ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Burchiello

Sonetti realistici (1404-1949)

(Viviana Ciotoli)

*
La diffusione della sua opera si scontrò con l’ottusità della Controriforma, che ne proibì la lettura e la mise all’Indice nel 1580. Eppure la poesia del Burchiello è frizzante e disincantata, condita con un superiore senso dell’ironia e con una concezione assolutamente pagana e gaudente dell’esistenza, che supera qualsiasi difficoltà e le disavventure di una vita sregolata

    Fa traboccar all’appetito il sacco,
    vivi sempre lascivo e ‘ncontinente.
    Agresto, aceto, vino e frutte a sbacco
    in ogni cibo e continuamente,
    nondimen non lasciar l’uso di Ciacco.
    Seguir Venere e Bacco
    t’insegna, quando sei dal duolo afflitto,
    con cioncar malvagìa e chiavar ritto.

*

Sonetti realistici costituiscono, per molti versi, la parte più interessante di tutta la produzione poetica del Burchiello. La materia, attinta per lo più dalla tradizione comica e giocosa, viene trasformata e trattata secondo modalità del tutto inedite anche se appare doveroso precisare che l’ispirazione più autentica e vitale deriva in primo luogo dalla sua esperienza di vita.

Alcuni dei sonetti realistici del corpus burchiellesco risultano essere tra i capolavori più alti della poesia italiana, non è un caso dunque che il nostro autore sia stato più volte paragonato a Dante, Petrarca, Boccaccio, nei confronti dei quali il poeta-barbiere non ha nulla da invidiare! Ci sembra doveroso anche accennare alla fortuna di cui ha goduto nel tempo il corpus di opere dell'autore, e far notare come, la diffusione della sua poesia abbia goduto, negli anni immediatamente successivi alla sua scomparsa, di un’ampia diffusione.

Di contro, a causa dell’ottusità della Controriforma, se ne proibì la lettura nel corso del ‘500 (a Parma la produzione letteraria di Burchiello venne messa all’Indice nel 1580); questa evenienza compromise la divulgazione della produzione del Burchiello e se ne avvertirono ovviemente le conseguenze anche nei secoli successivi. Lo studio del materiale letterario del poeta-barbiere riprese con una certa continuità solo a partire dal ‘700 e dall’800 in concomitanza con la grande fioritura degli studi linguistici e gergali.

*

Tra le più tipiche riprese autobiografiche troviamo ad esempio il sonetto Io mi ricordo, sendo giovinetto, in cui il nostro autore rievoca la lezione datagli dal padre davanti all’innamorata, all’epoca delle prime pulsioni amorose, («nel tempo ch’era in succhio il mellonaio»...); il ritratto del giovane Burchiello, don Giovanni in erba, bastonato dal severo genitore al punto da ridurgli «il cul più ner che mora» di fronte alla ragazza che si sganascia dalle risate risulta essere di una vivacià assolutamente sorprendente! Altro sonetto meritatamente famoso è Và, recami la penna e il calamaio, in cui il poeta dipinge un quadretto di vita familiare simpaticissimo ritraendo se stesso che, a casa con i suoi, preso improvvisamente dall’ispirazione, si diletta di scrivere poesie, accanto al fratello macellaio, stanchissimo dopo una giornata di lavoro e la madre spazientita che sbraita contro quel figlio così “strano” che non ha remore a definire «mal bizzoco».

