ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z

A
*

A ciascuno il suo, Leonardo Sciascia

A futura memoria, Leonardo Sciascia

A quale tribù appartieni?, Alberto Moravia

Acque e terre, Salvatore Quasimodo

Agostino, Alberto Moravia

alba di un mondo nuovo (L'), Alberto Asor Rosa



albero di giuda (L'), Adriano Napoli

Album di fotografie, Anna Maria Fabiano

Alchimie per una donna, Adriana Scarpa,

Alcyone, Gabriele D'Annunzio

Alla cieca, Claudio Magris

Allegria (L') Giuseppe Ungaretti

Allegro fantastico, Enrico Palandri

altra Sardegna (L'), Angelo Mundula

Altra stagione, Daniele Piccini

Altri libertini, Pier Vittorio Tondelli

altro giro di giostra (Un),Tiziano Terzani

amico di Stalin (L'), Nereo Laroni

amore molesto (L'), Elena Ferrante

amore (Un), Dino Buzzati

Amore mio infinito, Aldo Nove

amorosa inchiesta (L'), Raffaele La Capria

Angeli e cani, Chiara Marchelli

anni struggenti (Gli), Alberto Bevilacqua

anno sull'altipiano (Un), Emilio Lussu

anonimo lombardo (L'), Alberto Arbasino

antenati (I nostri), Italo Calvino

A perdifiato, Mauro Covacich

Argo il cieco, ovvero i sogni della memoria, Gesualdo Bufalino

Assandira, Giulio Angioni

avventura dell'unità europea (L'), Valerio Castronovo,


B*

Bagheria, Dacia Maraini

Ballata Levantina, Fausta Cialente

bambini guardano la luna (I), Adriana Scarpa

baracche (Le), Fortunato Seminara

barone rampante (Il), Italo Calvino

Bassa stagione, Gianni D’Elia

Baudolino, Umberto Eco

beati anni del castigo (I), Fleur Jaeggy

bell'Antonio (Il), Vitaliano Brancati

Bisogna avere i coglioni per prenderlo nel culo, Aldo Busi

bosco degli urogalli (Il), Mario Rigoni Stern

Bottega del caffè (La), Carlo Goldoni

bottone di Puskin (Il), Serena Vitale

bufera e altro (La), Eugenio Montale

Buio, Dacia Maraini


«La vita è quello che è, orribile ma sopportabile»

(Piero Chiara, Vedrò Singapore)
*
C
*

calzolaio di Vigevano (Il), Lucio Mastronardi

Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia, Leonardo Sciascia

Canne al vento, Grazia Deledda

Canti, Giacomo Leopardi

Canti di Castelvecchio Giovanni Pascoli

Canti Orfici, Dino Campana

Canzoniere, Francesco Petrarca

Canzuna di vita, di morti, d’amuri, Marco Scalabrino

Càpita, Gina Lagorio

cappello del prete (Il), Emilio De Marchi

carcere (Il), Cesare Pavese

cardillo addolorato (Il), Anna Maria Ortese

carnefice disattento (Il), Corrado Alvaro

carta è stanca (La), Guido Ceronetti

Casa d'altri, Silvio D'Arzo

casa in collina (La), Cesare Pavese

Case, amori, universi, Fosco Maraini

Caro Michele, Natalia Ginzburg

Casta (La), Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella

cavaliere inesistente (Il), Italo Calvino

Cenere, Grazia Deledda

Cento lettere a uno sconosciuto, Roberto Calasso

Centuria, Giorgio Manganelli

C’era una volta... Fiabe, Luigi Capuana

chimera (La), Sebastiano Vassalli

cielo è rosso (Il), Giuseppe Berto

cigno (Il), Sebastiano Vassalli

ciociara, (La), Alberto Moravia

Città del Sole (La), Tommaso Campanella

città dei ragazzi, (La), Eraldo Affinati

città invisibili, (Le), Italo Calvino

codice di Perelà (Il), Aldo Palazzeschi

cognizione del dolore, (La), Carlo Emilio Gadda

Colomba, Dacia Maraini

Come Dio comanda, Niccolò Ammaniti

Come prima delle madri, Simona Vinci

Compleanno dell'iguana, Silvia Ballestra

Come un’isola, Paolo Di Paolo

Confessioni di un italiano, Ippolito Nievo

conformista, (Il), Alberto Moravia

congiura de' Pazzi, (La), Angelo Poliziano

Con gli occhi chiusi, Federigo Tozzi,

consiglio d'Egitto, (Il), Leonardo Sciascia

contadino in mezzo al mare (Un), Maurizio Maggiani

contrario di uno (Il), Erri De Luca

Contro l’etica della verità, Gustavo Zagrebelsky

Contro-passato prossimo, Guido Morselli

Conversazione in Sicilia, Elio Vittorini

Convivio Dante Alighieri

coraggio del pettirosso (Il), Maurizio Maggiani

Corruzione al palazzo di giustizia, Ugo Betti

Cortesie per gli ospiti, Ian McEwan

Cortile a Cleopatra, Fausta Cialente

cosa buffa, (La), Giuseppe Berto

coscienza di Zeno, (La), Italo Svevo

Così è (sevi pare), Luigi Pirandello

crimine dell'accademico Sylvestre Bonnard (Il), Anatole France

Cristo si è fermato a Eboli, Carlo Levi

Cronache di poveri amanti, Vasco Pratolini

Cronachette, Leonardo Sciascia

crucifige e la democrazia (Il), Gustavo Zagrebelsky

Cuore, Edmondo De Amicis

Cuore di madre, Roberto Alajmo

Cuore di pietra, Sebastiano Vassalli

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«A differenza delle altre malattie la vita è sempre mortale»

(Italo Svevo, La coscienza di Zeno")

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
Vissuto da pelle femminile
Intervista con Clara Sereni
«Penso che politica e amore restino parole, emozioni, sentimenti legati ancora strettissimamente, non foss’altro perché non mi immagino una forma di amore, o anche soltanto di relazione, di rapporto anche amicale, che prescinda dalla visione del mondo di cui ciascuno è portatore». Per provare a raccontare la storia di una generazione, Clara Sereni doveva raccontarne le sfaccettature, mettendolo in conto di non doversene imbarazzare. (Paolo Di Paolo)
Nel buio della notte
Un punto invisibile, anonimo, da cui si scrive
È la Parigi anni '70 la protagonista di Nel buio della notte (1976), con il suo tessuto sociale e urbano in mutamento e al centro, emblematico, il quartiere le Halles. Un confronto dell'esperienza di Alba De Céspedes con quella di Italo Calvino, sul piano delle difficoltà che l’essere umano incontra nel suo tentativo di stabilire un rapporto con le trasformazioni della sua città, il senso di smarrimento e solitudine di fronte al nuovo che avanza, che passa, dalla dicotomia tra vecchio e nuovo, al conflitto generazionale. (Eva Di Tullio)

Blackout
Dall'oscurità, la luce...
Per tre personaggi, ognuno con la propria storia, la notte bianca di Roma del grande blackout del 2003 diventa motivo di scoperta e nuova consapevolezza. Erica, in deficit di sonno, culla la sua bambina e fantastica di volare; Francesca affronta nell'oscurità un uomo semi-sconosciuto e una nuova relazione; Adriano, stanato dalla paralisi degli elettrodomestici apre gli occhi per la prima volta dopo lungo tempo e vede il mondo reale... (Roberta Andres)
La casa violata
Nella vasta produzione landolfiana, la prova che ha riscosso maggior successo ed è particolarmente apprezzata all’estero
Una dimora gentilizia sul limitare della boscaglia è teatro dell'azione di Racconto d'autunno, di Tommaso Landolfi. All'interno un anziano signore e i suoi cani, a guardia di un segreto. Un ritratto sul muro suggerisce la presenza di una enigmatica figura femminile, di cui, nell'oscurità della notte si percepisce il profumo e il respiro. Uno spirito affascinante e terribile che riporta il lettore ai turbamenti dell'infanzia (Redazione Virtuale)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008