ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

MAURIZIO MATRONE, POLIZIOTTO DELLA QUESTURA DI BOLOGNA E AUTORE DI ROMANZI E SAGGI

Intenational
Opere A-ZAutori A-ZArchivio
IntervisteMappe letterarieDossierContributiIle de France
Il lato oscuroScriversi addosso
RegistratiNotizie ItaliaLibri
Notizie ItaliaLibri

Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

Nuove acquisizioniNovità in libreriaLa mia libreriaCalendario
Chi siamoRedazione Virtuale
Ufficio stampaLa posta di Dora
Progetto UGOLink






Google
Web
www.italialibri.net
www.italialibri.org

Interviste
Intervista con Maurizio Matrone

Narrativa e pittura:
le due passioni guidano la mano dell'autore che indossa la divisa della polizia
(a cura di Margaret Collina)


aurizio Matrone è un Poliziotto della Questura di Bologna, diplomato presso l'Accademia di Belle Arti e laureato in Pedagogia.

Ha pubblicato i saggi Poliziotti e minorenni (Clueb, 1995) e Bambini, adolescenti e poliziotti (Clueb, 2000) e i romanzi Fiato di sbirro (Hobby&Work, 1998) e Erba alta (Frssinelli 2003) e numerosi racconti, anche per bambini. Ha collaborato come soggettista e sceneggiatore in film e telefilm polizieschi.

D. Lei scrive gialli, ma non solo. Alcuni suoi racconti non sono strettamente catalogabili in un “genere”, comunque il filo conduttore è sempre l’ironia, talvolta il sarcasmo. Questa scelta è squisitamente letteraria o esprime una sorta di disincanto generalizzato, una specie di grande risata che sommerge anche i fatti più tragici della vita?

E’ perché non mi vorrei prendere troppo sul serio. E’ già fin troppo impegnativo il mio lavoro che una dimensione un pizzico ludica, disincantata, umoristica, non fa male, anzi. Si può anche scherzare, ironizzare, davanti a un tragico evento, ma non è mai un oltraggio: è una modalità salvavita, per non scoppiare e affrontare con più serenità i poco desiderati drammi successivi.

D. Lei è un poliziotto, e la sua professione, nel bene e nel male, è sempre al centro del suo scrivere: non riesce a liberarsene, o il mondo in cui lavora è così ricco di spunti narrativi?

I poliziotti qualche volta lavorano come se fossero dentro un film. Il cinema e i poliziotti talvolta si imitano vicendevolmente. Però i poliziotti hanno spesso a che fare con storie che nessuno vuole ascoltare. E già questa è una bella storia da raccontare.

D. Scrive e dipinge: proprio come Buzzati, scrittore che ama in modo particolare, eppure, in apparenza, dal punto di vista letterario avete poco in comune. Cosa la lega a Buzzati, oltre al parallelismo degli interessi artistici?

Il paragone con Buzzati mi fa arrossire. Volevo quasi interromperla… Buzzati è un autore che amo moltissimo e quello che mi lega a lui, oltre all’interesse per la “cronaca” e la pittura, è l’amore che provo per le sue storie.

D. Ha mai commentato i suoi racconti con la pittura e il disegno, come Buzzati ha fatto più volte?

No, non l'ho mai fatto, però le atmosfere, specie dei racconti, albergano spesso la mia fantasia. Ho studiato invece, da pedagogista/poliziotto, la "sindrome" della fortezza Bastiani, un aspetto capace di influenzare patologicamente le professioni che, in qualche modo, hanno a che fare con l'attesa di un "nemico", ovvero di un evento che si teme, che si vorrebbe evitare - e che non si verifica - ma che a volte si spera, si sogna all'orizzonte, come prospettiva di rottura della routine o come occasione di gloria e onore.

D. In che misura la sua laurea in pedagogia è stata importante per dar vita a certi “caratteri”, e a certi suoi personaggi?

Non so se esista una misura. Sono uno strano maratoneta un po’ pigro che da’ il meglio sulle lunghe distanze. Indubbiamente [la formazione pedagogica] è per me un ricco bagaglio culturale che non può mancare in quello che scrivo.

D. Mi preme farle una stessa domanda che mi sta a cuore e alla quale hanno risposto anche altri scrittori su queste pagine: pensa che il racconto, come forma letteraria, sia ormai relegato a un ruolo di secondo piano, o ne riconosce ancora una dignità pari a quella del romanzo, nonostante lo scetticismo degli editori?

Temo che vi sia solo una preoccupazione di tipo quantitativo. Numero di battute, numero di pagine, spessore del libro. Ciò che pesa meno vale meno. Forse anche per questo la poesia, oggi, ha poca fortuna. Per restare comunque in questa curiosa metafora di “pesi e misure”, credo che il racconto si trovi a metà strada tra la poesia e il romanzo. Penso che un buon racconto (che è, secondo me, comunque un romanzo, ma anche una specie di poesia), con poche pennellate, con profonda leggerezza, sia capace di restarti dentro più di un romanzo.

Milano, 12 agosto 2003
© Copyright 2003 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net


Rivista
Dossier
Contributi
Interviste




| (AUTOBIOG)RAFIE | ARTE | CONVENZIONI | EPICA | FANTASCIENZA | FILOSOFIA | FOTOGRAFIA | GIALLI & NOIR | MANUALI | METALETTERATURA | NARRATIVA | POESIA | RAGAZZI | REPORTAGE | ROSA | SAGGISTICA | STORIA | TEATRO | VIAGGI |





Novità in libreria...


IN ALTO
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA


http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Sab, 20 mag 2006

Autori | Opere | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy