo seminario di formazione federalista, tenuto dall’Istituto Altiero Spinelli. Il Manifesto di Ventotene si dimostra essere subito il fondamento di una politica nuova e innovativa: vi si dichiara che la lotta per la federazione europea è una lotta da iniziare subito, in modo da creare una «linea di divisione tra i partiti progressisti e i partiti reazionari»,: Si traggono importanti indicazioni strategiche: la necessità di creare un Movimento Federalista Europeo, esperienza che avrebbe dovuto essere estesa su scala sopranazionale.

Il Manifesto di Ventotene si ispira alle letture di Spinelli sui federalisti inglesi del 18° Secolo. Questo Manifesto traduce gli ideali di grandi pensatori europei, contemporanei e del passato, in un programma politico di ampio respiro. Tratta di come la civiltà moderna abbia posto come fondamento il principio della libertà secondo il quale l’uomo è un autonomo centro di vita.

Dichiara che le Nazioni hanno l’eguale diritto di organizzarsi in stati indipendenti e questa ideologia ha portato il progresso. La Nazione ora non è più un prodotto storico della convivenza degli uomini che trovano nello Stato la forma più efficace per organizzare la vita collettiva entro il quadro della società umana.

Le conclusioni tratte dall’Autore, e dai coautori Eugenio Colorni e Ernesto Rossi affermano che occorre creare un solido stato internazionale che si sostituisca ai singoli stati nazionali, dei quali deve contrastare le tendenze espansionistiche; c’è già il progetto di una moneta unica, e di una linea comune sulla politica estera ed economica e sulla difesa militare.

*

Il Manifesto idealizza una Europa federata basata sul completo appoggio dei popoli che con il loro consenso la sostengono.

La sua visione politica è critica nei confronti del concetto di stato-nazione; Spinelli ritiene che la Federazione europea, nel periodo del secondo dopoguerra diventi il fulcro dell’antagonismo politico; capisce che gli Stati europei nel raffrontarsi creano una frizione e si distinguono tra coloro che concepiscono come fine essenziale della missione politica la conquista del potere politico nazionale e quelli che desiderano uno stato sopranazionale, che dove dopo aver conquistato il potere nazionale, per mezzo delle forze popolari, si volge a realizzare una unità internazionale. Successivamente al periodo della Resistenza antifascista in Italia ci si accorgerà che i movimenti di Resistenza non stanno apportando particolari contributi all’unificazione sotto il segno del federalismo europeo.

La maggior parte dei combattenti per la Resistenza fanno parte, finita la guerra, dei partiti di massa nel proprio paese e non sono propensi ad impegnarsi per un’Europa unita; in questo scenario i singoli problemi nazionali appaiono molto più urgenti. Inoltre questi movimenti di resistenti sono apertamente nazionalistici, e votati all’idea di nazione.

Il Partito d’Azione italiano già durante la guerra clandestina si configura come un partito europeista.

Occorre dire che la fine della seconda guerra mondiale vede la possibilità di uno scontro tra i paesi capitalisti e l’Unione Sovietica, che non ha smobilitato le sue truppe, mantenendo una forte guarnigione in Germania. Il primo ministro inglese di allora, Winston Churchill, in due discorsi nel 1946, sottolinea la necessità dell’Europa di unirsi contro una possibile minaccia sovietica; Churchill fonda l “United Europe Movement”, che insieme a movimenti simili, partecipa ad un comitato internazionale che si riunisce all’Aja, in Olanda, nel 1948. Successivamente nasce l’Unione dell’Europa Occidentale e viene approvato il Piano Marshall, un programma di aiuti economici e finanziari all’Europa. Nel 1954 crea un mandato costituente per l’Assemblea comune della Comunità Europea di Difesa che non passa per opposizione della Francia. Ritroviamo Altiero Spinelli nel 1984, interventista a Strasburgo in difesa del progetto di Trattato per l’Unione europea approvato il 14 febbraio dello stesso anno. E’ stato membro della Commissione Europea dal 1970 al 1976, e si è occupato soprattutto di ricerca e sviluppo industriale. Il 14 febbraio 1984 la Commissione produce il Trattato dell’Unione ratificato da 237 voti favorevoli e 31 contrari

Spinelli muore nel 1986 dopo aver tracciato il percorso di costruzione dell’attuale Unione Europea, che verrà poi creata a Maastricht nel 1992.

