VIATA SI OPERA LUI CARLO EMILIO GADDA, BIOGRAFIA

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Carlo Emilio Gadda 1893-1973

(ITALIANO)

AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Inginer electronist Carlo Emilio Gadda dedica literaturii viata sa dureros de singuratica si desprinsa de lumea considerate «normala».

e naste la Milano, in str. Manzoni 5, pe 14 noiembrie 1893, intr-o familie mic-burgheza lombarda, cazuta in dificultati grave din cauza dezastroaselor investitii economice ale tatalui («industrias idealist» care se ruineaza «pe de-o parte cu experimentarile cultivarii viermelui de matase», si pe de alta parte cu construirea unei vile la Longone, in Brianza). Astfel Carlo Emilio Gadda petrece «o copilarie chinuita si o adolescenta si mai dureroasa».

Dupa moartea tatalui (1909), mama sa se ocupa de intretinerea familiei cu pretul a mari sacrificii, numai ca sa nu se lipseasca de vila din Longone. La cererea mamei sale este constrans sa renunte la studiile literare si sa se inscrie la cea mai folositoare Facultate de inginerie a Politehnicii din Milano.

Cu speranta vana de a face ordine, a da sens si élan vietii sale «chinuita in mod oribil» se inroleaza voluntar in primul razboi mondial, in timpul caruia scrie o serie de jurnale, editate in 1950 si intr-o forma mai completa in 1965, cu titlul Jurnal de razboi si de prizonierat. La intaoarcerea acasa in 1919, vestea mortii fratelui aviator, cazut cu avionul in timpul unei lupte, il arunca intr-o stare de depresie profunda, din care isi revine destul de lent. Luandu-si licenta in inginerie electronica, lucreaza ca inginer mai intai in Sardinia si in Lombardia si apoi intre 1922 si 1924 in Argentina.

Reintors la Milano se inscrie la Facultatea de filosofie (dar nu isi va sustine niciodata teza de licenta) si se intretine predand matematica si fizica la liceul Parini. In 1925 isi reia activitatea de inginer; si in 1925 incepe colaborarea la revista «Solaria» din Florenta, publicand eseuri si povestiri. Intre 1928 si 1929, in timpul unei lungi perioade de odihna pe motive de sanatate, elaboreaza diferite texte ramase neterminate. In 1931 apare prima sa carte Madona filosofilor. In 1931 incepe sa scrie Un fulger asupra lui 220, o nuvela, devenita povestire lunga, apoi roman in cinci capitole si in final il abandoneaza atunci cand, cu ajutorul hartilor accumulate va incepe sa se profileze conturul robust al Desenelor milaneze din Adalgisa. Romanul neterminat va fi reconstruit in mod succesiv de editorul Garzanti de la Dante Isella (2000) pe hartile si caietele autografe ale lui Gadda.

Odata prabusita tentative de a trai numai din munca sa literara, se intoarce la inginerie insa continua sa- si intensifice efortul in campul literaturii. In 1934 iese al doilea volum al sau Castelul din Udine, care castiga premiul Bagutta.

In 1936, dupa moartea mamei sale, vinde vila din Longone si incepe sa scrie romanul Cunoasterea durerii, care va fi publicat incomplet in «Literatura» intre 1934 si 1941, in timp ce in volum va iesi in 1963 (obtinand Prix International de Litterature) si apoi in 1970 cu adaugarea a doua capitole inedite.

Abandonata in mod definitive profesia de inginer, intre 1940 si 1950 traieste la Florenta unde se imprieteneste cu scriitori si critici precum Bonsanti, Montale, Bo, Landolfi si multi altii. In anii razboiului ies Minunile Italiei (1939), Anii (1943) si culegerea Adalgisa (1944). In ’50 functia de redactor al programelor culturale de la RAI ii amelioreaza situatia economica disperata. In 1953 obtine premiul Viareggio cu Nuvelele Ducatului in flacari; in plus, in acelasi an, editorul Livio Garzanti il convinge sa termine Afacerea murdara din strada Merulana (Quer pasticciaccio brutto de via Merulana publicat partial in «Literatura» intre 1946- 1947), care va iesi in 1957 obtinand un vast consens al publicului. In anii succesivi creste in mod notabil faima sa. Devine model pentru scriitorii neoavangardisti; si vor fi publicate multe din operele sale rare sau inedite : culegerea de eseuri Calatoriile si moartea (1958), Spre manastire (1961), culegerea de nuvele Imperechieri judicioase (1963), Eros si Priapo (1967), Mecanica (1970), Nuvela secunda (1971). Publicarea acestor carti nu schimba raportul sau separate si traumatic cu lumea. Gadda continua sa traiasca in izolarea sa dureroasa si chinuitoare pana la moarte, care va surveni la Roma pe 21 mai 1973.

Traduzione a cura della Redazione Virtuale

Milano, 6 ottobre 2003
© Copyright 2003 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Carlo Emilio Gadda

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

Davide Carrozza (davidecarr@yahoo.it), Gallipoli (Le), 16/02/2003

Chi ha accostato l'opera di riscoperta del linguaggio dialettale fatta da questo grande autore, (soprattutto nel Pasticciaccio) ai vari Belli e Porta, a mio avviso ha profondamente frainteso il tutto. Mentre nei famosi autori di poesia dialettale, sopra citati, l'esigenza del dialetto era quella di dare una consistenza di rappresentazione più completa del reale, in Gadda non vi è adesione alla realtà. Traumatizzato dagli orrori del Fascismo, e dalla caduta di quei valori come senso della gerarchia e obbedienza ai superiori, ai quali non può più credere, Gadda si sente "umilato e offeso". Forse da qui ci spieghiamo la sua consapevole deformazione linguistica, che accosta al dialetto il termine dotto o burocratico, quasi a voler rappresentare quel "caos" che è la realtà di tutti i giorni e della quale lui non si sente più parte.


Raffaele Morelli (b.cassiel@tiscali.it), Genazzano (Rm), 10/02/2003

Intelligenza, logicismo e una profonda conoscenza dell'architettura dell'animo umano in tutte le sue esternazioni: gioia, dolore, ironia, amore,...L'osservatore Gadda "sa", e non ha bisogno di inventare alcunchè! Semmai deve frenare questo torrente in piena di sensazioni, immagini e sogni che, come in un vortice, lo spingono al centro ed alla radice della psiche dell'uomo. E' stupendo.


Damiano Quarta, (damrta@libero.it), brindisi, 09.10.2002

L'ingegnere Gadda sa che "la ragione è morte, il sentimento è vita".Solo chi conosce la complessità e il vuoto delle formule e dei numeri,può davvero assaporare la poesia e l'arte. Parola di ingegnere,come lui!


Matthias Krautkrmer, (krauti2@hotmail.com), Magonza (Germania), 1/08/2002

Un autore di mentalità quasi tedesca.


Daniele Cascianelli (daniele.cascianelli@tin.it), Roma. 19.11.2000

Gadda è la sua lingua. Gadda si addentra nella complessità del linguaggio, come nel fitto, spinoso sottobosco del suo dolore esistenziale. Attraverso la continua, appassionata, spasmodica ricerca della parola l'ingegnere-soldato sembra voler contorcersi, articolarsi per evitare i graffi dei rovi. Ma il corpo voluminoso da pacifico mammifero non era per traversare sentieri spinosi, e il suo spirito superiore, delicato e schivo non era per districarsi senza ferite far i fatti quotidiani, ostili e acuminati, dell'esistere. I suoi capolavori solo esito dei suoi sforzi di vivere.




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Ven, 6 ott 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy