ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z

A
*

A ciascuno il suo, Leonardo Sciascia

A futura memoria, Leonardo Sciascia

A quale tribù appartieni?, Alberto Moravia

Acque e terre, Salvatore Quasimodo

Agostino, Alberto Moravia

alba di un mondo nuovo (L'), Alberto Asor Rosa



albero di giuda (L'), Adriano Napoli

Album di fotografie, Anna Maria Fabiano

Alchimie per una donna, Adriana Scarpa,

Alcyone, Gabriele D'Annunzio

Alla cieca, Claudio Magris

Allegria (L') Giuseppe Ungaretti

Allegro fantastico, Enrico Palandri

altra Sardegna (L'), Angelo Mundula

Altra stagione, Daniele Piccini

Altri libertini, Pier Vittorio Tondelli

altro giro di giostra (Un),Tiziano Terzani

amico di Stalin (L'), Nereo Laroni

amore molesto (L'), Elena Ferrante

amore (Un), Dino Buzzati

Amore mio infinito, Aldo Nove

amorosa inchiesta (L'), Raffaele La Capria

Angeli e cani, Chiara Marchelli

anni struggenti (Gli), Alberto Bevilacqua

anno sull'altipiano (Un), Emilio Lussu

anonimo lombardo (L'), Alberto Arbasino

antenati (I nostri), Italo Calvino

A perdifiato, Mauro Covacich

Argo il cieco, ovvero i sogni della memoria, Gesualdo Bufalino

Assandira, Giulio Angioni

avventura dell'unità europea (L'), Valerio Castronovo,


B*

Bagheria, Dacia Maraini

Ballata Levantina, Fausta Cialente

bambini guardano la luna (I), Adriana Scarpa

baracche (Le), Fortunato Seminara

barone rampante (Il), Italo Calvino

Bassa stagione, Gianni D’Elia

Baudolino, Umberto Eco

beati anni del castigo (I), Fleur Jaeggy

bell'Antonio (Il), Vitaliano Brancati

Bisogna avere i coglioni per prenderlo nel culo, Aldo Busi

bosco degli urogalli (Il), Mario Rigoni Stern

Bottega del caffè (La), Carlo Goldoni

bottone di Puskin (Il), Serena Vitale

bufera e altro (La), Eugenio Montale

Buio, Dacia Maraini


«Io non vado mai con i gruppi, sto fuori, ma mica viaggio solo, uno non può sempre star solo - a parte che, se uno sa con chi sta solo, a volte può essere in grande compagnia»

(Tiziano Terzani, intervista)
*
C
*

calzolaio di Vigevano (Il), Lucio Mastronardi

Candido ovvero Un sogno fatto in Sicilia, Leonardo Sciascia

Canne al vento, Grazia Deledda

Canti, Giacomo Leopardi

Canti di Castelvecchio Giovanni Pascoli

Canti Orfici, Dino Campana

Canzoniere, Francesco Petrarca

Canzuna di vita, di morti, d’amuri, Marco Scalabrino

Càpita, Gina Lagorio

cappello del prete (Il), Emilio De Marchi

carcere (Il), Cesare Pavese

cardillo addolorato (Il), Anna Maria Ortese

carnefice disattento (Il), Corrado Alvaro

carta è stanca (La), Guido Ceronetti

Casa d'altri, Silvio D'Arzo

casa in collina (La), Cesare Pavese

Case, amori, universi, Fosco Maraini

Caro Michele, Natalia Ginzburg

Casta (La), Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella

cavaliere inesistente (Il), Italo Calvino

Cenere, Grazia Deledda

Cento lettere a uno sconosciuto, Roberto Calasso

Centuria, Giorgio Manganelli

C’era una volta... Fiabe, Luigi Capuana

chimera (La), Sebastiano Vassalli

cielo è rosso (Il), Giuseppe Berto

cigno (Il), Sebastiano Vassalli

ciociara, (La), Alberto Moravia

Città del Sole (La), Tommaso Campanella

città dei ragazzi, (La), Eraldo Affinati

città invisibili, (Le), Italo Calvino

codice di Perelà (Il), Aldo Palazzeschi

cognizione del dolore, (La), Carlo Emilio Gadda

Colomba, Dacia Maraini

Come Dio comanda, Niccolò Ammaniti

Come prima delle madri, Simona Vinci

Compleanno dell'iguana, Silvia Ballestra

Come un’isola, Paolo Di Paolo

Confessioni di un italiano, Ippolito Nievo

conformista, (Il), Alberto Moravia

congiura de' Pazzi, (La), Angelo Poliziano

Con gli occhi chiusi, Federigo Tozzi,

consiglio d'Egitto, (Il), Leonardo Sciascia

contadino in mezzo al mare (Un), Maurizio Maggiani

contrario di uno (Il), Erri De Luca

Contro l’etica della verità, Gustavo Zagrebelsky

Contro-passato prossimo, Guido Morselli

Conversazione in Sicilia, Elio Vittorini

Convivio Dante Alighieri

coraggio del pettirosso (Il), Maurizio Maggiani

Corruzione al palazzo di giustizia, Ugo Betti

Cortesie per gli ospiti, Ian McEwan

Cortile a Cleopatra, Fausta Cialente

cosa buffa, (La), Giuseppe Berto

coscienza di Zeno, (La), Italo Svevo

Così è (sevi pare), Luigi Pirandello

crimine dell'accademico Sylvestre Bonnard (Il), Anatole France

Cristo si è fermato a Eboli, Carlo Levi

Cronache di poveri amanti, Vasco Pratolini

Cronachette, Leonardo Sciascia

crucifige e la democrazia (Il), Gustavo Zagrebelsky

Cuore, Edmondo De Amicis

Cuore di madre, Roberto Alajmo

Cuore di pietra, Sebastiano Vassalli

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«La pace che dall’alto ci sorride non è la quiete, né la rassegnazione, ma l’opera alacre e continua per la verità, la giustizia e il bene comune»

(Ernesto Teodoro Moneta, Premio Nobel per la pace 1907)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
L’europeista Altiero Spinelli
Nel centenario della nascita (1907-1986)
Precoce politico, visionario, Altiero Spinelli fu messo in carcere dal regime fascista, dove studiò storia e filosofia. Dal confino scrisse insieme a Ernesto Rossi e a Eugenio Colorni il Manifesto di Ventotene, base del Movimento Federalista Europeo. Dopo la guerra aderì al Partito d'Azione, contribuì alla costruzione della Comunità Europea, ora Unione Europea, di cui fu rappresentante fino alla morte. Gli scenari che videro Spinelli protagonista di questo cambiamento sono oggi brevemente ricordati. Una breve sintesi di una grande storia. (Michele F. Venturini)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Dove sono andati a finire i fatti?
La libertà di un paese è proporzionale all'indipendenza dei suoi organi d'informazione
La scomparsa dei fatti è il libro che Marco Travaglio ha dedicato alla mala-informazione. Se si è d'accordo che in democrazia comanda l’elettore, è cruciale – al di là del gossip, al di là del sensazionalismo a vanvera – rendersi conto di cosa succede davvero e rendersi conto fino a che punto si possa contare sui mezzi d’informazione. Ma soprattutto, su quali testate e su quali pseudo-professionisti non si possa davvero fare affidamento. (Redazione Virtuale)
Il giudice mite
Il pensiero, tra verità e dubbio
Gustavo Zagrebelsky, piemontese, è uno degli spiriti più brillanti della magistratura, un sostenitore convinto delle potenzialità di sviluppo della democrazia, uno strenuo difensore della carta costituzionale e della laicità dello Stato. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008