ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Umberto Piersanti

Olimpo (2006)

Terzo romanzo del poeta Umberto Piersanti
(Raffaella Bettiol)

*
La storia di un professore più che maturo e della sua breve relazione con una ragazza "no global" s'intreccia con quella dell’ascesa sul Monte Olimpo di due giovani: Anticlo, poeta-filosofo, e Laodoco, impareggiabile atleta e guerriero. Due storie unite da un profondo sentimento della natura che riveste i due monti, geograficamente distanti, ma accomunati dalla vegetazione mediterranea e dal mito della gionentù e dell'amore

*

limpo (Avagliano,Roma, 2006) è il terzo romanzo del poeta Umberto Piersanti, dopo L'uomo delle Cesane (Camunia, Milano,1994) e L'estate dell'altro millennio (Marsilio, Venezia, 2001). Se L'uomo delle Cesane può definirsi un romanzo d'iniziazione, L'Estate dell'altro millennio appartiene al genere epico-storico, in quanto vi si affronta il tema della guerra la Seconda Guerra mondiale.

Olimpo, invece, non è facilmente catalogabile, perché nel racconto diversi generi letterari si fondono, si compenetrano.

Sicuramente è un' opera che cerca di dare una risposta agli interrogativi fondamentali sui quali da sempre s'arrovella l'uomo, sul suo rapporto con la natura, il cosmo, le divinità.

In questo romanzo due storie s'intersecano: nella prima, di cornice, un professore più che maturo ha una breve relazione con una giovane ragazza no global. La loro percezione del mondo è assolutamente antitetica eppure il loro rapporto, seppur breve, è ugualmente intenso e autentico.

Luca, il professore, esprime una vocazione liberal, laica e razionale, Elisa, la ragazza no global, accetta questo rapporto in nome di una sua specifica curiosità intellettuale e culturale. Vi è tra i due protagonisti un ineluttabile scontro generazionale, ciò non toglie che la loro breve vicenda sia comunque sincera. L'eros, pur presente, non costituisce un elemento di fondo di questo incontro. Entrambi, forse, aldilà delle loro posizioni ideologiche differenti, s'incontrano in un inconfessato desiderio di tenerezza, d'abbandono, uniti dalla natura che li circonda.

*

Durante una notte di pioggia, in una casa isolata e persa ai piedi del monte Catria, Luca narrerà alla giovane una storia (la seconda storia del nostro romanzo) remota, lontana. Il tentativo dell'ascesa sul Monte Olimpo di due giovani: Anticlo, poeta-filosofo, e Laodoco, impareggiabile atleta e guerriero. È la rievocazione di un mondo antico con le sue regole, i suoi divieti. Il rapporto tra presente e passato mitico è affrontato senza il gusto dell'esoterico o del fantasy, ma come ricerca d'armonia, di perfezione.

Anticlo incarna quel grande momento della civiltà occidentale, rappresentato dalla filosofia presocratica in base alla quale l'uomo, superando la percezione politeista, pose il centro dell'essere nella natura in quanto tale. L'autore fa dire ad Anticlo, dopo aver incontrato Eudoro, il saggio, il quale vive isolato tra i boschi: «Eudoro ha ragione: bisogna contemplarlo il mondo, non fare altro. Viverci dentro, essere come lo stelo o quel petalo di rosa che vacilla, che domani sarà tra l'erba, ma vivo, vivo anche quando, oltre domani, si sarà consumato nella terra, dissolto a poco a poco».

Il giovane filosofo, spinto dal crescente bisogno di dare una risposta ai dubbi, alle domande che lo assillano circa l'esistenza degli dei, deciderà d'iniziare la sua salita verso l'Olimpo, ma via via che si avvicinerà al raggiungimento della meta, il richiamo della casa, della sua terra lo sospingerà verso il ritorno.

Il senso della natura è uno dei momenti fondamentali del romanzo che unisce le due storie: la cornice e il racconto principale. Tra il Catria e l'Olimpo, infatti, corre uno stretto rapporto. Uguale ne è la fauna, la vegetazione; la storia di Luca ed Elisa si svolge vicino a Frontone, borgo medievale ai piedi del Catria, il cui castello svetta alla sommità di un alto colle roccioso. L'autore cita un incredibile varietà di piante, di fiori tutte tipiche dell'area appenninica e mediterranea, e vi è una stretta connessione, direi quasi un'empatia, tra la natura e i diversi momenti della narrazione.

Laodoco, il giovane atleta e guerriero, parte per l'Olimpo sospinto dal desiderio di un'impresa straordinaria, eccezionale, mai compiuta prima. Anche lui, tuttavia, desisterà sorpreso dalla nostalgia dei ricordi, dal suo amore per Rossane, la bellissima schiava Armena, un tempo principessa, di cui ama la dolce alterigia, la fierezza che da lei sempre traspare.

