ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Poteca cuiburilor de paianjen (1946)

(ITALIAN)


Italo Calvino, Poteca cuiburilor de paianjen
Oscar Mondadori, Milano 1993
159 pp., Euro 7,23

alvino a scris Poteca cuiburilor de paianjen in 1946, fiind pe atunci un tanar scriitor la primele incercari literare, abia iesit din randurile Rezistentei si condus in mod neastepatat pe culmile succesului de ceea ce el insusi ar fi definit «explozia literara» de dupa al doilea Razboi Mondial: «inainte de orice pornire artistica, fiziologica, existentiala, colectiva» apare impulsul neinfranat de a marturisi, de a povesti si de a ilustra anii de lupta tacuta ai fricii, ai mortii si ai dezamagirii.

Un impuls cu atat mai puternic cu cat a dominat vointa artistica a acestor scriitori, stilul lor, tonul lor, alegerile narative in asemenea masura incat din acesti ani a ramas mai ales «vocea anonima a epocii, mai puternica decat inflexiunile noastre individuale, nesigure inca», deoarece «incarcatura exploziva de libertate care il insufletea pe tanarul scriitor nu reprezenta numai vointa sa de a se documenta si de a se informa ci, mai ales, aceea de a se exprima» (din Prefata la editia din 1964 la Poteca cuiburilor de paianjen). Superioritatea atotputernica a vietii asupra artei. Dar va fi oare asa?

In Poteca cuiburilor de paianjen descoperim Neorealismul care nu a fost numai o scoala ci un «ansamblu de voci periferice», este urmat modelul Familiei Malavoglia dar, in acelasi timp, acest model este tinut la distanta deoarece acest nou realism, tasnit din ranile istoriei , din sange si lacrimi, trebuia sa fie «pe cat posibil mai indepartat de naturalism». Si apoi se iveste problema, atat de specific italiana, de a alege o limba care sa vorbeasca tuturor fara sa piarda in schimb bogatul tezaur al dialectelor; si apare din nou America, vis indepartat, licarire confuza a unei lumi atat de dorite si atat de temute pentru ca ramane in mare parte necunoscuta.

Ceva in plus face din Poteca cuiburilor de paianjen un roman special, aproape unic in traditia literara italiana. Este panorama perceputa de jos in sus: razboiul este vazut si relatat de privirea uluita si mandra a unui copil, care vede lumea cu claritatea mereu vie a unui aparat fotografic nu datorita unei constiinte a stilului ci pentru ca mai are inca instrumentele etice cu care adultii disting binele de rau (alegand dupa aceea aproape intotdeauna a doua alternativa).

Calvino a ales in mod voluntar aceasta pozitie minora, secundara, din a carei perspectiva poate urmari miscarile tumultuoase si uneori de neinteles ale Marii Istorii: scriitorul face sa vorbeasca un personaj care reprezinta, asa cum el insusi o afirma, «imaginea intoarcerii in trecut». Dar ceea ce ramane literaturii din acest roman nu este complexul de inferioritate al burghezului Calvino, complex pe care l-ar fi putut simti in fata duritatii unei alegeri istorice care nu admite incertitudini: copilaria aspra si salbatica a lui Pin depaseste valoarea ei pur metaforica. In literatura italiana istoria nu mai fusese filtrata de privirea cruda si lipsita de aparare a unui copil si tocmai in acest fapt gasim valoarea cea mai profunda a romanului ci nu neaparat intr-o vaga simbolistica sociala.

Pin observa din lumea populata de basme a unui «copil batran» vietile misterioase si incurcate ale celor mari si uneori pornirile sexuale animalice ale surorii sale, pe care Pin o spioneaza cu «ochi malitiosi» din coltisorul stramt si intunecos care este camera sa, uneori aude cuvinte obscure si fascinante (GAP, trotkist, STEN, SIM) carora copilul le atribuie semnificatii fabuloase, alteori percepe umanitatea ca fiind distorsionata si peticita din cauza indepartarii de cel Drept. Si toate aceste lucruri inseamna Istoria dar Pin nu stie, nu stie inca ce e aia istorie, acest obiect de neinteles care in visele sale de copil ia forma unui pistol, un P38 furat de la un ofiter neamt, unul dintre iubitii surorii sale. Pistolul devine deci obiectul magic al basmelor, este inelul care ne face invizibili, este Olifante a lui Orlando, bagheta magica care ii permite lui Pin sa intre in lumea fabuloasa a celor mari.

