ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Salvatore Niffoi

Ritorno a Baraule (2007)

Una Sardegna senza compromessi né filtri
(Antonio Fiori)

*
L'indagine di un cardiologo condannato dal male è pretesto per far parlare i personaggi e la scrittura, con Salvatore Niffoi, diventa personaggio essa stessa. Il lettore di “Ritorno a Baraule” avverte così gradualmente l'importanza di attraversare le vite degli altri per capire la propria.

*

na Sardegna completamente trasfigurata nella nomenclatura dei cognomi e dei paesi (solo Abbasanta, peraltro appena citata, coincide curiosamente con una località reale dell’oristanese). Una loquacità notevole dei personaggi, in qualche caso accentuata volutamente, è stimolata con espedienti e compromessi.

Il ritorno al paese d’origine, dettato dal desiderio di scoprire il vero padre, è affrettato da una diagnosi infausta che lascia al protagonista, il cardiologo Carmine Pullana, pochi mesi di vita.

La scrittura, come sempre accade con Salvatore Niffoi, diventa essa stessa personaggio del romanzo, ne sovrasta l’io narrante, incanta e spaventa in continuazione. Il sardo sgomita con prepotenza e si conquista spesso più di una riga senza l’affronto della traduzione; una scelta, questa, consapevole e sempre coraggiosa.

Un’esperienza che affiora di continuo, che s’impone anch’essa con molta forza, è il sesso; una sessualità quasi triste, declinata con espressioni e metafore locali e insistenti, che lascia il lettore in uno stato di stordimento.

Alla fine non ha importanza l’esito di questa penosa ricerca di paternità: il lettore avverte gradualmente quanto sia invece importante attraversare le vite degli altri per capire la propria e la società in cui si vive.

Carmine si è laureato in medicina a Taspali (una plausibile Sassari, sede reale di una delle più antiche università italiane) e si è poi trasferito ‘in continente’ acquisendo grande fama nella cardiochirurgia infantile. Rientrerà in Sardegna soltanto per i funerali dei genitori putativi, prima del vero ‘ritorno a Baraule’. La selva dei personaggi è ricca, toccante, fatta di un’umanità infelice ma orgogliosa, passionale ma anche lucidissima nelle convenienze e nelle vendette. Il romanzo insomma è del miglior Niffoi e rende pienamente la sua cifra stilistica.

*

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Salvatore Niffoi, Ritorno a Baraule, Adelphi, 2007

Milano, 2007-04-15 10:30:03

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Se ha paura del padre (o della madre), ha paura del mondo»

(Ottiero Ottieri La linea gotica)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Le asine di Saul, sparpagliate nei sentieri infiniti della vita
Uno spazio nuovo di congiunzione nella scrittura per la Poesia e la Filosofia
Il “persiano” che si aggirasse nel nostro attuale panorama poetico e filosofico e tentasse di capire le distinzioni metodologiche della critica o i diversi approcci filosofici rimarrebbe interdetto di fronte alla grande quantità di libri poetici e filosofici che si stampano, rispetto al relativo scarso numero di lettori delle stesse opere, di fronte alla proliferazione di piccole o medie case editrici, rispetto ai tre o quattro grandi editori che decidono le leggi del mercato editoriale, insomma di fronte a tutta una serie di fenomeni prima ancora sociologici che letterari (Tiziano Salari)
Le donne, la pagina scritta e il peso delle etichette
Conversazione con Lidia Ravera
Lidia Ravera racconta il percorso che l'ha portata fino a noi, a partire da 'Porci con le ali' fino alla finale del Premio Strega, con uno sguardo in prospettiva a un nuovo romanzo fiume, che sta scrivendo, che toccherà i punti salienti che costituiscono l'esperienza di vita di tutta una generazione di uomini e di donne. (Luca Gabriele)
Il bell'Antonio e la sindrome di Don Giovanni in Sicilia
La ricerca sfrenata dell’apparenza
Ai nostri giorni la ricerca dell’affermazione dell’uomo sulla donna si è fatta – se possibile – ancor più aspra e prepotente che mai, forse per il timore da parte delle donne di perdere quel terreno che tante conquiste femminili hanno da tempo – anche se illusoriamente – guadagnato e da parte degli uomini la paura di averne perso troppo. La storia de "Il bell’Antonio" di Vitaliano Brancati (edita nel 1949) si ripropone attualissima ed emblematica. (Maria Ludovica Moro)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Comunità pluralistica o multiculturale?
Integrazione vuol dire anche riconoscimento delle radici dell'Europa
Con Pluralismo, multiculturalismo e estranei, Giovanni Sartori affronta il fenomeno dell’immigrazione, tanto più problematico quanto più consistenti sono le dimensioni dei flussi migratori e ampia è la distanza culturale dei nuovi venuti. La loro integrazione richiede tolleranza reciproca, ma soprattutto l'accettazione da parte loro del principio cardine su cui verte la convivenza europea: la separazione tra il potere dello Stato e quello della Chiesa. Procastinare questo chiarimento significa andare, col tempo, verso la balcanizzazione del Paese. (Redazione Virtuale)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008