L'eros, pur presente nel romanzo, non ha le note violente, trasgressive, così frequenti nella letteratura contemporanea, quello piersantiano è un eros solare, proteso alla ricerca di un difficile ma tenace idillio.

*

Anticlo e Laodoco sono in qualche modo due personaggi danteschi e omerici al tempo stesso: partono, infatti, sospinti dal desiderio di andare oltre, di sfidare Le Colonne d'Ercole, ma si fermano un attimo prima e il loro folle volo si fa nostos, ossia viaggio di ritorno.

Non sospendono la loro impresa per il timore della morte, ma perché tra il cielo e la terra scelgono quest'ultima alla quale sono legati da un amore totale.

Il tessuto narrativo del racconto è intenso, lirico,l'occhio dell'autore è sempre quello del poeta, che cerca nelle cose un'intrinseca armonia, un equilibrio perfetto.

Vibra, infine, nelle pagine di Olimpo, una percezione assoluta della natura, direi quasi sacrale, panteistica, tale da renderla, forse, l'unica vera protagonista del romanzo.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
L'immagine in apertura rappresenta una moneta raffigurante Giove Pluvio.



BIBLIOGRAFIA
Umberto Piersanti, Olimpo (Avagliano, Roma, 2006)

Milano, 2007-06-04 19:58:54

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Fatalità a parte, il nostro mondo non è fatto come è e come domani sarà, da questa o quella Astrazione, è fatto da ciò che avviene in noi uomini, o in qualcuno di noi»

(Guido Morselli, Contro-passato prossimo)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
In natura prevale la resistenza
Intervista a Luciano Erba
Luciano Erba, esponente di punta del gruppo di poeti denominato della Linea Lombarda, spiega il senso dei versi della raccolta poetica Remi in barca. Non un punto di arrivo, ma un economico riassetto personale, per procedere con maggiore efficienza e minor sforzo. (Maria Antonietta Trupia)
Una realtà da scontare
Le anguste vicende della piccola borghesia nelle pagine di Maria Messina (1887-1944)
Dimenticata dalla storia letteraria del Novecento, tratta dall’oblio grazie all’attenzione di Leonardo Sciascia, Maria Messina apre le porte di un mondo mediocre, chiuso nel proprio egoismo e refrattario ad ogni mutamento, un mondo di piccoli borghesi la cui unica preoccupazione è di salvare la faccia di fronte alla comunità cui appartiene. A questo universo ristretto e spesso meschino non è facile sfuggire, soprattutto per chi, come le donne che lei racconta, non riesce ad esercitare la propria libertà interiore. Le prigioni che descrive, che rinserrano tanto le vittime quanto i persecutori, sono i cerchi chiusi dentro i quali le protagoniste si vedono vivere. Nella rinuncia, nella resa, nell’accettazione di quello che è ritenuto ineluttabile non v’è debolezza o ignavia, ma il segno di una realtà da scontare. (Anna Maria Bonfiglio)

Amante disperata
Breve racconto allegorico
Una lettera di sfogo ad un uomo dal cuore indurito dall'egoismo, un uomo cui quest'Amante aveva dedicato tutta sè stessa... tutte le sue energie... (Carla Montuschi)
Capitale umano
Un piccolo investimento in vista di un più importante profitto
Un tempo, ci chiamavano sciuscià. Uscivamo da una guerra, dalle notti infinite di bombardamento continuo. Ora i nuovi reduci si chiamano Alì, Mohammed, Sharif, Shumon. Vengono dalla Nigeria, dal Marocco, dalla Romania, dall’Afghanistan. Approdano nelle nostre città e scalciano per accaparrarsi un cantuccio d’umanità. Eraldo Affinati, nel suo ultimo romanzo, 'La città dei ragazzi', insegna loro a esprimersi: scrivere e parlare italiano. Ma ha anche voglia di imparare, il maestro, di conoscere e vedere. Per questo segue i suoi allievi in un viaggio in Marocco, per ritrovare casa. Per costruire una tana, nel deserto della comunicazione. Per ritrovare volti e voci che il tempo ha spazzato via, come sabbia sotto il vento. (Luca Gabriele)
Le insolite astrazioni di Giannino di Lieto
«Un immenso deposito dei detriti di un mondo che, già prima dell’esplosione, doveva essere destituito di significato»
Giannino di Lieto (Minori, Salerno 1930-2006), poeta nuovo che non ha modelli, non ha maestri, ripudia gli imitatori, non cerca adepti, ha vissuto intensamente, dividendosi fra la scrittura, l’organizzazione culturale e l’impegno ideologico, seguendo un discorso proprio, fuori e sopra le mode, libero. (Giovanni Maria di Lieto)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008