ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Erri De luca

Sulla traccia di Nives (2005)

Dialogo tra Erri De Luca e Nives Meroi
(Luca Gabriele)

*
È una tra le pochissime donne ad aver scalato le vette più alte del mondo, tra cui dieci Ottomila metri saliti dall'alpinista bergamasca insieme a Romano Benet: Nanga Parbat (8125 m - 1998), Shisha Pangma (8046 m - 1999), Cho-Oyu (8202 m- 1999), Gasherbrum II (8035 m - 2003), Gasherbrum I (8068 m - 2003), Broad Peak (8047 m - 2003), Lhotse (8516 m - 2004), Dhaulagiri (8164 m - 2006), K2 (8611 m - 2006), Everest (8850 m - 2007).

*

abisso è un volo senza fondo che si apre sotto i passi, dalla vetta abbasso. Raccontare è un lusso per chi, come Nives, sfida la gravità, per chi come lei valica il confine delle terre umane e scala il cielo con le braccia e con i piedi.

È «una tigre di montagna» Nives Meroi. Italiana, tra le pochissime ad aver scalato dieci dei quattordici giganti del mondo. Il Nanga Parbat, il K2, il Gasherbrum, il Dhaulagiri, il Lhotse. Una collezionista di cime. Una donna di arie aperte, con la testa di un uccello migratore che sa trovare la rotta anche alla cieca. Che lotta contro il maltempo in parete. Che annaspa in salita contro la zavorra della gravità, centellinando l’aria nei polmoni per i muscoli.

Scala con la piccola compagnia dei suoi amici e senza portatori di alta quota, senza togliere un grammo di peso dalle sue spalle. Si porta dietro tutta la sua casa come un animale da soma, dalla tenda al fiammifero, razionando la fatica. Ha per sprone la sola forza di volontà, l’amore per le montagne e la caparbietà che le fanno vincere l’affanno di respirare a ottomila metri. In un cammino in verticale di sola resistenza nervosa. Calpestando stelle. Contrastando i fulmini, la carica elettrica che l’aria scaglia sugli incursori delle cime. Colpi di luce che cercano l’anima della roccia, che s’apre in una ferita per accogliere il cielo. Un bombardamento su una città sotto assedio. Uno squarcio che la neve subito cancella, subito disinfetta e cicatrizza.

Nives si muove tra giganteschi blocchi di ghiaccio sospesa nel vuoto, senza bombole d’ossigeno. Ha per artigli i ramponi sotto le scarpe. Ha in mano la piccozza per addentare la roccia assiderata fino all’ultimo gradino, fin dove finisce il viaggio. Finché non c’è più nulla da salire. La vetta. La cima dei monti, dove i greci, i tibetani, i popoli d’ogni tempo hanno collocato le loro divinità. Dove, ricorda Erri de Luca, ormeggiò la cesta zoologica di Noè. Dove Mosè ricevette le sue leggi. Nives, la bipede con ramponi per piedi, è la tigre che valica il recinto degli dèi, che calpesta la terra sacra per dialogare col vento, attenta a non farsi spazzare via dalle sue raffiche prepotenti.

*

«Il vento è una persona. Gli parlo, racconto, penso che vuole pure un po’ ascoltare. Comincio a bisbigliare qualcosa, una preghiera, un filo di canzone, e pare che stia a sentire, che si fermi un poco. Oppure grida più forte in risposta, per raccontare lui. La sua furia è la voglia di essere ascoltato.»

Quel vento che spazza le testa del mondo, le pareti verticali dell’Everest. Che giunge dal Tibet e quando non vuole non permette a nessuno di fargli compagnia. Che corre a cento all’ora e pareggia la neve con la sua manata. Stacca valanghe dalle pareti a picco. Costruisce, con la sua architettura sconosciuta, statue di ghiaccio, dà volto agli déi. Quel vento che è il padrone del tempo.

In alta quota, la sola virtù è la pazienza. Saper patire l’inerzia quando il cielo s’addensa, s’abbassa per abbracciare la roccia. Quando nevica e non si può metter piede fuori dalla tenda. Chiusi nel sacco piuma come bachi da seta a poltrire. Colmando il tempo che si dilata con letture e pensieri. Compiendo lo sforzo di ricordare, salvare le memorie dal logorio dei neuroni che deperiscono a meno quaranta gradi. In attesa che la montagna si plachi e permetta ai suoi ospiti d’aprire nuove vie su un lenzuolo di neve fresca e inviolata.

