ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Dacia Maraini

Il gioco dell'universo (2007)

Dialogo immaginario tra un padre e una figlia non convenzionali
(Luca Gabriele)

*
Nell'ultimo lavoro, Dacia Maraini (Il gioco dell'universo) ripercorre gli scritti del padre Fosco Maraini, un viaggiatore e ancor di più un libero pensatore, che divide il mondo in "esocosmo" ed "endocosmo", un giramondo laico che si interroga sulle religioni, tra le cui tante annotazioni s’insinuano tentativi di narrazioni più ampie, semi di racconti o di romanzi mai sbocciati...

*

n padre e una figlia: eccoli impegnati ad intessere un dialogo, una carezzevole conversazione che supera le distanze ed il tempo. Un dialogo immaginario, ma vivo e vibrante sotto l’inchiostro. Sentivamo da sempre forte il bisogno d’una pagina scritta che riscattasse la figura di Fosco Maraini, etnologo orientalista, viaggiatore instancabile, scrittore e fotografo d'eccezione, da tempo emarginato da quella rosa delle grandi voci letterarie del nostro Novecento.

Ed il fatto poi che sia stata la mano stessa d’una figlia d’eccezione, dalla scrittura soave e la parola delicata, a liberarlo dalle ombre in cui era stato esiliato commuove l’animo del lettore. In questo senso, il ritratto attento di suo padre disegnato da Dacia Maraini, amorevole ma mai indulgente, mai velato dai pregiudizi filiali, costituisce un contributo definitivo.

Un uomo straordinario. Bello, eccentrico, curioso, avido di vita, di conoscenza, di esperienze. Un padre giovane, robusto, con un ciuffo ribelle che gli scivolava sulla fronte, come già lo ricordava la figlia nel romanzo Bagheria. Sempre in viaggio, di continente in continente, che poteva restare lontano da casa anche interi mesi. Che partiva carico di nulla, dell’essenziale, e tornava col grande bagaglio di fotografie di paesi magnifici e irraggiungibili, portandosi dietro odori sconosciuti: di luoghi lontani, remoti, di arie leggere, di stanze segrete e profumate. Un padre che appariva e scompariva nei giorni d’infanzia di Dacia, parlava delle bellezze e del mistero dell'universo sdraiato accanto alla figlia in indimenticabili sere estive; che la rapiva con le sue assenze e il suo affetto fluttuante. Non possono allora non tornare alla mente altre pagine dense di affetto e di ricordi leggeri.

    «“Papà quando torni?” “Presto, Dacina , presto”. E quel presto era come un mai. Perché innescava il difficile sentimento dell’attesa e delle attese, si sa, sono serpenti che si snodano nella nostra mente addormentata». (da Bagheria , Rizzoli 1993)

*

Ma un viaggiatore non ha stabilità. È una persona che parte e non può garantire quando tornerà. Ed ecco allora le terre sconosciute sulle quali quel padre ha posato i suoi passi, ecco i cieli verso cui Fosco Maraini ha alzato gli occhi. Tutti affrescati attraverso la scrittura, asciutta ma sempre immune all’approssimazione linguistica, nei suoi taccuini di viaggio. Impressioni, visi scrutati, letti su cui ha riposato il corpo. Appunti inediti, eredità d’una padre pellegrino, recuperati dalla figlia e da lei commentati, brano per brano.

    «“Tutto quel che succede nel mondo mi riguarda”. Ecco un altro punto fondante del suo modo di essere. Il mio dolcissimo padre aveva la tendenza a cacciare il naso nelle cose che accadono, anche le più minute, per comprendere, per assimilare. Il mondo era il principio delle sue ricerche, delle sue speculazioni, delle sue scoperte. E il mondo lo accoglieva mostrandogli profonde ferite, spinose contraddizioni, grandiose bellezze».

Ed ecco allora che si delineano all’orizzonte le grandi albe delle sue partenze. Ora per il Tibet, a guadagnare la vetta. Ora per il Giappone, a studiare i costumi degli Hainu, popolazione in via d’estinzione. Ora verso sempre nuove “case, amori, universi”. Senza mai perdere la capacità di stupirsi e di incantarsi come un bambino davanti ad una arazzo di stelle, di fronte alla geometria insolita delle nuvole, al gioco sfuggente dell’universo.

