ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Giorgio Manganelli

Centuria (1979)

Tutto in una pagina
(Giordano Amicucci)

*
Cento piccoli romanzi fiume, dice il sottotitolo. Cento perle di rara bellezza ed eleganza. Con questi suoi piccoli romanzi Manganelli crea mondi alternativi eppure sottilmente legati, in un turbine di visioni ed emozioni.

*

i sono libri che cambiano la vita, libri che cambiano il modo di vedere le cose, libri semplicemente belli o brutti. Esistono romanzi, racconti, saghe, raccolte di novelle.

E poi c’è questa piccola enciclopedia, nella forma di un libro di sole trecento pagine, in cui sono contenuti cento – oltre cento, in verità, visto che la nuova ristampa comprende anche altre trenta unità – romanzi fiume, come li definisce lo stesso autore.

Piccoli per lunghezza, non per essenza e quantità di significati; fiume, perché il lettore attento viene trascinato con forza dalle parole, ma che devono essere ben soppesate.

L’idea di Giorgio Manganelli nasce da un esercizio di scrittura: l'autore prese dei semplici fogli A4 e iniziò a scrivere, ponendosi come limite il bordo del foglio, ma dando libero sfogo alla potenza narrativa.

Eppure, come molti hanno rilevato, c'è molto di più.

Di fronte ad un libro che si adatta a quanti non dispongono del tempo per leggere molti romanzi, (ogni centuria si lascia leggere – o divorare – in pochi minuti), sfido chiunque a non dover tornare con rinnovata attenzione su ogni passo, parola, analizzare ogni anfratto di questo labirinto di significati. Un intrico in cui può essere facile perdersi se si rimane ancorati a una singola idea di realtà narrativa, ma nel quale il lettore smaliziato si lascia naufragare, trascinato in un vortice di parole, gettare al di là di quello specchio in cui la realtà è rovesciata, e si sdoppia: non ne esiste più una sola.

*

Un libro intenso, brusco, sottile e ironico, imprevedibile e cinico. Si ferma al limite della coscienza, tentando di squarciare la nostra idea di letteratura. Si va a salti, ci sono argomenti che ritornano più volte, ogni volta visti da una prospettiva differente: un fantasma triste e solitario nel suo castello che aspetta chissà cosa, uomini soli in una città deserta, assassini, draghi e cavalieri, fate, sogni e incubi.

E tutto rispecchia l’inquietudine di un’umanità dispersa, che passa nel giro di due righe dalla felicità estrema all’estrema depressione. Sarebbe alquanto difficile descrivere cosa avviene nei vari racconti, ma considero emblematica la centuria cinquantuno:

    «La persona che abita lì, al terzo piano non esiste. Non intendo dire che l’appartamento è sfitto, o inabitato: intendo dire che la persona che lo abita è inesistente. […] una persona che non esiste non ha problemi sociali, non deve affrontare la minuta fatica della conversazione con i coinquilini.»

Ma

    […] Essi avvertono nell’impeccabile condotta dell’inesistente una continua reprimenda. “Ma chi si crede i essere, solo perché non c’è”, mormorano; è chiaro, hanno cominciato a invidiare, presto odieranno la disinvolta, evasiva perfezione del nulla.

Forse l’idea della letteratura per Manganelli è tutta lì: la letteratura è un nulla da invidiare, una perfezione irraggiungibile, mai innocua, utile, forse, per raggiungere una personale verità della vita, non imposta dal mondo esterno.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Giorgio Manganelli, Centuria. Cento piccoli romanzi fiume, Milano, 1995, Adelphi

Milano, 2008-03-31 17:17:44

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Non potrà assumere alcuna autentica autorità chi parla-decide solo a proprio nome; parlare a proprio nome, infatti, non è che rivelarsi senza-nome, poiché il nome, sempre, ci viene dato: Noi siamo chiamati per nome.»

Massimo Cacciari,
Arcipelago

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
Dal palcoscenico all'aula
Significato e valore della trasmissione del sapere
Da questo colloquio con Moni Ovadia cerchiamo di ricostruire il percorso che ha portato il musico-teatrante all'insegnamento dell'umorismo ebraico all'Università di Padova, le emozioni e la lezione che lui stesso ha ricavato da questa esperienza e che condivide con noi. (Laura Tussi)
Nel buio della notte
Un punto invisibile, anonimo, da cui si scrive
È la Parigi anni '70 la protagonista di Nel buio della notte (1976), con il suo tessuto sociale e urbano in mutamento e al centro, emblematico, il quartiere le Halles. Un confronto dell'esperienza di Alba De Céspedes con quella di Italo Calvino, sul piano delle difficoltà che l’essere umano incontra nel suo tentativo di stabilire un rapporto con le trasformazioni della sua città, il senso di smarrimento e solitudine di fronte al nuovo che avanza, che passa, dalla dicotomia tra vecchio e nuovo, al conflitto generazionale. (Eva Di Tullio)

Fuoco
Da "La vocazione del netturbino"
Un appartamento immerso in un'atmosfera lugubre. Un ragazzo ne esce e si aggira con un badile e una torcia elettrica per una discarica di rifiuti. La notte è animata dal volo dei gabbiani e dei corvi e il percorso è reso insicuro e viscido dalla incredibile varietà di prodotti organici marcescenti e dai liquami che ne fuoriescono. Mentre il rombo delle ruspe avanza, il protagonista è incalzato dal rogo generato dal calore della sua stessa torcia... (Roberto Caracci)
Un romanzo per volto, la parola per vestito
Il primo romanzo di Elena Ferrante
Nell'incipit de L'amore molesto, il corpo di una donna galleggia nella risacca del litorale di Spaccavento. Inizia così l'indagine retrospettiva della Ferrante nell'immaginario di una ragazzina raggomitolata sulla soglia di tormentosi ricordi che si intrecciano a fantasie infantili lontane nel tempo... (Luca Gabriele)
Stefano Finiguerri
La sua poesia canzonatoria imperversava nelle osterie
Nel clima di atmosfera festosa susseguente alla capitolazione di Pisa ghibellina ad opera dei guelfi di Firenze nasce la corrente comico-realistica di Stefano Finiguerri, principale esponente della poesia satirica fiorentina a cui si attribuisce un naturalismo forte e vigoroso (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008