ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Luca Ricolfi

Le tre società. E’ ancora possibile salvare l’unità d’Italia? (2007)

III Rapporto sul cambiamento sociale in Italia
(Redazione Virtuale)

*
Le tre società. È ancora possibile salvare l’unità d’Italia? La particolarità della situazione economica, sociale e politica stimola Luca Ricolfi a individuare una classificazione più pertinente delle classiche categorie elaborate da Sylos-Labini alla attuale realtà del paese. Le garanzie, il rischio e la forza sono tre immagini evocative che sintetizzano la situazione di disagio in cui stiamo vivendo

    «Per questo diventa del tutto marginale chiedersi per chi vota la mafia. La domanda vera è un’altra: C’è un solo politico che, nella terza società, possa permettersi di far valere l’autorità dello Stato?» [Luca Ricolfi]

*

e tre società è il titolo che l’osservatorio del Nord-Ovest diretto da Luca Ricolfi ha dato al suo III Rapporto sul cambiamento sociale in Italia (Guerini 2007). Il motivo per cui ne scriviamo concerne principalmente un’ipotesi destinata a mantenere una sua attualità nel tempo, fino a, nella peggiore delle eventualità, più o meno catastroficamente degenerare.

Parte del rapporto documenta con grafici e tabelle commentate le variazioni rilevate dagli indicatori economici da un anno all’altro -cioè dal 2005 al 2006 - destinate a perdere velocemente di attualità, eccetto che nelle analisi storiche e nelle statistiche a lungo respiro.

Il rapporto rileva in primo luogo una certa uniformità al rialzo nelle politiche di spesa pubblica dei governi di destra e di sinistra, con l’eccezione della voce relativa all’istruzione (scuola e università), ridotta in due anni del 3%. Da notare che contemporaneamente il ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni (centro-sinistra) ha ordinato la secretazione dei test Ivalsi sui livelli d’apprendimento degli allievi delle scuole elementari e medie e di un’ampia rappresentazione delle scuole superiori.

Due fattori rendono difficoltoso al sociologo la determinazione dei redditi delle famiglie: uno è l’endemico ritardo della Banca d’Italia nel fornire i dati dei bilanci delle famiglie; L’altro è l’estensione del fenomeno dell’economia sommersa, una porzione di società che sfugge a qualsiasi statistica, ostacolando l’analisi sull’evoluzione delle disuguaglianze tra le varie componenti della società italiana.

*

Il dato più interessante non riguarda tanto la variazione della disuguaglianza “reale” tra le varie classi di reddito, che l’analisi restituisce praticamente invariata, quanto la percezione del fenomeno. Dall’analisi risulta che l’andamento tra il 2000 e il 2005 ha privilegiato lavoratori autonomi e dipendenti pubblici (bene) e pensionati (benino); ha mantenuto imprenditori, liberi professionisti e dirigenti su posizioni stazionarie (così e così), mentre ha visto penalizzati soprattutto gli impiegati privati (male) e gli operai (malissimo).

Ciò non ostante, se confrontato con l’allarme sociale che ha tenuto banco sui media in questi anni, il quadro potrebbe sembrare ancora positivo, se non fosse per il fatto che i provvedimenti fiscali adottati dal governo Berlusconi in favore delle classi medie e alte non rientrano ancora nello spettro statistico e che «i grandi arricchimenti intervenuti in questi anni» sfuggono all’analisi «stante la propensione dei ceti privilegiati a evadere le tasse e a svolgere attività illegali».

Una quantificazione dell’evasione può essere però valutata incrociando i dati delle dichiarazioni fiscali con i dati relativi alla vendita di auto di lusso; in questo caso il fattore più ottimistico è che «il numero di ricchi invisibili al fisco sia almeno pari a uno su tre».

La particolarità della situazione economica, sociale e politica trascende dalle categorie elaborate da Sylos-Labini e stimola Ricolfi a individuare una classificazione più adeguata alla attuale realtà del paese.

    «Abbiamo il terzo debito pubblico del mondo (dopo Usa e Giappone) e – insieme alla Grecia – il peggior rapporto debito/PIL fra i 25 paesi dell’Europa allargata. Una popolazione che compie il passaggio dalla famiglia al lavoro sempre più tardi e il passaggio dal lavoro alla pensione sempre più presto. Un tasso di fecondità fra i più bassi del mondo sviluppato. In sistema pensionistico (ancora) generoso con gli adulti di oggi e destinato a diventare avarissimo con i loro figli. Un tasso di occupazione tra i più bassi d’Europa dovuto soprattutto all’esclusione dal mercato del lavoro di donne, giovani, anziani. Una permanente frattura fra occupati forti e deboli, fra garantiti e non garantiti. Un sistema scolastico secondario (scuole medie inferiori e superiori) fra i peggiori dell’OCSE. una classe dirigente vecchissima e un ricambio generazionale bassissimo. L’evasione fiscale e contributiva più alta d’Europa. Infine siamo l’unico paese dell’Occidente sviluppato in cui oltre un quarto del territorio è economicamente e militarmente controllato dalla criminalità organizzata».

*

Le tre società del titolo sono una felice (solamente in senso concettuale) rappresentazione delle componenti che esprimono la realtà italiana che emerge da questa vivida immagine del nostro paese.

La prima società, è rappresentata dall’Italia «delle garanzie»: pensionati, impiegati statali, operai delle grandi industrie e una piccola parte di impostori che percepiscono una pensione senza averne diritto. Lavori sicuri, redditi stabili, a volte insopportabilmente bassi ma garantiti. Al Nord dai sindacati, dalle associazioni di pensionati e, specialmente al Sud, da una vasta rete di clientele politiche. «Sul piano demografico, nella prima società prevalgono gli adulti e gli anziani e sono sottorappresentate le fascie deboli del mercato del lavoro, specialmente donne e giovani».

L’aspetto paradossale della seconda società – l’Italia «del rischio» – è che, pur interessando attività di produzione e servizi assolutamente legali (e un’importante porzione del prodotto interno lordo) essa si realizza in qualche misura in forma sotterranea o nell’illegalità che deriva da una diffusa evasione fiscale e da una corrispondente ed egualmente distribuita evasione contributiva. Questi due aspetti accomunano nel rischio, da una parte gli imprenditori e i professionisti, esposti alle conseguenze amministrative della loro irregolare pratica di lavoro e della loro carente condotta civile; dall’altra gli impiegati e gli operai, vittime di una precarietà occupazionale che si espande fuori dalla protezione dei sindacati e non può contare su alcuna forma di ammortizzatore sociale. Dal punto di vista geografico la seconda società si localizza soprattutto nel Nord, Nord-Est e nelle regioni del Centro e del Sud a bassa intensità criminale: Lazio, Sardegna, Abruzzo, Molise, Basilicata.

La terza società, l’Italia «della forza», si sviluppa in quattro regioni ad alta intensità criminale: «In Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, lo Stato esiste nei limiti in cui le organizzazioni mafiose gli consentono di operare». Ricolfi scrive:

    «Quel che rende peculiari le regioni della terza società non è il particolare mix che in essa prende corpo fra i tre modelli, bensì la forma che in essa viene ad assumere la rappresentanza. Qui la forma fondamentale della rappresentanza è la politica, che essa lo voglia o meno. Perché è precisamente la rinuncia della politica a far valere le prerogative dello Stato la risorsa cruciale che fa funzionare la terza società. Clientele, favori, collusioni, contiguità, corruzione, voto di scambio non sono altro che manifestazioni del medesimo principio: dove è la criminalità ad avere il monopolio della forza, è la mera esistenza di un ceto politico che assicura la rappresentanza. Per questo diventa del tutto marginale chiedersi per chi vota la mafia. La domanda vera è un’altra: C’è un solo politico che, nella terza società, possa permettersi di far valere l’autorità dello Stato?»

*

Il ritratto è realistico e lo scenario che rappresenta coerente con quanto contemporaneamente avviene: da una parte, sempre più esasperata, l’insofferenza degli elettori, dall’altra l’impassibile inerzia della classe dirigente, incapace, con le proprie divisioni e i propri interessi da difendere, di prendere quelle decisioni indispensabili, ancorché impopolari, nell’interesse di tutti. La voce di Ricolfi va a rinforzare il vento che per tutto il 2007 ha soffiato, alimentato dai pulpiti più tempestosi, come quello del comico Beppe Grillo, o quelli “minori” ma anche più autorevoli, delle tribune giornalisiche affidate alle menti più ragionevoli e inascoltate del paese.