Grazie alla sapientissima strutturazione dialogica del sonetto, articolato mediante un serrato botta e risposta riesce facile intuire l’atmosfera del dopocena in quella casa poverissima. Un’altra perla della poesia burchiellesca è La Poesia contende col Rasio in cui viene riproposto in una chiave assolutamente inedita la formula mediolatina del contrasto: la Poesia ed il Rasoio, personificati, polemizzano poichè ognuno di loro vorrebbe il Burchiello tutto per sé. Il rasio usa come tribuna per la sua arringa il collatoio ed il suo dialogo, perfetto esempio di maniera cominco-realistica, è posto in netto contrasto stilistico con il parlare aulico, petrarcheggiante, della Poesia. Ne risulta un quadro finemente autoironico della singolare condizione del poeta-barbiere affatto dicotomica: l’artista e l’artigiano sono un tutt’uno inscindibile. Anche quando utilizza vecchi topoi della tradizione letteraria l’artista lo fa in maniera del tutto originale, possiamo citare,a riguardo, Io son sì magro che quasi traluco, tema di un fortunato sonetto di Cecco Angiolieri in cui il poeta cerca di mettere in risalto in maniera ironica e disincantata il tema della fame e della povertà, strettamente correlato a quello dei disagi notturni patiti dal poeta infastidito da insetti parassiti e topi in Cimici e pulci con molti pidocchi come pure in Un topo e una topa e un topetto di cui ci sembra doveroso fornire alcuni estratti:

    Un topo, ch’io avea sotto l’orecchio,
    forte rodea la paglia del saccone;
    dal lato manco mi tossiva un vecchio;e giù da piede piangeva un garzone.
    Qual animal m’appuzza, qual morsecchia;
    dal lato ritto russava un montone.
    Onde per tal cagione
    perdetti il sonno e, tutto sbalordito,
    con gran sete sbucai, quasi finito.

Nel secondo sonetto invece son narrate le gesta di una terribile famiglia di topi contro cui non risultano efficaci nè trappole, nè veleno nè una coppia di famelici gatti:

*

    Un topo ed una topa ed un topetto
    m’hanno, con loro assedio, consumato.
    E, quand’io dormo, escon de l’agguato:
    un va da piedi e l’altro dal ciuffetto,
    l’atro mi piscia addosso per dispetto;
    e quando senton ch’io sono svegliato,
    l’un qua e l’altro là subito entrato,
    e non li veggio che sian benedetto!

Tra tutti i componimeti realistici comuque, quelli che risultano essere i migliori capolavori d’arte del Burchiello sono quelli che narrano le sofferenze patite durante la prigionia nel carcere di Siena:

    Ficcami una pennuccia in un baccello
    ed empimi d’inchiostro un fiaschettino;
    mandamel col mangiar, che paia vino,
    ch’i ho di fantasia pieno il cervello.
    Tempra la penna, ch’io non ho coltello;
    ch’or fuss’io, sendo fuor, suto indovino:
    ch’io fui cercato in ogni manichino,
    in ogni luogo, fuor che nell’anello.
    Or io son qui, Dio grazia, e l’caso è scuro;
    ond’io ti priego, com’io ne son netto,
    senza mia pena si ritrovi il furo.
    Questo scriss’io con un puntal d’aghetto.
    e prima il temperai tre ore al muro
    ch’io potessi finir questo sonetto.
    Abbi a mente il fiaschetto:
    guarda la vesta, e in modo t’assottiglia
    ch’io non toccassi della meraviglia.

L’assoluta schiettezza dell’ispirazione del Burchiello, mista alla forza drammatica della situazione descritta, elevano il nostro autore ben al di sopra dei suoi contemporanei, proiettandolo in una dimensione universale. La vita disumana condotta nel duro carcere senese è mirabilmente descritta anche in questo secondo sonetto in cui è descritta l’immagine del prigioniero che brancola nel buio della cella addentando un tozzo di pane “colle zanne”, come una bestia. La tensione riscontrabile nelle quartine si sedimenta nelle terzine in cui si fa spazio, malgrado la tragicità della situazione, una scanzonatura autoironica.

*

    Lievotomi in su l’asse come il pane
    Ma non poss’ire al forno come lui;
    sonci quattro cantucci tanto bui,
    ch’andando mi fo luce colle mane.
    E partol colle zanne come il cane,
    ch’io non me le lavai poi ch’io ci fui;
    e sonci a petizion ben so di cui;
    ma ho posto silenzio alle campane.
    Il corpo m’urla spesso e fa rimbombo,
    onde un dì mi rispose una colomba
    la qual credette ch’io fussi un colombo:
    e sbucò il capo e guardò giù la tomba;
    poi prese un volo giù dritto a piombo,
    e volò fino a mezzo e tornò a bomba.
    -s’i’ avessi una fromba,
    -diss’io- o lasconaccia valdinera,
    io ti farei col cavolo stasera.

La grandezza del Burchiello, racchiusa in una poesia frizzante e disincantata, condita con un superiore senso dell’ironia e con una concezione assolutamente pagana e gaudente dell’esistenza è sintetizzata nel sonetto Amico, io mi parti’ non meno offeso, indirizzato ad un compagno di bagordi al quale suggerisce la sua ricetta di vita:

    Fa traboccar all’appetito il sacco,
    vivi sempre lascivo e ‘ncontinente.
    Agresto, aceto, vino e frutte a sbacco
    in ogni cibo e continuamente,
    nondimen non lasciar l’uso di Ciacco.
    Seguir Venere e Bacco
    t’insegna, quando sei dal duolo afflitto,
    con cioncar malvagìa e chiavar ritto.

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini in questa pagina sono tratte dalle opere di Hieronymus Bosch



BIBLIOGRAFIA

Milano, 2007-04-13 20:23:57

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Il 2 febbraio, primo giorno della settimana grassa, una bruegeliana animazione ruppe la quiete solenne, l’impettita albagia neoclassica della città di Pietro.»

(Serena Vitale, Il bottone di Puskin

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Le parole in viaggio del coltivatore nomade
Lo sguardo impermanente del viaggiatore
Un misterioso viaggiatore, Giano, nella finzione narrativa di Sguardo di transito cede il plico dei suoi racconti di viaggio all’autore – Franco Romanò – affinché questi vi metta ordine. La sua frustrazione di viaggiatore solitario (Lisbona, Berlino, Sudafrica, Sudamerica, Venezia, Damasco, Portogallo, Messico, Cuba, Siria...), che sceglie di non viaggiare più e ritirarsi in un fazzoletto di terra- dopo aver rifatto quasi il percorso di Alessandro Magno - va al di là della dimensione individuale, ma riguarda anche il livello di una umanità che ha smarrito il senso del dialogo fra diversi e, malgrado l'unità del mondo globalizzato, della comunione (Roberto Caracci)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
Nel buio della notte
Un punto invisibile, anonimo, da cui si scrive
È la Parigi anni '70 la protagonista di Nel buio della notte (1976), con il suo tessuto sociale e urbano in mutamento e al centro, emblematico, il quartiere le Halles. Un confronto dell'esperienza di Alba De Céspedes con quella di Italo Calvino, sul piano delle difficoltà che l’essere umano incontra nel suo tentativo di stabilire un rapporto con le trasformazioni della sua città, il senso di smarrimento e solitudine di fronte al nuovo che avanza, che passa, dalla dicotomia tra vecchio e nuovo, al conflitto generazionale. (Eva Di Tullio)

Una forte speranza
La guerra vista da un bambino e la seconda bomba atomica
Human Rights Watch reputa che ci siano attualmente tra 200.000 e 300.000 bambini-soldato, arruolati e in armi in venti paesi in tutto il mondo. Infanzie negate e spesso soggette a orribili violenze, al servizio di bande di ribelli ma spesso anche di forze governative, partecipano a pieno titolo e a tutti gli effetti al combattimento. Vengono mandati avanti per individuare campi minati, compiere missioni suicide, fungere da collegamento come spie, messaggeri o vedette. (Rania El Mansour)
Ritorno a Baraule
Una Sardegna senza compromessi né filtri
L'indagine di un cardiologo condannato dal male è pretesto per far parlare i personaggi e la scrittura, con Salvatore Niffoi, diventa personaggio essa stessa. Il lettore di “Ritorno a Baraule” avverte così gradualmente l'importanza di attraversare le vite degli altri per capire la propria. (Antonio Fiori)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008