La fatica dell’arrampicata è come quella della scrittura. Lo sforzo è il medesimo, di tracciare un solco su una distesa innevata, di lasciare un’orma su una pagina bianca, immacolata. Si scala con la stanchezza al culmine, col desiderio fisico di arrivare. Allungando un passo davanti all’altro per raggiungere il luogo più lontano e più elevato, per scrutare da lì il giro dell’orizzonte in cerca di quel punto cardinale da cui si proviene e dove si ritorna. Casa.

Un libro in forma di conversazione tra lo scrittore e la alpinista. Una conversazione che si interroga, dal tetto del mondo, sulla vita a valle, sulla fatica quotidiana di trascinare ordinari affanni dall’alba alla sera. Erri De Luca e Nives Meroi azzerano l’attesa parlando, riempiendo la mente di riflessioni sottili. In cerca di sempre nuove vette dove puntellare la propria casa. Con l’orecchio sempre teso alle storie che racconta il vento.

«Ecco, io non so quando smetterò di salire, con che risultati, quante cime raggiunte e ridiscese, ma alla fine dirò che ho fatto compagnia al vento. Noi lassù l’abbracciamo come nessun altro può fare.»

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Prececentemente apparso su «Romanticirottami»



BIBLIOGRAFIA
Erri De Luca, Sulla traccia di Nives, Mondadori, Milano, 2005.

Milano, 2008-05-14 18:49:00

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Ho fatto un sogno, e all’alba lo ritrovo.
Parlavano gli uccelli, o in un uccello
m’ero, io uomo, mutato. Dicevano:
NOI DI BECCO GENTILE AMIAMO I FRUTTI
SAPORITI DEGLI ORTI. E SIAMO TUTTI
NATI DA UN UOVO.Proprio il sogno d'un bimbo e d’un uccello.»

(Umberto Saba, Fratellanza da Mediterranee)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il tempio inglese dell'arte italiana
All'avanguardia nella valorizzazione e nella conservazione dell'Arte
Inaugurata nel 1824 a Londra, è stata la prima pinacoteca ad ingresso gratuito. La ristrutturazione post-bellica consentì di ammodernare l’edificio di Trafalgar Square, che ospita un laboratorio permenente di restauro. Oggi la National Gallery vanta una delle più ricche collezioni di pittura europea. (Elena Marocchi)
Vertigine da infinito
Critica: il 'metodo Citati'
In questa intervista, Pietro Citati ripercorre il Novecento animato dall’interesse per l'infinità del 'senza limite', suggestione che, fin dai tempi dell’Ulisse dantesco, ha affascinato l’umanità. (Pierluigi Pietricola)
Gabriele D’Annunzio e il cuore messo a nudo
Una parentesi oscura nella vita del Poeta
Il Notturno andrebbe letta come l’opera di un cuore mis a nu alla maniera di Baudelaire, un taccuino esistenziale di dolore e sofferenza, con prospettiva sulla morte, come limite invalicabile dell’umana avventura. Quando la capacità di stupire venne meno, potè manifestarsi il D’Annunzio costretto a confrontarsi con uno stato e con sentimenti di sconfitta, di prostrazione, di ripiegamento, di delusione, di rinuncia e di tregua. (Fabrizio Falconi)

Fuoco
Da "La vocazione del netturbino"
Un appartamento immerso in un'atmosfera lugubre. Un ragazzo ne esce e si aggira con un badile e una torcia elettrica per una discarica di rifiuti. La notte è animata dal volo dei gabbiani e dei corvi e il percorso è reso insicuro e viscido dalla incredibile varietà di prodotti organici marcescenti e dai liquami che ne fuoriescono. Mentre il rombo delle ruspe avanza, il protagonista è incalzato dal rogo generato dal calore della sua stessa torcia... (Roberto Caracci)
Capitale umano
Un piccolo investimento in vista di un più importante profitto
Un tempo, ci chiamavano sciuscià. Uscivamo da una guerra, dalle notti infinite di bombardamento continuo. Ora i nuovi reduci si chiamano Alì, Mohammed, Sharif, Shumon. Vengono dalla Nigeria, dal Marocco, dalla Romania, dall’Afghanistan. Approdano nelle nostre città e scalciano per accaparrarsi un cantuccio d’umanità. Eraldo Affinati, nel suo ultimo romanzo, 'La città dei ragazzi', insegna loro a esprimersi: scrivere e parlare italiano. Ma ha anche voglia di imparare, il maestro, di conoscere e vedere. Per questo segue i suoi allievi in un viaggio in Marocco, per ritrovare casa. Per costruire una tana, nel deserto della comunicazione. Per ritrovare volti e voci che il tempo ha spazzato via, come sabbia sotto il vento. (Luca Gabriele)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008