ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Valerio Varesi

Le imperfezioni (1959)

Un testo insolito di uno scrittore di gialli
(Margaret Collina)

*
Piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Valerio Varesi non indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso di responsabilità individuale e collettiva.

*

ifficilmente si può dimenticare una frase come questa: «Non voglio uscire perchè la luce del giorno disturba la mia luce interiore», e difficilmente si può restare indifferenti di fronte a questo libro quantomeno inusuale nel panorama letterario italiano degli ultimi anni.

Varesi, giallista per convenzione, ma pur sempre scrittore sensibile, profondo, dallo stile inconfondibile perchè mai omologato, si cimenta in quest'ultima opera con tematiche talmente vaste da suscitare una timorosa inquietudine. La cifra, anche qui, è in apparenza quella del giallo: piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Ma subito, il lettore comprende che nel libro non si indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto, ovvero sul crimine esiziale dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso della responsabilità individuale e collettiva. E tutto il romanzo si dilata in un lungo, serrato interrogatorio - che coinvolge insieme al protagonista, di volta in volta tutti gli altri personaggi - alla ricerca di un responsabile che resterà impunito, perchè non indentificabile, e dotato della forza cruenta dell'ineluttabilità.

I dialoghi apodittici, insinuanti, caratterizzati da un respiro universale (ormai così raro in letteratura), inducono a riflessione amarissima, eppure incontrovertibile, sui mali che affliggono il nostro tempo. Mentre il protagonista, nella sua ininfluenza esistenziale, nella sua tragica ammissione di impotenza, ci appare come una sorta di eroe paleocristiano, costretto alle catacombe della vita civile, per poter continuare a rispettare se stesso e la propria posizione ideologica minoritaria.

*

Ciò che i "perdenti" del romanzo trasmettono all'attento lettore, non è il senso della sconfitta, bensì la strenua lotta in difesa della propria diversità. Varesi fa dire a Savani, il giornalista umiliato, il mite antieroe del romanzo: «Allora ho guardato Corbetta, e ho pensato che la facoltà di interpretare è una continua mutilazione...», ma in realtà, da tutto il libro traspare una convinzione esattamente opposta dell'autore, che proprio attraverso la diegetica del suo scrivere, scava tanto in profondità, da estrarre infine gli elementi utili ad arricchire i nostri orizzonti vitali. Valerio Varesi è nato a Torino l'otto agosto 1959 da genitori parmensi. A tre anni è tornato nella città emiliana dov'è cresciuto e ha studiato. Si è laureato in filosofia all'università di Bologna con una tesi su Kierkegaard. corrispondente da Parma per «La Stampa» e «La Repubblica», nell'87 ha lavorato alla «Gazzetta di Parma» e nel '90 è passato alla redazione bolognese del quotidiano «La Repubblica», per cui attualmente lavora.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Le imperfezioni, Editore Frassinelli (2007)
Ultime notizie di una fuga ed. Mobydick
Bersaglio, l'oblio edito da Diabasis
Il cineclub del mistero, Passigli
L'Affittacamere, Frassinelli
Il Fiume delle nebbie, Frassinelli
Le Ombre di Montelupo, Frassinelli
A mani vuote, Frassinelli

Milano, 2007-06-26 13:30:12

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Erano gli ultimi anni prima che ci capitasse tra coppa e collo questo benessere economico, come una piacevole legnata che ci ha fatto perdere l’orientamento»

(Luigi Meneghello, Libera nos a malo)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Conversazione con se stessi
Il valore terapeutico della scrittura
Scrivere ci fa a volte trovare le parole per esprimerci e ci chiarisce sentimenti confusi, incertezze, ambivalenze dentro di noi. Quando siamo bloccati da angosce, nevrosi, sentimenti che non riusciamo a tirar fuori, magari solo perché ce ne vergogniamo o perché temiamo possano non piacere agli altri, essa può assumere un valore terapeutico. (Roberta Andres)
Le donne, la pagina scritta e il peso delle etichette
Conversazione con Lidia Ravera
Lidia Ravera racconta il percorso che l'ha portata fino a noi, a partire da 'Porci con le ali' fino alla finale del Premio Strega, con uno sguardo in prospettiva a un nuovo romanzo fiume, che sta scrivendo, che toccherà i punti salienti che costituiscono l'esperienza di vita di tutta una generazione di uomini e di donne. (Luca Gabriele)
L’europeista Altiero Spinelli
Nel centenario della nascita (1907-1986)
Precoce politico, visionario, Altiero Spinelli fu messo in carcere dal regime fascista, dove studiò storia e filosofia. Dal confino scrisse insieme a Ernesto Rossi e a Eugenio Colorni il Manifesto di Ventotene, base del Movimento Federalista Europeo. Dopo la guerra aderì al Partito d'Azione, contribuì alla costruzione della Comunità Europea, ora Unione Europea, di cui fu rappresentante fino alla morte. Gli scenari che videro Spinelli protagonista di questo cambiamento sono oggi brevemente ricordati. Una breve sintesi di una grande storia. (Michele F. Venturini)

Fuoco
Da "La vocazione del netturbino"
Un appartamento immerso in un'atmosfera lugubre. Un ragazzo ne esce e si aggira con un badile e una torcia elettrica per una discarica di rifiuti. La notte è animata dal volo dei gabbiani e dei corvi e il percorso è reso insicuro e viscido dalla incredibile varietà di prodotti organici marcescenti e dai liquami che ne fuoriescono. Mentre il rombo delle ruspe avanza, il protagonista è incalzato dal rogo generato dal calore della sua stessa torcia... (Roberto Caracci)
Ritorno a Baraule
Una Sardegna senza compromessi né filtri
L'indagine di un cardiologo condannato dal male è pretesto per far parlare i personaggi e la scrittura, con Salvatore Niffoi, diventa personaggio essa stessa. Il lettore di “Ritorno a Baraule” avverte così gradualmente l'importanza di attraversare le vite degli altri per capire la propria. (Antonio Fiori)
Il giudice mite
Il pensiero, tra verità e dubbio
Gustavo Zagrebelsky, piemontese, è uno degli spiriti più brillanti della magistratura, un sostenitore convinto delle potenzialità di sviluppo della democrazia, uno strenuo difensore della carta costituzionale e della laicità dello Stato. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008