Il 21 giugno 2007, per celebrare il centenario della sua nascita, che cade il 31 agosto, presso la sede del Parlamento Europeo a Roma, la sua città natale, Altiero Spinelli è stato ricordato con un annullo filatelico del francobollo commemorativo, del valore di 0.60 Euro.

*

I libri di Altiero Spinelli sono editi da diverse Case editrici italiane; Come ho tentato di diventare saggio, stampato da Il Mulino nel 2006 racconta la vita di Spinelli, già un rivoluzionario a vent’anni, e per questo condannato dal Tribunale Speciale fascista. Intorno ai 35 anni ideava un federalismo europeo, e nei riguardi di se stesso Spinelli nutriva ad un tempo timore e orgoglio, e negli ultimi anni scrisse questo libro, che racconta la sua storia fino al primo dopoguerra. Sempre nel 2006, questa volta per Mondatori, esce Il Manifesto di Ventotene, già disponibile anche da CELID (2004).


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Norberto Bobbio: “A. Spinelli, il Manifesto di Ventotene”, il Mulino, Bologna, 1991.

Milano, 2007-06-26 23:00:10

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


CAFFÈ DI INVERIGO
Al convegno abituale
Fra le colonne del Caffè
Il professore di lettere teneva banco
A una platea di sfaccendati.
Arrivava da un paese vicino
«perché non abita qui?» dicevano,
«e dopo» rispondeva «dove vado?»

(Giampiero Neri, Poesie 1960-2005)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
In natura prevale la resistenza
Intervista a Luciano Erba
Luciano Erba, esponente di punta del gruppo di poeti denominato della Linea Lombarda, spiega il senso dei versi della raccolta poetica Remi in barca. Non un punto di arrivo, ma un economico riassetto personale, per procedere con maggiore efficienza e minor sforzo. (Maria Antonietta Trupia)
Una realtà da scontare
Le anguste vicende della piccola borghesia nelle pagine di Maria Messina (1887-1944)
Dimenticata dalla storia letteraria del Novecento, tratta dall’oblio grazie all’attenzione di Leonardo Sciascia, Maria Messina apre le porte di un mondo mediocre, chiuso nel proprio egoismo e refrattario ad ogni mutamento, un mondo di piccoli borghesi la cui unica preoccupazione è di salvare la faccia di fronte alla comunità cui appartiene. A questo universo ristretto e spesso meschino non è facile sfuggire, soprattutto per chi, come le donne che lei racconta, non riesce ad esercitare la propria libertà interiore. Le prigioni che descrive, che rinserrano tanto le vittime quanto i persecutori, sono i cerchi chiusi dentro i quali le protagoniste si vedono vivere. Nella rinuncia, nella resa, nell’accettazione di quello che è ritenuto ineluttabile non v’è debolezza o ignavia, ma il segno di una realtà da scontare. (Anna Maria Bonfiglio)

Akiko e le nuvole

Ogni separazione è come un volo, il distacco dalla terraferma e da ogni certezza. Una donna, il vento, il mare e le nuvole. La storia biografica di Akiko attraverso un breve componimento "alla giapponese" (Vilma Viora)
Il cuore del mandala che noi siamo
Letture bibliche al crocevia: simbolo poesia e vita
Dagli abissi oscuri alla mirabile visione. Gianni Vacchelli presenta un libro sul Libro dei libri nel quale i racconti della Bibbia vengono letti come fiabe capaci di rappresentare simbolicamente percorsi di iniziazione che dimostrano che in embrione bussa già al cuore di Giobbe, Giona, Abramo un Dio diverso da quel Dittatore sanguinario che la vulgata biblica ha spesso lasciato immaginare. Come in un teatro, nell’anima di questi personaggi, si rappresenta il dramma della realizzazione del Sé. (Roberto Caracci)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008