ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Oase de sepie (1925)

(ITALIANO)


Eugenio Montale, Oase de sepie (1925)

n 1925, intr-un moment plin de amenintatoare evenimente istorice, intr-o lume care, redesenata in mod artificial odata cu pacea de la Versailles, pare gata sa se faramiteze si sa se dizolve, Montale semneaza manifestul antifascist al lui Croce si publica prima sa carte Oase de sepie. Altfel de cum se intampla in opera altor scriitori (Ungaretti, Gadda) regasim in lirica lui Montale urme slabe de istorie, de razboi. Fara a se instraina totusi de epoca sa, desi mergand deasupra si dedesuptul «acestui sau acelui eveniment istoric», punandu-se deasupra diferitelor alinieri si ale diferitelor tendinte intelectuale, Montale vrea ca subiectele poeziei sale (si… a oricarei alte posibile poezii) sa fie «conditia umana considerate ca sine insasi». Si materia inspiratiei sale devine dezarmonia pe care omul o simte in fata realitatii naturale si istorice care il inconjoara. In perfect accord cu vocea, dezorientata si speriata a incapacitatii de a trai, cu moderna cultura italiana si europeana (de la Svevo la Piradello, de la Baudelaire la contemporanul Elliot), poezia sa incearca sa sparga «clopotul de sticla» sub care traieste lumea, sa farame acel inselator ecran de aparenta care ascunde zilnic realitatea si sa intre in raport cu esenta goala a lucrurilor.

Astfel, in Oase de sepie poetul se cufunda in asprul si aglomeratul peisaj liguric «simtit ca foarte universal» oglinda a indoitei si sufocatei conditii umane, si cu perpexa si «trista minune», ignorand eroica si disperata revolta a romanticului Leopardi, critica, roade, si mai ales interogheaza «suferinta de a trai» facand sa vorbeasca obiectele ci nu cuvintele.

Aflandu-se acolo unde se respira un aer saturat acum de cuvinte si poezie, Montale, in alt mod decat Ungaretti si ceilalti ermetici, nu cauta un cuvant pur si natural si nu cauta sa extraga din limbaj mistere si secrete noi; dar apropiindu-se de poetica «obiectului corelat» al lui Elliot (care-si va gasi expresia deplina in Arsenio si Ocaziile) captureaza obiecte banale, cotidiene, uzuale, si le transforma nu in simboluri care trimit la altceva, ci la embleme care au ca echivalent o emotie, o intuitie, o conditie.

Intr-adevar, poezia pentru Montale «se naste din strapungerea ratiunii cu ceva care nu este ratiune». Astfel, in Oase de sepie, la orice pas privirea poetului «strabate piezis» cautand in realitatea concreta, opaca si amara, nemiscata si fixa, «in aceasta continuare a zidului / care are in varf cioburi ascutite de sticla» care este viata, «o greseala a Naturii, /… inelul care ne tine / firul care trebuie descurcat si care ne aseaza / in mijlocul unui adevar». Orice lucru, cel mai absurd, neprevazut si banal, parfumul lamailor, o fata care apare pe neasteptate in oglinda apei, poate in mod miraculous sa te faca sa scoti afara cel din urma secret, cel mai authentic si profound al existentei.

Totusi, Montale, pe deplin constient de limitele istorice si morale ale civilizatiei contemporane, dupa caderea tuturor adevarurilor si certitudinilor positive, simte ca apartine «rasei aceluia care ramane la pamant». Refuza deci poezia triunfala si celebrative a poetilor licentiati Carducci si D'annunzio, si orice optimism facil si consolatoriu. Intorcand spatele elocventei, printr-un limbaj in care aulicul se imbina cu prozaicul dupa lectia crepuscularismului lui Gozzano, Montale ofera cititorului ca mesaj unic: «ceea ce nu suntem, ceea ce nu vrem sa fim».

Traduzione a cura della Redazione Virtuale

Milano, 24 settembre 2003
© Copyright 2003 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Eugenio Montale

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

LAURA (laurag.sn@libero.it), 11/09/'03

Per scuola " m'è toccato"tra tanti libri leggere ossi di seppia.....e menomale! di tutti quelli che mi aveva assegnato la prof era l'unico che si salvava! l'ho letto in fretta e devo dire che mi è piaciuto. Montale rispetto a tutti gli altri che si vede non avevano niente di meglio da fare ( Moravia, D'Annunzio, Pavese.......) almeno è stato conciso, filosofico e profondo e devo dire anche scorrevole.


Antonio Fiori, Sassari, 16/07/03

Compostamente oscillante tra la forza evocatrice della natura e delle cose (i limoni) e la strisciante paura che il mondo non ce la faccia, che - chissà dove - un anello che non tenga.


James Petrarca (flabbyhand@tiscali.it), Terni, 31.05.2002

"E piove in cuore una dolcezza inquieta..." I limoni


Manuel Capobianco (manuel.capobianco@tin.it), 28.06.2001

Nel messaggio poetico degli "Ossi" si raccoglie una delle più alte testimonianze della crisi del Novecento, alla quale il poeta non sa opporre che il dignitoso e rassegnato stoicismo di "Crisalide", "Casa sul mare", "Arsenio" e di tanti altri testi entrati nella memoria collettiva di almeno quattro generazioni di lettori. L'unica certezza di cui dispone il poeta è la consapevole accettazione dell'assenza di ogni certezza che non sia il prodigio dell'indifferenza o il sapere, tutto negativo, "ciò che non siamo, ciò che non vogliamo".


Fedora Biagioli (pagliaccioit2001@yahoo.it) Esanatoglia, Macerata, 21.05.2001

A me piace molto Montale forse perchè l'ho approfondito per gli esami!!!!!!!!!!!! Le poesie che mi piacciono di più sono Meriggiare pallido e assorto e Spesso il male di vivere sono bellissime ma tristi comunque rendono perfettamente la sua tematica. Forse è vero che tramite l' indifferenza si può risolvere tutto!!!!!!!!!!!!!


Gisella De Agostini (gisalle@libero.it) Piazzola Sul Brenta, Padova, 27.03.2001

La lezione di questo poeta è sempre valida e così struggente che ogni suo verso, ogni sua raccolta ci arricchisce di una verità che pare semplice trasmettere, ma che come lui non sappiamo esprimere.Come direbbe Montale, quella verità è l'essenza della nostra esistenza: la consapevolezza che il nostro vivere non ha certezze, che i nostri sogni non hanno ali, ma soltanto il tempo di un'illusione che ci lascerà ancora insoddisfatti.




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Gio, 20 lug 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy