ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Lidia Ravera

Le seduzioni dell'inverno (2008)

Candidato al Premio Strega 2008
(Luca Gabriele)

*
Con 'Le seduzioni dell'inverno', il consueto sguardo sottile, tagliente, la straordinaria capacità di Lidia Ravera di attingere in profondità nell’animo umano, donano al lettore un romanzo scandito da colpi di scena. Parabola noir del disincanto, della disillusione di un amore adulto, imprevisto quanto insidioso. Un capitolo in più nella letteratura a cavallo del millennio.

*

osa accade quando, senza preavviso, si diventa la posta in gioco di una bieca scommessa tra donne? Cosa spinge il rancore femminile fino alla rivalsa, al dispetto? Cosa scaturire da un capriccio cinico e pungente?

L’intera vita di un uomo rivoltata, come un letto sfatto, in un solo giorno, da uno sgarbo balordo. La somma dei suoi anni annoiati, caotici, dimessi, viene un mattino sconvolta da una emblematica sorpresa. Stefano è un single di mezza età, con un passato disordinato alle spalle. Un matrimonio opulento, sfarzoso ma naufragato. Un’amante ragazzina, che lo ricopre di un affetto fluttuante e calcolatore, che lo disgusta.

La sua quotidianità meno bieca si svolge sul posto di lavoro, dove ha amici con cui scambiare qualche parola, dipendenti su cui scaricare la sua intransigenza. Nel suo appartamento si accumulano le immondizie delle ore vuote. Le camere sono quasi inagibili, adibite a magazzino. In cucina i piatti sporchi si accatastano nell’acquaio. Il letto, su cui si stende ogni notte senza neppure svestirsi, è un letto deserto, freddo, disfatto.

Ma un giorno come gli altri, al risveglio, la casa è trasformata. Le stanze respirano aria nuova, sgombre delle consuete macerie. Ci sono fiori sul tavolo, la colazione servita con dovizia. Un concerto di violini si diffonde dolcemente. Una donna inattesa si stabilisce nella sua vita, portandole ordine. Una irruzione misteriosa che riempirà, a poco a poco, il suo giro di ore perse. Sophie è colta, riservata, sconosciuta. Gli assicura d’essere la domestica che la sua ex moglie gli ha ceduto per il periodo delle vacanze estive. Gli offre i suoi servigi instancabili, lo accudisce meglio di una compagna, più di una madre. Ma dov’è che s’è annidata la verità?

*

Le seduzioni sottili, subdole di Sophie riescono a sciogliere senza meraviglia il cuore invernale di Stefano. Lui che non aveva mai conosciuto l’amore, né con sua moglie né con l’amante bambina, scopre all’improvviso l’ansia di sentirsi stretto in un laccio. L’insonnia nell’attesa del risveglio. E non è casuale che questo romanzo prenda inizio proprio da un risveglio, ambiguo, oscillante. Ma la notte non è ancora finita. Ci sono ancora numerose ombre che avvolgono la figura di lei. E nel diradarsi, scopriranno, sotto l’incanto, una autenticità losca, volgare. Il sapore amaro dell’inganno e di un amore adulto che stenta a concedersi.

    «Si era attrezzata così, per sopravvivere. Difendeva la sua solitudine, l’aveva scelta e continuava a sceglierla. Lei non voleva dividere la sua vita con nessuno. Non aveva mai voluto… E adesso, arrivata all’età in cui le donne si preparano a scomparire, quest’uomo l’aveva estratta dal mucchio, le aveva mostrato il trono su cui ti può innalzare qualcuno, quando ti crede unica, diversa da tutte le altre. Non lo voleva, quel trono, la faceva sentire troppo donna e lei si sforzava di non esserlo, o almeno non fino in fondo. […] Era doppia.»

Cosa accade quando si è messo il piede in una tagliola, sapientemente imboscata? Quando si è vittima di un tiro mancino? Una ripicca disonesta, dettata dal femminile rancore?