Pin este un personaj de hotar, suspendat intre o copilarie care nu a fost niciodata a lui si o lume adulta departata inca si straina dar care il atrage totusi pentru ca simte ca poate acolo ar gasi salvarea, ar putea gasi Prietenul, tovarasul, sufletul cu care sa imparta castelul de vise si secrete pe care se sprijina scurta sa viata de picaro care nu cunoaste afectiunea. In aceasta cautare fara sfarsit, fara ghidari si fara directii prescrise, Pin devine fara sa-si dea seama un moralist: priveste adultii cu ochii sai lipsiti de experienta si din aceasta scrutare stie sa extraga o intelepciune personala care il face sa devina insa mai insingurat, sa oscileze si mai mult intre dorinta, furie si frica.

Unicul joc care conteaza in acest moment este razboiul si Pin ar vrea sa participe si el cu elanul orb pe care il are orice copil care nu vrea sa ramana singur intr-un ungher al curtii si care vrea si el sa faca parte din gasca. Dar este un joc dur si dificil ale carui reguli Pin nu prea le cunoaste: nu intelege comportamentele si reactiile acestor oameni, care au cateceva din atitudinea unor delincventi si a unor clovni, care se afla toti intr-o padure ca intr-un basm de-al fratilor Grimm, reuniti acolo pentru a recita fiecare in felul sau drama Istoriei fara sa existe un regizor care sa dea sens acestei piese. Si Pin incearca sa-si schiteze un rol asa cum stie el mai bine: acela al strengarului zeflemitor, fara rusine, care nu stie sa-si tina gura, care stie sa distruga mastile si ipocriziile adultilor.

Insa si el are o masca, si Pin are un gol, o durere secreta pe care vrea sa o ascunda. Sub infatisarea sa de strengar zeflemitor si vivace, dorinta sa cea mai mare este sa cunoasca pacea si puritatea pe care Istoria nu poate si nu va putea niciodata sa ni le ofere, si atunci Pin va cauta aceste lucruri in natura, departe de « contaminarea cu masacrul ipocrit si ambiguu al speciei umane». Este o natura precum aceea intalnita in romanele rusesti: libera, salbatica si necontaminata. Lumea nemiscata si vrajita a potecii cuiburilor de paianjen, pe care numai Pin o cunoaste si pe care o va arata in mod exclusiv marelui sau Prieten, atunci cand, in sfarsit, il va intalni: dar pana atunci copilul isi duce acolo bagajul sau de suferinte si cruzimi iesind din randul celor mari si transformandu-se in calaul creaturilor din gropi si pajisti. «Cine stie ce s-ar intampla daca ai trage intr-o broasca» se intreaba el «poate ar ramane din ea numai balele verzi improscate pe o piatra»; si apoi insira paianjeni pe ramurelele uscate si lungi pentru a-i observa cu o atentie inghetata «un mic paianjen negru cu desene gri ca pe imbracamintea de vara ale vechilor bigote» si mai insira si greierii cu «absurda lor fata de cal verde», ii taia in bucati pentru a picta «mozaicuri ciudate cu piciorusele lor pe o piatra netezita». Ceea ce tine loc de teatru pradaciunilor lui Pin nu este o natura idilica : este un masacru, un laborator al micilor orori, un mic teatru gotic in care Pin pune in scena lectia invatata fara vrerea sa de la Istorie: ca au existat mereu si pretutindeni cei tari si cei slabi si mereu si pretutindeni cei tari au ceea ce este cel mai bun din viata. Chiar daca uneori pare ca are dubii in aceasta privinta, aceasta este amara intelepciune pe care el a dobandit-o in decursul scurtei sale vieti. Ca atunci cand cel Drept ii ordona sa ingroape soimul mort al unuia dintre partizani: «Mi-ar fi venit sa arunc soimul in intinderea vaii largi si sa-l vad cum isi deschide aripile si se inalta in zbor, cum da un ocol cu capul si cum zboara apoi spre punctul cel mai indepartat al orizontului. Si el, ca in povestile cu zane, sa il urmeze pe soim, traversand munti si campii, pana cand vor ajunge intr-o tara fermecata in care toti oamenii sa fie buni. In schimb, Pin pune soimul in groapa si il acopera cu pamant lovind groapa cu piciorul».

