ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Lidia Ravera

Le seduzioni dell'inverno (2008)

Candidato al Premio Strega 2008
(Luca Gabriele)

*
Con 'Le seduzioni dell'inverno', il consueto sguardo sottile, tagliente, la straordinaria capacità di Lidia Ravera di attingere in profondità nell’animo umano, donano al lettore un romanzo scandito da colpi di scena. Parabola noir del disincanto, della disillusione di un amore adulto, imprevisto quanto insidioso. Un capitolo in più nella letteratura a cavallo del millennio.

*

osa accade quando, senza preavviso, si diventa la posta in gioco di una bieca scommessa tra donne? Cosa spinge il rancore femminile fino alla rivalsa, al dispetto? Cosa scaturire da un capriccio cinico e pungente?

L’intera vita di un uomo rivoltata, come un letto sfatto, in un solo giorno, da uno sgarbo balordo. La somma dei suoi anni annoiati, caotici, dimessi, viene un mattino sconvolta da una emblematica sorpresa. Stefano è un single di mezza età, con un passato disordinato alle spalle. Un matrimonio opulento, sfarzoso ma naufragato. Un’amante ragazzina, che lo ricopre di un affetto fluttuante e calcolatore, che lo disgusta.

La sua quotidianità meno bieca si svolge sul posto di lavoro, dove ha amici con cui scambiare qualche parola, dipendenti su cui scaricare la sua intransigenza. Nel suo appartamento si accumulano le immondizie delle ore vuote. Le camere sono quasi inagibili, adibite a magazzino. In cucina i piatti sporchi si accatastano nell’acquaio. Il letto, su cui si stende ogni notte senza neppure svestirsi, è un letto deserto, freddo, disfatto.

Ma un giorno come gli altri, al risveglio, la casa è trasformata. Le stanze respirano aria nuova, sgombre delle consuete macerie. Ci sono fiori sul tavolo, la colazione servita con dovizia. Un concerto di violini si diffonde dolcemente. Una donna inattesa si stabilisce nella sua vita, portandole ordine. Una irruzione misteriosa che riempirà, a poco a poco, il suo giro di ore perse. Sophie è colta, riservata, sconosciuta. Gli assicura d’essere la domestica che la sua ex moglie gli ha ceduto per il periodo delle vacanze estive. Gli offre i suoi servigi instancabili, lo accudisce meglio di una compagna, più di una madre. Ma dov’è che s’è annidata la verità?

*

Le seduzioni sottili, subdole di Sophie riescono a sciogliere senza meraviglia il cuore invernale di Stefano. Lui che non aveva mai conosciuto l’amore, né con sua moglie né con l’amante bambina, scopre all’improvviso l’ansia di sentirsi stretto in un laccio. L’insonnia nell’attesa del risveglio. E non è casuale che questo romanzo prenda inizio proprio da un risveglio, ambiguo, oscillante. Ma la notte non è ancora finita. Ci sono ancora numerose ombre che avvolgono la figura di lei. E nel diradarsi, scopriranno, sotto l’incanto, una autenticità losca, volgare. Il sapore amaro dell’inganno e di un amore adulto che stenta a concedersi.

    «Si era attrezzata così, per sopravvivere. Difendeva la sua solitudine, l’aveva scelta e continuava a sceglierla. Lei non voleva dividere la sua vita con nessuno. Non aveva mai voluto… E adesso, arrivata all’età in cui le donne si preparano a scomparire, quest’uomo l’aveva estratta dal mucchio, le aveva mostrato il trono su cui ti può innalzare qualcuno, quando ti crede unica, diversa da tutte le altre. Non lo voleva, quel trono, la faceva sentire troppo donna e lei si sforzava di non esserlo, o almeno non fino in fondo. […] Era doppia.»

Cosa accade quando si è messo il piede in una tagliola, sapientemente imboscata? Quando si è vittima di un tiro mancino? Una ripicca disonesta, dettata dal femminile rancore?

Lidia Ravera sa esplorare, con la consueta arguzia, le stanze della femminile giustizia. Sa tenere il lettore in disparte, per il giusto tempo, e poi farlo cadere nel tranello assieme al protagonista, in un comune assalto. Si diventa repentinamente preda di una caccia corrosiva. Si tiene il fiato correndo su uno sterpaio di insidie, alla ricerca della verità.

Richiamano la migliore letteratura del Novecento, queste pagine raffinatamente composte dalla stessa autrice di altri successi impeccabili, come Sorelle (1994), Il freddo dentro (2003), Eterna ragazza (2006). Riportano la memoria del lettore a Goffredo Parise, Alberto Bevilacqua, Flaubert. Una storia che scorre tra le dita, che intarsia continui colpi di scena su uno spolverio di malessere. Che disegna con maestria di evocazione quella noia salottiera di cui scriveva già Moravia. Quella atavica assenza di impulsi che spinge a ordire tranelli, macchinare beffarde rivincite quando la partita con la vita è già persa.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini: la Cenerentola di Gioacchino Rossini, nella coreografia della compagnia catalana Comediants (Barcellona), diretta da Joan Font



BIBLIOGRAFIA
Lidia Ravera, Le seduzioni dell’inverno, Nottetempo, Roma, 2008.

Milano, 2008-06-03 09:59:20

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Di quel colore rosso / del cielo insolitamente alto / si era discusso come di un sogno / o strana suggestione / di rari passanti, / era invece una premonizione»

(Giampiero Neri, Boreale, da Teatro naturale, in Poesie 1960-2005)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
Le donne, la pagina scritta e il peso delle etichette
Conversazione con Lidia Ravera
Lidia Ravera racconta il percorso che l'ha portata fino a noi, a partire da 'Porci con le ali' fino alla finale del Premio Strega, con uno sguardo in prospettiva a un nuovo romanzo fiume, che sta scrivendo, che toccherà i punti salienti che costituiscono l'esperienza di vita di tutta una generazione di uomini e di donne. (Luca Gabriele)
L'indagine dell'io
Una riflessione sull’ambiguità dell’animo umano
Ne “I falsi redentori”, storia di un matrimonio in crisi, ricompare il paesaggio veneto di Guido Piovene. In esso si svolge una tragedia, ampiamente prevista, che cotrappone tre uomini a una donna, in nome di un non ben definito ideale ultraterreno. Dalla caratterizzazione psicologica dei personaggi emerge un senso di colpa che grava su tutta la vicenda. La capacità di andare oltre la realtà razionale per cogliere anche l’emozione profonda dell’io resta fondamentale, ma, sembra dirci l'autore, non deve trasformarsi in ossessione (Davide De Maglie)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Il caso e la necessità
La straordinaria avventura di un uomo-ragno
Tommaso Landolfi si laurea all'Università di Firenze in lingua e letteratura russa. Traduttore quindi di importanti autori russi, i suoi primi testi compaiono sulle riviste letterarie del tempo. Nobile aristocratico, ironico e indifferente, affascinato dai ragni, dal tappeto verde della roulette e dal caso, in cui crede dubitandone, ci ha lasciato una vasta opera letteraria, delle più pregevoli e raffinate, al di fuori del tempo, a livello dei maggiori protagonisti della sua incredibile epoca. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008