Lidia Ravera sa esplorare, con la consueta arguzia, le stanze della femminile giustizia. Sa tenere il lettore in disparte, per il giusto tempo, e poi farlo cadere nel tranello assieme al protagonista, in un comune assalto. Si diventa repentinamente preda di una caccia corrosiva. Si tiene il fiato correndo su uno sterpaio di insidie, alla ricerca della verità.

Richiamano la migliore letteratura del Novecento, queste pagine raffinatamente composte dalla stessa autrice di altri successi impeccabili, come Sorelle (1994), Il freddo dentro (2003), Eterna ragazza (2006). Riportano la memoria del lettore a Goffredo Parise, Alberto Bevilacqua, Flaubert. Una storia che scorre tra le dita, che intarsia continui colpi di scena su uno spolverio di malessere. Che disegna con maestria di evocazione quella noia salottiera di cui scriveva già Moravia. Quella atavica assenza di impulsi che spinge a ordire tranelli, macchinare beffarde rivincite quando la partita con la vita è già persa.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini: la Cenerentola di Gioacchino Rossini, nella coreografia della compagnia catalana Comediants (Barcellona), diretta da Joan Font



BIBLIOGRAFIA
Lidia Ravera, Le seduzioni dell’inverno, Nottetempo, Roma, 2008.

Milano, 2008-06-03 09:59:20

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«A te occhiazzurra questi canti deve
uno che ha sete e alle tue labbra beve.
Antichi come lui, come te nuovi,
se giri tutto il mondo non ne trovi.»

(Umberto Saba, Tre poesie alla Musa da Mediterranee)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Apocalisse da camera
Apologia dell'incomunicabilità
Ne La Piccola Apocalisse l’interesse della narrazione è totalmente rivolto alla parola. Tommaso Landolfi rimane ai margini del panorama intellettuale della sua epoca, ma è assolutamente rappresentativo della crisi esistenziale dell’uomo del Novecento: l’incomunicabilità, la rappresentazione letteraria come lente deformante della realtà sono prerogative onnipresenti nella scrittura landolfiana, nell'ambito di quel filone della prosa che oltrepassa i limiti del reale in direzione del fantastico. (Marta Ferri)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
Dinanzi alle Terme di Caracalla
Tratta dalle “Odi Barbare”, s’ispira alla rievocazione commossa del paesaggio storico
La voce più intima di Giosuè Carducci, già individuata nel senso doloroso, seppur virile, della morte del tutto, nella stagione della estrema maturità, scarta ancora i limiti angusti della cronaca e della storia, per scendere nella profondità dell’io per indagare le ragioni ultime dell’essere. Questa ricerca è sottintesa dalla sicura consapevolezza di una «poetica della malinconia» e dall’acquisto di un nuovo senso creativo della «immagine» e della «parola», in una misura in cui coincidono prodigiosamente poetica e poesia. (Reno Bromuro)

Fuoco
Da "La vocazione del netturbino"
Un appartamento immerso in un'atmosfera lugubre. Un ragazzo ne esce e si aggira con un badile e una torcia elettrica per una discarica di rifiuti. La notte è animata dal volo dei gabbiani e dei corvi e il percorso è reso insicuro e viscido dalla incredibile varietà di prodotti organici marcescenti e dai liquami che ne fuoriescono. Mentre il rombo delle ruspe avanza, il protagonista è incalzato dal rogo generato dal calore della sua stessa torcia... (Roberto Caracci)
Questo concede la poesia
Osservando il gran teatro del mondo
Il frammento di Giampiero Neri, colto tra le pagine della raccolta Poesie 1960 – 2005, ha la nobiltà del discontinuo. Visto attraverso un caleidoscopio senza fondo, il mondo non è meno grande e teatrale e in ogni siparietto locale è possibile vedere il tutto. (Gavino Angius)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008