Pin isi va gasi Prietenul chiar in lumea celor mari. Cugino, cu mantaua sa inchisa la culoare si cu mainile mari care par facute din paine, vorbind putin si cuvintele sale fiind bruste, carand in spate greutatea unei mari dureri. Un altul care a fost tradat de viata, care a gasit in razboi un sens, o alternativa, un scop pentru a trai mai departe. El va fi insarcinat, la sfarsitul romanului, sa o ucida pe sora lui Pin, care era spioana nemtilor. Dar Pin nu va intelege acest lucru, Pin nu va reusi sa descifreze Istoria in semnificatiile ei profunde: pentru copil ea ramane o enigma, o mazgalitura pe o foaie alba de hartie, ca acele ciudate mozaicuri descrise de piciorusele greierelui, ca improscaturile verzi ale broastei strivita pe o piatra. Pentru el important este ca a gasit in sfarsit Prietenul si numai datorita descoperirii acestui sentiment uman Poteca cuiburilor de paianjen se termina cu imaginea sperantei.

«Si continuara sa mearga tinandu-se de mana, in noapte, printe licurici, omul cel mare si copilul.»

A cura della Redazione Virtuale de «La Libreria di Dora»

Milano, 20 febbraio 2004
© Copyright 2000 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Italo Calvino

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




IN ALTO

I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

Giulia Villa, (gvbox@libero.it), Genova, 28/01/2004

Mi é servita una mezzíora di riflessione nel silenzio più assoluto per capire l'enigmatico personaggio di Pin e schematizzare quelli che per me sono gli aspetti sia fisici sia caratteriali del ragazzo. Incredibile é l'attenta ed indiretta descrizione dell'autore circa il piccolo e tenero e personaggio; sembra qualcosa di autobiografico, o comunque il racconto di un incontro realmente vissuto. Insomma, non penso possa esistere personaggio più reale di Pin e credo che in fondo in ognuno di noi esista quell'ispido e tenero personaggio che ha un assoluto bisogno d'amore, ma che nega ciò o per ignoranza o per vergogna.Dal punto di vista fisico Pin é un ragazzo costretto a crescere troppo in fretta in quel complesso periodo dell'ultima guerra mondiale quando i Tedeschi da alleati diventano nemici. Pin non capisce molte di quelle lotte dei grandi: é ancora un ragazzo, ma si sforza di apparire adulto soprattutto col suo linguaggio spregiudicato e scurrile con atteggiamenti spavaldi, con un'ostentata aggressività, ma il suo animo é smarrito e ansioso di tenerezza, in quel mondo dei grandi che lo attrae ma spesso lo disgusta. La vita, infatti, é per lui storia di sangue e di corpi nudi, ma é anche abbandono al fascino dell'avventura e della favola. Vive nel Carrugio Lungo, ha una voce rauca da bambino vecchio...le lentiggini rosse e nere gli si affollano intorno agli occhi come un volo di vespe, fuma, beve, spia di notte con schifo la sorella prostituta sul letto insieme a uomini nudi, sa tutte le vecchie canzoni d'osteria; i ragazzi non gli vogliono bene ..si mettono a picchiarlo, perché Pin ha due braccine smilze smilze ed é il più debole di tutti. A distanza di un mese dalla lettura di questo libro se c'é una cosa che mi é rimasta in mente é il fine a cui l'essere umano tende: quello di trovare un amico con la A maiuscola che possa aiutarti, farti sorridere, insegnarti. Pin mi fa un po' paura ma allo stesso tempo lo sento così vicino a me nella sua opinione sui grandi, nemici e amici al tempo stesso e dei quali noi giovani non possiamo fare a meno. Calvino, immedesimandosi in un bambino costretto a crescere troppo velocemente, é riuscito a dare un tono così semplice e quasi tenero al libro, mentre al bambino un tono tra la pietà e líincomprensione. Forse io non dovrei dare un giudizio, forse anche io come Pin non conosco la precisa scissione tra bene e male, ma di una cosa sono certa: credo che tutti possano imparare qualcosa da questo libro; io ho imparato che nella vita bisogna avere uno scopo, una realizzazione. Calvino narra fatti attraverso gli occhi di un bambino per sfuggire ad una responsabilità opprimente, ma per scongiurare i rischi di una retorica univoca, perentoria, che dal confuso brusio della storia fa emergere solo le voci più ovvie e potenti, consacrate da una vittoria ormai indiscussa. L'ínfanzia e l'adolescenza si presentano infatti come un universo molteplice, in continuo movimento, con aspetti diversi e talvolta discordi. Adottare il punto di vista di un minore può quindi portare agli esiti più disparati: come la visione stralunata, ai limiti dell'espressionismo, del Pin de Il Sentiero dei nidi di ragno, opera prima di Calvino: un bambino strano, già un pò adulto eppure ancora capace di costruirsi quelle piccole schermaglie mentali, quelle fantasie tipiche dellíinfanzia che però, nella sua piccola mente violata, spesso si trasformano in incubi.