    «Quel che andrebbe fatto è abbastanza noto. Ed è anzi così uniformemente condiviso fra le persone prive di paraocchi ideologici, che si prova fastidio a ripeterlo: ampliare le infrastrutture, liberalizzare i mercati, sfoltire la giungla legislativa, mettere in competizione scuole e università, ridurre il cuneo fiscale, abbassare le aliquote, limitare l’evasione, combattere gli sprechi, ristabilire la legalità, responsabilizzare gli enti locali, premiare il merito a scuola e sul lavoro, licenziare i nullafacenti, alzare l’età pensionabile, limitare il precariato, decentrare la contrattazione, creare un moderno sistema di ammortizzatori sociali.»

I pericoli ventilati dall’autore sono di «una lenta argentinizzazione» o di una semplice (si fa per dire) divisione dell’Italia, in quanto «coloro che producono nei territori d’elezione della prima e della seconda società – ossia nelle regioni centro-settentrionali – sono sempre meno disposti a farsi carico dell’80% dell’aggiustamento essendo responsabili del 20% dello squilibrio.»

Una cosa è osservare il cambiamento e tracciare delle tendenze e un’altra è predire il futuro. Quel che è certo è che quanto emerge dal III Rapporto sul cambiamento sociale in Italia è un’immagine cruda della stagione del nostro scontento e un ulteriore incoraggiamento ai cittadini sempre di più a far sentire alla classe politica la loro voce.

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Luca Ricolfi, Le tre società. E’ ancora possibile salvare l’unità d’IItalia? (Guerini e Associati 2007)

Milano, 2008-01-10 11:28:06

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Secondo la tradizione cattolica, aristotelico-tomista, il diritto è l’ordine naturale oggettivo, al quale il singolo deve conformarsi. Per la tradizione moderna, che inizia col Rinascimento, la prospettiva si rovescia addirittura e il dirito diventa prerogativa dell’individuo che autonomamente agisce nella società.»

(Gustavo Zagrebelsky, Contro l’etica della verità, Later

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Chi decide della dignità di un nano?
Ovvero, la liberta di liberarsi da alcune libertà fondamentali
Un sano pragmatismo fondato sull'alleanza tra scienza laica e filosofia permea Il lancio del nano, accanto a una tenace, puntigliosa, divertita curiosità per quelli che sono i veri e falsi dilemmi e i paradossi della morale moderna. Le forze oscurantiste ostacolano la risoluzione di tali dilemmi. Armando Massarenti inquadra la diatriba fra una cultura arroccata sul giustificazionismo a-storico, e una cultura aperta alla comprensione del nostro tempo, alla complessità dei suoi problemi, alle sfide della scienza e del sapere filosofico, e soprattutto ai mutamenti che le trasformazioni sociali impongono ai codici etico-morali. (Roberto Caracci)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
L’europeista Altiero Spinelli
Nel centenario della nascita (1907-1986)
Precoce politico, visionario, Altiero Spinelli fu messo in carcere dal regime fascista, dove studiò storia e filosofia. Dal confino scrisse insieme a Ernesto Rossi e a Eugenio Colorni il Manifesto di Ventotene, base del Movimento Federalista Europeo. Dopo la guerra aderì al Partito d'Azione, contribuì alla costruzione della Comunità Europea, ora Unione Europea, di cui fu rappresentante fino alla morte. Gli scenari che videro Spinelli protagonista di questo cambiamento sono oggi brevemente ricordati. Una breve sintesi di una grande storia. (Michele F. Venturini)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Sulle proprie gambe...
Come un fastidioso senso di vertigine
In questo 'Raccontami la notte in cui sono nato', romanzo di formazione, romanzo autobiografico, lungo monologo-confessione, Paolo di Paolo rappresenta la generazione di chi non ha ancora trent’anni e vive, straniato e dubitoso, una perenne insoddisfatta adolescenza. (Alessandra Casaltoli)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008