ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Corrado Augias

Leggere (2007)

Una vita passata sui libri
(Redazione Virtuale)

*
Leggere, per Corrado Augias, è la condizione dell'essere umano solo con i suoi pensieri. Tra i benefici concessi dall'innovazione di Gutenberg, leggere è il più terapeutico. Leggere è inoltre uno strumento democratico e critico in grado di sovvertire i ritmi della Storia.

    «La vita contemporanea, all'apparenza così piena di luce (in tutti i sensi), contiene in realtà vaste zone d'ombra, dove solo la letteratura e le arti sono in grado di penetrare; sicuramente non riusciranno a illuminarla per intero, tanto meno potranno cambiarne il connotato, ma possono aiutarci a percepirne l'estensione e la complessità , il che sarebbe già un risultato notevole» [Corrado Augias]

*

er presentare in maniera credibile una storia, è utile aver accumulato un discreto bagaglio di esperienze narrative. Un libro come quello di Corrado Augias, Leggere (Mondadori 2007), che parla dell'esercizio della lettura, richiede di aver letto i testi di cui si discorre e inoltre di aver sfogliato un buon numero di libri che, come il suo, descrivono la prassi della lettura o, almeno, della scrittura, dal momento che lettura e scrittura risultano strettamente interrelate.

Mission impossible. Ci si orienta pertanto sulle semplici impressioni provocate dalla lettura di questo breve trattato che traccia un percorso suddiviso in otto capitoli, attraverso il quale l'autore vorrebbe «arrivare a dire in che cosa consista l'attività del leggere, come si possa profittarne, quali conseguenza possa provocare» l'interpretazione di quei segni neri sulla pagina bianca. Non l'intento di Roland Barthes, che del testo indaga con ironia il piacere (Il piacere del testo, Einaudi 1975); né quello di Jorge Louis Borges (Altre inquisizioni, nel Meridiano a lui dedicato nel 1984), che è quello di indagare l'inquietudine che lo aveva colto leggendo che l'edificatore della Grande Muraglia cinese, l'imperatore Shih Huang Ti «dispose che venissero dati alle fiamme tutti i libri prima di lui». Non quello di Daniel Pennac (Come un romanzo, Feltrinelli 1993) che si concentra sulle ragioni per cui la gente non legge più, un pretesto per parlare dei bei libri che si scrivevano un tempo, quando si leggeva ancora.

Quello però che questi autori, ed altri che non è possibile citare ora, condividono con Augias è un'incontenibile esigenza di farci partecipi dell'immenso piacere che per loro ha costituito il tempo trascorso immersi nella lettura e del potere terapeutico e consolatorio che emana da questa attività che è attribuibile esclusivamente al genere umano. Già questo è un fatto abbastanza straordinario.

Come tutti noi, anche corrado Augias ha un passato di non-lettore, un momento topico in cui «all'ombra dei cipressi» è scattato in lui l'«innaturale» amore per la lettura. Le lugubri immagini di Ugo Foscolo sono responsabili di una trasformazione che si ripete, a giudicare dai commenti lasciati su ItaliaLibri dai più giovani lettori a margine delle pagine relative all'autore crepuscolare.

*

Per fornire una rappresentazione della “potenza” della lettura Augias ci rievoca una semplice esperienza che tutti noi abbiamo vissuto. Dopo la lettura di un romanzo che ci ha appassionato, la visione del film tratto da quel romanzo è sempre deludente. Jean Paul Sartre, citato dall'autore, era andato più in là : le piante e gli animali visti al giardino zoologico non gli erano apparsi altrettanto vividi quanto le descrizioni lette sull'Enciclopedia Larousse.

Un aspetto importante messo in rilievo da Augias è quello del rapporto dei libri con il potere, che si riassume sinteticamente con la parola “censura” ma che ha assunto, a seconda dei tempi, manifestazioni diverse. «Ceci tuera cela». L'autore dirige l'attenzione del lettore su un brano di Notre Dame de Paris, in cui Victor Hugo descrive il percorso della comunicazione istituzionale, che passa attraverso le cattedrali, con le loro vetrate, la loro iconografia e i contenuti immutabili, in funzione della tradizione e di un ordine incontestato e indiscutibile, e giunge ai libri e alla carta stampata; «alle lettere di pietra di Orfeo – scrive Hugo – succederanno le lettere di piombo di Gutenberg». Ecco quindi le nuove cattedrali, più potenti perché più agili, più flessibili, più piccole, predisposte ad esporre i contenuti di un ordine alternativo, soggettivo, con la sua scienza, con la sua etica e con le sue narrazioni. I libri.

Oggi le nuove cattedrali svettano su Internet, secondo lo stesso principio tecnologico ed economico. Sfuggono a un ordine consolidato che vede la concentrazione dell'industria culturale nelle mani di pochissimi protagonisti del mercato, la produzione dei libri (che appropriatamente Augias definisce «strumenti democratici e critici») nelle mani dei grandi potentati economici. Quando nel 2007 l'abbé Beppe Grillo tuona dal pulpito del suo blog, il potere ha un sobbalzo, sente la pressione non più eludibile dell'opinione pubblica, come qualcuno che, dopo essersi accertato di aver sbarrato porte e finestre percepisce su di sé un alito gelito che gli insidia la cervicale.

Proprio su questo argomento, sul nuovo medium rappresentato dalla rete, su questo straordinario strumento di divulgazione, d'informazione e di cultura, Augias sembra tentennare, esita a riconoscerne l'importanza rivoluzionaria, in funzione di una prudenza che però, a nostro avviso, non è diversa dalla prudenza consigliabile a chi entra in un media super store (sempre in tema di cattedrali) dove si trova di tutto: il libro scritto dal calciatore, il trattato d'esoterismo, il CD di Marilyn Manson e il DVD di Michael Moore. Anche in un ambiente come questo è richiesta la prudenza e lo spirito critico e l'affermazione «il nome dell'editore è spesso una garanzia» suona un po' ingenua.

*

Sbaglieremmo a soffermarci più del necessario su queste poche righe d'apertura del breve capitolo intitolato Quando la lettura fa male (tanto per intenderci). Tenteremo al contrario di controbilanciare le nostre perplessità riconoscendo che Corrado Augias è una delle poche persone che davvero fa cultura in TV e lo fa con determinazione, trasporto, apertura mentale e... coraggio. Il breve capitolo prosegue con l'esposizioni di alcune opere in cui la passione per la lettura ha determinato la rovina dei protagonisti; Cervantes, Flaubert, Musil e Dante. Qui Augias riporta i pochi versi del Canto V dell'Inferno in cui Paolo e Francesca si incontrano sulle gesta di Lancillotto e Ginevra. Come ogni eccesso, anche l'ossessione per la lettura può nuocere a chi se ne lascia impadronire e la suggestione del testo può contribuire allo spaesamento dei sentimenti.

Un'importante porzione del trattato è dedicata a Eros e alla trasgressione. Alla voce Testi di godimento Barthes aveva scritto:

    «Il testo di goddimento è assolutamente intransitivo. Pure, la perversione non basta a definire il godimento; è l'estremo della perversione a definirlo: estremo sempre spostato, estremo vuoto, mobile, imprevedibile. Questo estremo garantisce il godimento: una perversione media si carica ben presto di un gioco di mentalità subalterne: prestigio, ostentazione, rivalità , discorso, parate ecc.».

    Attraverso l'esperienza dei testi che autrici celebri (Saffo, Anaïs Nins) e autori (D.H.Lawrence, D'Annunzio) ci hanno lasciato e le vicende che questi testi hanno incontrato sul loro cammino di “provocatori” degli istinti e dei buoni sentimenti dei cittadini onesti, Augias giunge a una sua lucida teoria del testo di genere, in cui distingue tra pornografia (natura) ed erotismo (cultura) e termina con la trattazione delle opere che mettono al centro un aspetto controverso del cosidetto vivere civile, che gli permette di articolare un giudizio di rara sintesi. «Il casino, nel senso di casa di tolleranza è stato il prodotto di un tempo e di una cultura entrambi scomparsi. I problemi con i quali abbiamo a che fare oggi sono diversi, riguardano l'aspetto sanitario, la criminalità , un osceno sfruttamento che ha fatto rivivere le modalità , ritenute scomparse per sempre, dello schiavismo.»

    *

    Chi legge sa che la lettura è una filosofia di vita (vedi anche L'utopia letteraria di Richard Rorty), bizzarra solo agli occhi di chi non ne riconosce le virtù e la ritiene un'inutile “fatica”, un'attività da secchioni, una perdita di risorse, rispetto alla possibilità di impiegare il tempo in attività più pragmatiche o edonistiche. Augias ci regala l'immagine di un Niccolò Machiavelli che, spogliati gli abiti del gioviale e gozzovigliatore perdigiorno, indossa vesti «reali e curiali» per incedere nelle «antique corti», accolto da «antiqui uomini» par suo.

      «Noi siamo abituati a dare a parole come “silenzio” e “solitudine” un significato di malinconia, negativo. Nel caso della lettura non è così, al contrario quel silenzio e quella solitudine segnano la condizione orgogliosa dell'essere umano solo con i suoi pensieri, capace di dimenticare per qualche ora “ogni affanno”.

    In questo l'autore sembra concordare alla lettera con Harold Bloom (Come si legge un libro e perché, Rcs Libri 2000) che dichiara: «Leggere bene è uno di quei rari piaceri che la solitudine può concederci perché, almeno secondo la mia esperienza, è il più terapeutico dei piaceri.» Un dono, il piacere della lettura, che ci permette di dare un senso – oggi, che il tempo scarseggia – anche alle attese, che, nelle parole di Giuseppe Pontiggia «non coltiva l'ideale della rapidità , ma [...] della durata», in grado infine di sovvertire – come ci suggerisce Giuseppe Gioacchino Belli nel sonetto citato in chiusura, i ritmi della Storia.

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini rappresentano (dall'alto):
Corrado Augias
Victor Hugo fotografato da Nadar
Gustave Flaubert nel ritratto di Eugène Giraud al Castello di Versailles
Niccolò Machiavelli nel ritratto di Santi di Tito al Palazzo Vecchio di Firenze



BIBLIOGRAFIA
Corrado Augias, Leggere
Mondadori 2007
Pp. 120, Euro 12,00

Milano, 2007-10-08 19:08:13

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«L’arte non rappresenta la vita in modo assoluto, ma la vita come è concepita e spiegata in questo o quel tempo. È la scienza che ti dà il significato della vita e la vita artistica di un tempo corrisponde alla scienza di quel tempo.»

(Francesco De Sanctis, Opere)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il tempio inglese dell'arte italiana
All'avanguardia nella valorizzazione e nella conservazione dell'Arte
Inaugurata nel 1824 a Londra, è stata la prima pinacoteca ad ingresso gratuito. La ristrutturazione post-bellica consentì di ammodernare l’edificio di Trafalgar Square, che ospita un laboratorio permenente di restauro. Oggi la National Gallery vanta una delle più ricche collezioni di pittura europea. (Elena Marocchi)
Dal palcoscenico all'aula
Significato e valore della trasmissione del sapere
Da questo colloquio con Moni Ovadia cerchiamo di ricostruire il percorso che ha portato il musico-teatrante all'insegnamento dell'umorismo ebraico all'Università di Padova, le emozioni e la lezione che lui stesso ha ricavato da questa esperienza e che condivide con noi. (Laura Tussi)
Una realtà da scontare
Le anguste vicende della piccola borghesia nelle pagine di Maria Messina (1887-1944)
Dimenticata dalla storia letteraria del Novecento, tratta dall’oblio grazie all’attenzione di Leonardo Sciascia, Maria Messina apre le porte di un mondo mediocre, chiuso nel proprio egoismo e refrattario ad ogni mutamento, un mondo di piccoli borghesi la cui unica preoccupazione è di salvare la faccia di fronte alla comunità cui appartiene. A questo universo ristretto e spesso meschino non è facile sfuggire, soprattutto per chi, come le donne che lei racconta, non riesce ad esercitare la propria libertà interiore. Le prigioni che descrive, che rinserrano tanto le vittime quanto i persecutori, sono i cerchi chiusi dentro i quali le protagoniste si vedono vivere. Nella rinuncia, nella resa, nell’accettazione di quello che è ritenuto ineluttabile non v’è debolezza o ignavia, ma il segno di una realtà da scontare. (Anna Maria Bonfiglio)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Democrazia critica
Un contributo illuminante e una proposta per contrastare alcuni fenomeni degenerativi della società democratica
Nel saggio ‘Il crucifige e la democrazia’, secondo il sottile e sofisticato ragionamento di Gustavo Zagrebelsky, una teoria della democrazia come fine e non solo come mezzo deve saper proporre un modello di pensiero ‘che non presuma di possedere la verità e la giustizia, ma nemmeno ne consideri insensata la ricerca’. (Redazione Virtuale)
Un testimone del Novecento
Tra rigore morale e impegno intellettuale
Emilio Lussu fu un eminente testimone del Novecento italiano. Attraverso appassionate descrizioni della vita in trincea e, successivamente, dell'esperienza dell'opposizione al regime fascista e all'impegno socio-politico a favore della rinascita della sua terra, spesso a rischio della propria incolumità fisica, ha rappresentato con coscienza gran parte del Novecento italiano. (Ademario Lo Brano)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008