Kikka S., San Vero Milis (Oristano), 29/10/'03

Ciao a tutti!!!Questo libro mi è stato assegnato a scuola dalla mia prof di lettere! È bellissimo!Lo consiglio a tutti gli amanti di Italo Calvino e dei bei libri!CIAUZ. *kikka*


Federico Pastre (fedepezzato@libero.it), Milano, 27/08/'03

Nn saprei...se dovessi giudicarlo per quello che ho letto nn ne risulterebbe niente altro che un semplkice romanzo,anzi direi niente di speciale... ma se si guarda oltre le righe cogliendo con quale purezza e assoluta inconsapevolezza pin vive le sue avventure in un clima asssoluamente invivibile e come la sua vera natura da bambino se pure celata dal suo modo di parlare e di vivere,nn muore mai. fede pezzato


MANMOHAN SINGH (manmohan98@yahoo.com), Delhi (India), 31/07/03

Un'opera meravigliosa sul Neorealismo, e quando ricordiamo che e' il primo romanzo di Italo Calvino non possiamo altro che apprezzare quest'opera. L'importanza del romanzo non finisce qui, possiamo viaggiare anche nel mondo della fantasia attraverso gli occhi di Pin, il protagonista del romanzo. L'opera neorealistica ed anche fiabesca. Vow!!!


Martina (87marty@katamail.com), Mortara (Pv), 19/06/03

Io trovo che sia incredibile la capacità del Calvino nel delineare una delle guerre più complesse e travagliate, sostenuta da mille interessi ed ideali, attraverso gli occhi di un bambino, forse dall'"io" un po' più "vecchio" della reale età, ma pur sempre un ragazzo, mantenendo un registro adatto al suo personaggio. Premettendo che il Calvino non è uno dei miei autori preferiti, sono rimasta molto colpita da questa singolare caratteristica. A ciò si aggiunge poi il fascino creato dall'intreccio di temi morali con quelli sociali e politici anche molto complessi ed articolati in un testo equilibrato e piacevole...


Federico Monti (magicalman@deejay.it), Bologna, 03/06/03

Dato che il sentiero di nidi di ragno non è nella lista scrivo sempre in un opera di calvino: il mio pensiero su l'opera è ottimo ma su i partigiani no!! perché penso che sia facile uccidere nascondersi e causare la morte di persone innocenti!!!


Valentina Targa, Rovigo, 27/05/03

Ho trovato questo libro meraviglioso, è incredibile come Calvino sia riuscito a raccontare la storia sotto un punto di vista completamente estraneo alla guerra e riuscire a raccontarlo così vicino alla Storia della Resistenza. Poveri cretini quelli che lo definiscono noioso e banale, vuole semplicemente dire che leggono con superficialità, cosiglio i fumetti.


Chiara Mantovani, Parma, 16/05/03

BELLISSIMO!!!!!!!!!!


ANNINA, 20/04/03

Sinceramente non ho trovato niente di speciale in questo libro che ho trovato invece abbastanza noioso.


Antonino Salemi (anto_angel@yahoo.it), Torino, 09/03/03

Che cosa si puo' dire di questo libro,....non fatevi ingannare dalle prime venti pagine...leggetelo e poi mi direte....grazie prof Tazzara del primo artistico di torino x avermelo fatto scoprire!!!


