ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Paolo Di Paolo

Raccontami la notte in cui sono nato (2008)

Come un fastidioso senso di vertigine
(Alessandra Casaltoli)

*
In questo 'Raccontami la notte in cui sono nato', romanzo di formazione, romanzo autobiografico, lungo monologo-confessione, Paolo di Paolo rappresenta la generazione di chi non ha ancora trent’anni e vive, straniato e dubitoso, una perenne insoddisfatta adolescenza.

*

a un retrogusto vagamente gaddiano, Raccontami la notte in cui sono nato. Lucien, io-narrante, apre la prima pagina presentando sé stesso nell’istante in cui il castello di carte, barocco e cedevole, in cui aveva creduto di poter trovare riparo da una “vita pratica” per cui non si sente né adatto, né adattabile, rovina irrimediabilmente, mostrandogli, una volta di più, che «Qui l’unico problema sono io».

Lucien (e adesso Di Paolo usa le spezie di un illusionismo di ordine onirico), è allettato da un’idea: quella di cambiare vita e identità. Gliela suggerisce un annuncio trovato per caso su e-bay: un giovane surfista australiano vende la sua vita, non negando sé stesso all’esistenza, ma semplicemente passando di mano la sua realtà come un padrone di casa passa di mano la scatola dei ricordi al facchino durante il trasloco. Lucien fruga nel portale delle offerte per trovare il volume della sua infanzia, le favole di Richard Scarry; Lucien nel bel mezzo dei vent’anni alla ricerca di tessere perdute di una prima stagione della vita; Lucien anestetizzato dietro alla cortina opaca di carta velina che lui stesso oppone come scudo ad un mondo fatto di materialità, di consistenza, che percepisce incomprensibile ed esclusivo della sua ‘diversità’; Lucien in cerca di un espediente per slegarsi “in fretta da [una] vita da adolescente invecchiato, in preda agli sbalzi d’umore”: Lucien trova una via d’uscita. Il gioco che ogni generazione di bambini ha fatto e che farà, manifestazione di libera fantasia nell’infanzia, di disagio e frustrazione nella maturità: «Facciamo che io ero».

Come in uno scambio di parti dunque, sarà proprio quel venditore di favole infantili che Lucien cercava, ad essere scelto come custode della sua vita precedente. Lucien gli passa il testimone di un’esistenza faticosa come una salita per chi è «rimasto sempre indietro nelle passeggiate in montagna», per chi ha «giocato sempre in difesa, e sempre molto laterale, le poche volte che, controvoglia [ha] giocato».

*

E’ un romanzo di formazione questo testo che ci brucia le dita sfogliandolo, nel solco, che lascia la carta, di una ferita sottile. E’ un romanzo autobiografico, un romanzo d’amore, un romanzo di perdita, in cui si riflette una generazione. Quella di chi adesso non ha ancora trent’anni, spinta dalla contingenza storica ad una perenne adolescenza, sospensione dell’esistenza e di una razionalità, di cui, quando si prende coscienza al di là del limite dell’inconsapevole pubertà, ci si spaventa.

E’ spaventoso andare nel mondo e costruirsi la propria vita, camminare sulle proprie gambe, non sulle rassicuranti spalle paterne, cercarsi da soli un rifugio, non nel porto sicuro delle braccia di una madre. E’ spaventosa l’età che ci strappa dall’infanzia in cui per gioco tutto può succedere perché tanto poi, tutto torna com’era. Nella vita no. Nella vita Lucien perde il treno dell’amore, del ‘primo amore’. Perde gli anni della ‘prima volta’. Quegli anni svagati e spensierati dell’adolescenza che Max Pezzali canta nel brano omonimo. Perde le partite a calcetto, le vacanze con gli amici, perde il contatto con la realtà degli altri e resta volontariamente escluso. E cercarlo, e trovarlo di nuovo questo contatto, forse dopo, non è più possibile.

E’ la maternità di quel primo amore perduto, còlto e vissuto dal ‘custode’ della vita precedente, da colui al quale Lucien ha passato il suo ‘passato’, che spazza via davanti ai suoi occhi il castello di carta e inchiostro su cui il protagonista ha scritto la propria vita senza viverla veramente. E di nuovo è una suggestione musicale che risuona nella mente: una bella canzone del primo Vecchioni, Le lettere d’amore. Che, se questo romanzo fosse sceneggiato, potrebbe fare da motivo di fondo: «[…] e capì tardi che dentro quel negozio di tabaccheria / c’era più vita di quanta ce ne fosse / in tutta la sua poesia / e che invece di continuare a tormentarsi con un mondo assurdo / basterebbe toccare il corpo di una donna / rispondere a uno sguardo [….]».

Così anche la vita di quella ragazza che diventa madre senza volerlo, e che senza volerlo abbandonerà suo figlio, avrebbe potuto essere diversa. Si intuisce dalle pagine che raccontano di lei, se solo Lucien fosse stato capace di vivere senza nascondersi dietro una passione, un personaggio portato addosso come un’armatura da crociato, e come un crociato fedele solo alla difesa di un sacro oggetto (l’IO per Lucien) invisibile e sconosciuto.

Il narratore in questo lungo monologo, in questa confessione che quasi cerca un auditore amichevole, sfogo dolente sulla schermata di un blog antico, quale solo un libro può essere, non ci permette di interrompere la lettura, e lasciare che l’eco della voce di Lucien cada inascoltato. Non si può non ascoltare chi raccontando sé stesso ha da darci tanto. E questa è una dote che solo i veri poeti hanno. E questo è un dono che soltanto certa letteratura, quella che dalla finzione si rovescia come pioggia d’Aprile e disseta leggera rendendo fertile anche la nostra vita, sa dare.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini in questa pagina sono tratte dall'opera del fotografo cubano Anthony Goicolea



BIBLIOGRAFIA
Paolo di Paolo, Raccontami la notte in cui sono nato, Giulio Perrone Editore, Roma, 2008.

Milano, 2008-06-27 20:06:00

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


PERSONA SECONDA

[...] Cercando la verità nel paradosso
lo scrittore di provincia guardava
alla figura di Giuda.
Progettava un’opera teatrale
ne aveva in mente la scenografia.
In principio – diceva –
si sentirà il rumore del mare. [...]

(Giampiero Neri, Poesie 1960-2005)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Per una scenografia narrativa dei valori in atto
A proposito di una morale che non fa la morale
I valori morali elementari e universali di Sossio Giametta sono l’amicizia, il rapporto discepolo maestro, la maternità , il rapporto figlio-genitore e quello degli uomini con la natura e l’animalità , la malattia e la morte e la loro ripercussione su chi resta, la vanità , la malafede in agguato nella stessa generosità della munificenza apparentemente gratuita, il senso del bello che riscatta. Sullo sfondo, una concezione della natura umana, che vede nell’uomo, una checoviana marionetta in balia di madre natura. (Roberto Caracci)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
L'indagine dell'io
Una riflessione sull’ambiguità dell’animo umano
Ne “I falsi redentori”, storia di un matrimonio in crisi, ricompare il paesaggio veneto di Guido Piovene. In esso si svolge una tragedia, ampiamente prevista, che cotrappone tre uomini a una donna, in nome di un non ben definito ideale ultraterreno. Dalla caratterizzazione psicologica dei personaggi emerge un senso di colpa che grava su tutta la vicenda. La capacità di andare oltre la realtà razionale per cogliere anche l’emozione profonda dell’io resta fondamentale, ma, sembra dirci l'autore, non deve trasformarsi in ossessione (Davide De Maglie)

I due destini di uno scarto
(Grazie ad esso la vita acquista un senso nuovo)
La velocita lo comprime. Ogni secondo diventa prezioso per chi vuole arrivare e per chi, al contrario, non desidera partire. O meglio... di-partire. Del tempo, dunque, meglio non gettare via nulla. Neanche uno scarto. (Carla Montuschi)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008