Appuntava lo sguardo su popoli remotissimi, su geografie favolose, su lingue sconosciute a chiunque. Appassionato, innamorato delle montagne himalayane, dai confini, dalle geografie terrestri e dalle mappe astrali come da una donna. Spinto da una curiosità onnivora. Un viaggiatore e ancor di più un libero pensatore che divide il mondo in "esocosmo" ed "endocosmo", che si interroga sulle religioni, che sintetizza in elenchi studiando d'etnologia, d'antropologia. E tra le tante annotazioni di questo giramondo laico s’insinuano tentativi di narrazioni più ampie, semi di racconti o di romanzi mai sbocciati. E la più grande ed insanabile nostalgia la si avverte per quelle pagine mai scritte di straordinaria letteratura che il destino non ci ha restituito. Perché il tempo sottrae, perché la vita non paga, perché gli anni indietro non tornano.

Ed ecco allora il dialogo immaginario approdare ad un saluto, ad un congedo. Ed eccolo, quell’uomo di immenso fascino e sapere, imbarcarsi in ultimo per un nuovo viaggio, verso un porto ignoto, misterioso per quel mistero stesso che è l’esistenza. Eccolo quel «dolcissimo padre» raggiungere dopo la dovuta fatica della scalata una nuova vetta. Quella dell’immortalità delle sue parole e della nostra memoria.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Articolo precedentemente apparso sul blog Romantici Rottami

Le immagini (dall'alto):
Dacia Maraini, tra il padre Fosco e la madre Topazia a Sapporo, nel 1940
Fosco Maraini, spedizione sul Gasherbrum IV, Karakorum, 1958



BIBLIOGRAFIA
Dacia e Fosco Maraini, Il gioco dell'universo, Mondadori, Milano, 2007. Dacia Maraini, Bagheria, Rizzoli, Milano, 1993.

Milano, 2008-03-13 13:52:06

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«È l’ora del tallone, osso del ritorno, a lui spetta di appoggiare il passo che riporta indietro.»

(Erri De Luca, Il contrario di uno)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
Nel buio della notte
Un punto invisibile, anonimo, da cui si scrive
È la Parigi anni '70 la protagonista di Nel buio della notte (1976), con il suo tessuto sociale e urbano in mutamento e al centro, emblematico, il quartiere le Halles. Un confronto dell'esperienza di Alba De Céspedes con quella di Italo Calvino, sul piano delle difficoltà che l’essere umano incontra nel suo tentativo di stabilire un rapporto con le trasformazioni della sua città, il senso di smarrimento e solitudine di fronte al nuovo che avanza, che passa, dalla dicotomia tra vecchio e nuovo, al conflitto generazionale. (Eva Di Tullio)

Amante disperata
Breve racconto allegorico
Una lettera di sfogo ad un uomo dal cuore indurito dall'egoismo, un uomo cui quest'Amante aveva dedicato tutta sè stessa... tutte le sue energie... (Carla Montuschi)
«In guerra qualche volta abbiamo cantato»
Un indispensabile compendio per la formazione di una coscienza civica.
Con 'Un anno sull’Altipiano' – non uno fra i tanti, ma il capostipite di tutti i libri ispirati alla Grande Guerra – Emilio Lussu ha colmato il divario intercorrente fra ciò che accadeva in realtà nelle trincee e quello che veniva propinato all'opinione pubblica. (Ademario Lo Brano)
Povera, ma non semplice
E alla fine l'hanno capita anche i critici
Anna Maria Ortese è tra i pochi scrittori italiani ad aver saputo praticare a livello altissimo la professione del giornalista, dell'inviato; ha saputo raccontare l'Italia del suo tempo, e non solo l'Italia, come pochi altri nostri scrittori e pochissimi giornalisti. La critica italiana e internazionale la pone oggi, con il suo spirito audace e visionario, tra le figure più grandi della letteratura europea, al pari della della Morante, della Woolf e della Mansfield. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008