Francesca Schiavoni (Francy_84@hotmail.com), Roma, 17/02/03

Ho letto il libro tre anni fa e ora l'ho riconsiderato per un lavoro che sto facendo sulla Resistenza! Parlare attraverso un bambino secondo me è stato spettacolare,il pricipale intento di Calvino è quello di far trivare l'uomo in solidarità con il suo prossimo e cartamente con la natura!


Sara Esposito (sara@libero.it), Roma, 06/01/03

Ho finito da poco di leggere questo libro come compito per le vacanze natalizie!!!...posso dire che è abbastanza coinvolgente anche se non è il tipo di romanzo che preferisco leggere!!!..E' triste,malinconico e talvolta anche incomprensibile!!!


Barbara Buggiani (barbara.buggiani@hotmail.com), Empoli, Firenze, 06.09.2002

Sono molto molto di parte...ho letto Il sentiero dei nidi di ragno 7 volte...e appena inizieranno le giornate buie e fredde mi sa che andrò per l'ottava. Apparte tutto...è un libro veramente eccezionale e sono felice di essermi imbattuta in questa recensione che gli rende pienamente giustizia.


ALICE PAVARIN (g.pavarin@virgilio.it), Lendinara (Ro) 06/08/02

... inizio col dire che devo ancora finire di leggere il libro, ma credo di essere già a buon punto per capire l'enigmatico personaggio di Pin... incredibile E' l'attenta ed indiretta descrizione dell'autore circa il piccolo e tenero e personaggio; sembra qualcosa di autobiografico, o comunque il racconto di un incontro realmente vissuto. Insomma, non penso possa esistere personaggio più reale di Pin!!E credo che in fondo in ognuno di noi esista quell'ispido e tenero personaggio che ha un assoluto bisogno d'amore, ma che nega ciò o per ignoranza o per vergogna.


Daniela Pieragnoli, Prato, 25.05.2002

A distanza di molti mesi dalla lettura di questo libro se c'è una cosa che mi è rimasta in mente è il fine a cui l'essere umano tende: quello di trovare un amico con la A maiuscola che possa aiutarti, farti sorridere, insegnarti. Come dice un "detto": chi trova un amico trova un tesoro!!


Barbara Caccin (tonicca@tiscalinet.it), S.Maria di sala, venezia, 16.04.2002

Ho appena finito di leggere il libro per scuola. E' stata un po' una delusione perche avendo letto come unico libro di calvino "Il cavaliere inesistente" mi aspettavo qualcosa di più divertente. Devo dire però che è un libro molto affascinante e credo lo rileggerò. Pin mi fa un po' paura ma allo stesso tempo lo sento così vicino a me nella sua opinione sui grandi, nemici e amici al tempo stesso e dei quali noi giovani nn possiamo fare a meno.


Adriano Cirasole (roman_sk@hotmail.com), Matera, 5.04.2002

Ho letto "Il sentiero dei nidi di ragno" qualche anno fa, ma non ho mai dimenticato le parole con cui Calvino libera dalle prigioni tetre in cui erano finite le avventure della resistenza nel primo dopoguerra.


Francesco Magni (kurtmagni@hotmail.com) Roma, 6.11.2001

Ho appena terminato di leggere questo libro come compito e devo dire che mi aspettavo qualcosa di più da uno scrittore come Calvino. Forse do questo giudizio perchè prima di questo libro ho letto "Le notti bianche" di Dostoeskij con il quale non credo si possano fare paragoni. Alcune espressioni sono molto belle come per esempio il verbo "abbovati" che rende benissimo l'idea della posizione degli uomini. Insomma nel complesso gli darei, da 1 a 10, un buon 4 e mezzo.


Fabiana Micozzi (fabianamic@tiscalinet.it) Petacciato, Campobasso, 19.09.2001

Ho appena terminato di leggere questo libro come compito per le vacanze estive, anche se a dire il vero non mi è stato consigliato dai prof. Mi è piaciuto tanto ed ho impiegato solo poche ore per leggerlo tutto!


Alice Cocchi Ghini (alicice83@hotmail.com) Pistoia, 07.09.2001

Ho sempre pensato che i libri sulla guerra fossero poco interessanti e a tratti noiosi, se l'argomento non è una passione, sopratutto per una 18enne. Con questo libro ho cambiato idea. Calvino, immedesimandosi in un bambino costretto a crescere troppo velocemente, è riuscito a dare un tono così semplice e quasi tenero al libro, tanto che mi sono ritrovata quasi a piangere quando l'ho finito. Lo consiglierei a chiunque.


Agnese Sampietro (csampi@tin.it) Carnago, Varese 27.06.2001

Ho appena terminato "Il sentiero dei nidi di rago" di Italo Calvino e non posso fare a meno di congratularmi con l'autore per aver raccontato con un linguaggio così semplice e vicino, ma comunque profondo e intimo, non solo una vicenda partigiana, ma la storia di tutti noi, la storia di ogni uomo, che, soprattutto attraverso le parole di Kim e le lacrime del piccolo Pim, si svolge davati ai nostri occhi di lettori e protagonisti del romanzo. Sono veramente estasiata da tale capacità di Calvino, consiglio a tutti l'appassionante lettura.


Stefano Bagnatica (pisu@lacompa.net) Nave, Brescia, 22.05.2001

Mi è sembrata molto ben fatta il discorso interiore di Kim. Sicuramente non è di facile comprensione, tuttavia alla base Calvino ha effettuato una profonda analisi socio-psicologica dell'uomo e dell'epoca. Il libro è comunque nel complesso semplice, per cui leggibile a vari livelli, anche solo come una "storiella", visione che comunque sminuisce l'opera.


mattia trabucco (trabmatt@libero.it) Saluzzo, Cuneo 03.05.2001

Il romanzo in questione mi è piaciuto molto in quanto mostra nettamente la differenza, a mio parere, tra gli adulti e i bambini e come Pin abbia difficoltà ad integrarsi oltre che con i bambini della sua età anche con gli adulti, cosa secondo me scontata. Sul piano lessicale ho apprezzato molto il linguaggio semplice, essenziale e a volte anche un poco infantile e dialettale.


Poeta Maledetto (lv.alex@tiscalinet.it) 16.04.2001

Sicuramente il mio atteggiamento polemico ke perpetua in ogni mia azione, lettura o idealizzazione verrà ricalcato dal commento che mi accingo a scrivere.Rifacendomi ad un vano e a dir poco superficiale commento qui letto, vorrei sottolineare che l'autore, Calvino, affida al personaggio Kim il compito dell'incarnazione dell'ideale partigiano più nobile, pur riconoscendone limiti e difetti. Quindi la parte ke viene dedicata al tormento, se così possiamo definirlo, interiore al dialogo dell'io interiore di Kim è la parte che sicuramente merita la più alta considerazione e stima nell'intero libro, intervallato spesso da considerazioni del narratore
onniscente, considerzioni ke si manifestano con un linguaggio particolarmente aspro , crudo a tratti distaccato ma ke in poche e forti parole riesce a racchiudere lo scopo per cui Calvino scrisse l'opera: una testimonianza di verità!


Daniela Dal Pai (manuel.dalpai@tin.it) Appiano, Bolzano 14.04.2001

Sinceramnte,non mi è piacciuto molto come libro.Sembra quasi una favola,da raccontare ai bambini per fargli capire cosa è la guerra.Sicuramente,non è paragonabile con libri del tipo "un anno sull'altipiano", o "se questo è un uomo" oppure "l'agnese va a morire". Questo libro,lascia poco della crudeltà della guerra,che pure se vista da un bimbo, è sempre molto più dolorosa rispetto a come viene presentata nel libro.


Gaia Toppetti (gaia.toppettilibero.it) 06.04.2001

Forse io non dovrei dare un giudizio, visto la mia giovane (ho 14 anni) età, forse anche io come Pin non conosco la precisa scissione tra bene e male, ma di una cosa sono certa credo che tutti possano imparare qualcosa da questo libro; io ho imparato una cosa fondamentale forse anche scontata: nella vita bisogna avere uno scopo, una realizzazione e questo ce lo insegna lo stesso Pin attraverso l'affetto che prova soprattutto in Cugino, e che comunque anche noi possiamo cogliere a grandi linee la "bozze" del bene.


David Casavecchia (diegolcasarete@libero.it) Roma, 08.03.2001

A me questo libro è piaciuto molto,anche si mi aspettavo un racconto basato piu sul misterioso sentiero dei nidi di ragno.Non mi è piaciuta,invece,la parte in cui Kim parla dei suoi pensieri perchè l'ho trovata troppo lunga e dispersiva.




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Ven, 14 lug 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy