ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Mario Rigoni Stern

Le vite dell'Altipiano (2008)

Un testamento letterario e spirituale
(Ademario Lo Brano)

*
Raccolta dei racconti più significativi di Mario Rigoni Stern suddivisi in "Storie naturali", "Storie di animali" e "Storie dell'Altipiano", con una prefazione di Giorgio Bertone ed un'Appendice sulla "Lectio Magistralis" tenuta dall'autore in occasione del conferimento della laure in Scienze forestali ed ambientali da parte dell’Università di Padova.

*

e vite dell'altipiano è l’ultima fatica del grande scrittore di Asiago scomparso il 17 giugno scorso all’età di 86 anni dopo lunga malattia. Il “sergente maggiù”, come Mario Rigoni Stern veniva chiamato dai soldati ne Il sergente nella neve, aveva personalmente, anche se a fatica, curato la stesura di questa raccolta dei racconti più rappresentativi della sua narrativa così spontanea, a dimensione d’uomo, ricca di spunti di riflessione, grazie alla sua dettagliata descrizione della natura che lo ha sempre immerso nella profonda ammirazione per un Creato misterioso.

I racconti che formano questa raccolta sono suddivisi in Storie naturali, Storie di animali e Storie dell’Altipiano.

Giorgio Bertone nell’introduzione sottolinea come in questa raccolta è dominante il «tema della casa», già presente in tutta l'opera di Mario Rigoni Stern. Questo aspetto è particolarmente rilevante in Le mie quattro case, il racconto con cui inizia la parte dedicata alle Storie dell'Altipiano. Dice ancora Bertone, in occasione del secondo appuntamento di LetterAltura 2008 dedicato all'opera di Mario Rigoni Stern, il tema ricorrente della casa «ritorna come rifugio dell'inconscio, luogo della sopravvivenza e poi ancora luogo dei ricordi in cui trovare la propria tranquillità», e non solo alla casa è fortemente legato, ma anche a tutto ciò che «sta al di là, come l'orto, il bosco e la magnifica natura», a quelle piccole cose quotidiane che passerebbero inosservate ai più.

Potremmo definire Le Vite dell’Altipiano il testamento spirituale e umano di Mario Rigoni Stern, in cui l’autore ci depone per un’ultima, ma indelebile volta nella nostra memoria, il ricordo della sua vita terrena, «per non dimenticare», in definitiva: una sintesi della sua esistenza a continuo contatto con la natura che lo ha sempre circondato e che lui ha sempre cercato, anche fuori dalla sua Asiago, facendosi avvolgere come in un abbraccio senza fine: tra i suoi monti dell’Altipiano, tra i suoi urogalli, le sue coturnici (in Storie di animali), i suoi pioppi, il suo faggio (in Storie naturali) e gli innumerevoli tipi umani di cui ha saputo cogliere le ansie, i disagi di una vita pur sempre, comunque, in armonia con il Creato, come Un pastore di nome Carlo, La malga, Il vecchio boscaiolo, e molti altri che troviamo in Storie dell'Altipiano.

*

E non ultimo la sua neve, e tante sono le nevi nella sua memoria: “nevi di slavine”, “nevi di alte quote”, “nevi di montagne albanesi”, di “steppe russe” e di “lande polacche” e quelle che dalle sue parti, avevano nomi diversi: Brüskalan, la prima neve dell'inverno, la sneea, la neve abbondante “più da mulino del cielo”, l' haapar, la neve sul finire dell'inverno, che, poi, diventava haarnust, neve vecchia di primavera , “ottima per le escursioni”, la swalbalasneea, la neve delle rondini, la kuksneea, la neve del cuculo, la bachtalasneea la neve della quaglia e, infine, la kuasneea, la neve delle vacche (da Nevi, p. 5). Dunque, in questa raccolta di racconti troviamo un po' tutta l'opera narrativa e umana di Mario Rigoni Stern. Tutti i suoi libri sono qui “in mostra”, come a voler ripercorrere la “sua” storia di “montanaro”: Sentieri sotto la neve, Uomini, boschi e api, Tra due guerre e altre storie, Alboreto selvatico, Amore di confine.

La stesura del libro ne è chiara testimonianza: riunendo i racconti più significativi suddividendoli in tre parti altrettanto significative sembra quasi che Mario Rigoni Stern stesse appunto suggerendo, o meglio stesse dettando, a Giorgio Bertone, le sue ultime volontà, mettendo insieme i momenti salienti della sua vita, le sue ansie per un ambiente bistrattato, il suo amore per le piccole cose che la natura ci offre senza chiedere nulla in cambio, tranne un po' di rispetto. «Molte cose cono cambiate, non solo nel mio corpo ma anche nell'habitat montano e nel comportamento degli uomini» (I miei sentieri sotto la neve, da Sentieri sotto la neve, racconto inserito in Storie naturali).

Un’anticipazione di questo suo “testamento” ci viene dato dalla Lectio magistralis, che troviamo in Appendice, tenuta da Mario Rigoni Stern l’11 maggio 1998, in occasione del conferimento della laurea honoris causa in Scienze forestali ed ambientali da parte dell’Università di Padova.

Rigoni Stern ripercorre i momenti più emozionanti della sua vita, emozionanti perché mette in evidenza lo scempio perpetrato durante la Grande Guerra che causò la quasi totale distruzione dei prati, dei pascoli, i seminativi che vennero cosparsi di reticolati, buche provocate dalle granate; i boschi, i “nostri” boschi continua l’autore, erano belli e ricchi e alla fine del conflitto soltanto il 15 per cento era rimasto intatto (Appendice, p. 589).

*

A questo, poi, si aggiunsero i gravi problemi ambientali causati dalle infestazioni. E in un habitat così fortemente martoriato dalla guerra, alcuni parassiti avevano trovato “terreno fertile” per svilupparsi. Primo fra tutti il bostrico, l' Ips typographus, un parassita della famiglia dei coleotteri xilofagi, cioè che si nutrono di legno, che in particolare attacca gli esemplari di abete rosso, così come la Cephalcia arvensis, e quest'ultimo comparso molto di recente, nel 1988, nei boschi del Cansiglio.

Questo degrado ambientale non può venire da sé, «troppe volte la causa è pur sempre l'uomo» (Appendice, p. 590). Non è stato sufficiente la deturpazione della natura causata dalla Grande Guerra e dalle infestazioni provocate dai parassiti; il fenomeno dell'antropizzazione (processo con cui si interviene sull'ambiente modificandolo a adattandolo alle esigenze dell'uomo) ha fatto sì che l'uomo contribuisse in maniera “attiva” a “corrompere” l'ambiente: «il paesaggio delle foreste alpine sta cambiando. L'abbandono delle coltivazioni e l'urbanizzazione mal gestita sono sotto gli occhi di tutti» (Appendice, p. 596). Come risolvere il problema? Facile a dirsi. Basterebbe innanzitutto impedire all'uomo di avvicinarsi alla natura con le abitudini che si porta dietro dalla città, proibirgli l'uso dell'auto, per esempio, dice Rigoni Stern: «Chi ha passione vera camminerà», dice ancora, «il bosco è sì il bene di tutti, ma non da tutti», conclude.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Introduzione di Giorgio Bertone, Professore Ordinario di Letteratura italiana al Corso per la Conservazione dei Beni Culturali dell’Università di Genova.

Le immagini (dall'alto)
Faggi sull'Altipiano;
Neve
Urogallo;



BIBLIOGRAFIA
Mario Rigoni Stern Le vite dell'Altipiano. Racconti di uomini, boschi e animali, 2008, ET Biblioteca – Einaudi Editore

Milano, 2008-08-01 20:40:25

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Ogni tanto in una famiglia normale nasce uno scrittore ma nessuno lo sa. Quindi lo allevano in modo indifferenziato; gli danno il latte materno, poi le pappette, gli insegnano a camminare sui piedi e non sulle mani...»

(Ermanno Cavazzoni, Gli scrittori inutili)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
Vissuto da pelle femminile
Intervista con Clara Sereni
«Penso che politica e amore restino parole, emozioni, sentimenti legati ancora strettissimamente, non foss’altro perché non mi immagino una forma di amore, o anche soltanto di relazione, di rapporto anche amicale, che prescinda dalla visione del mondo di cui ciascuno è portatore». Per provare a raccontare la storia di una generazione, Clara Sereni doveva raccontarne le sfaccettature, mettendolo in conto di non doversene imbarazzare. (Paolo Di Paolo)
L’aristocrazia letteraria di Tomasi di Lampedusa
Nel racconto “La sirena”, scritto negli ultimi mesi di vita, il livello reale e quello surreale si incontrano
Nato a Palermo da un'antica famiglia della nobiltà siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa comincia a scrivere, durante un soggiorno nella casa londinese di uno zio ambasciatore, saggi sulla letteratura inglese. D'indole solitaria, accetta intorno a sé solo una ristretta cerchia di intellettuali sciliani. «Scrittore di un unico libro» (Montale) a fianco del più celebre romanzo, senza volere considerare vere e proprie narrazioni le “lezioni“ di letteratura francese ed inglese, si collocano degnamente i Racconti che furono pubblicati postumi sulla scia del successo de Il Gattopardo, opera a cui si lega la fama dell’autore. (Anna Maria Bonfiglio)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Sorelle
Trilogia della sorellanza
Sorelle, il romanzo di Lidia Ravera, dipinge una rappresentazione intensa e sottile, in tre momenti, dell’archetipo di tutte le relazioni tra donne: la sorellanza. Sorelline. Sorellastre. Sorelle. Una trilogia di lunghi e intensi racconti, scritti dopo la morte precoce dell’unica e adorata sorella della scrittrice. Tre ampie narrazioni che descrivono con acume e commozione le diverse età del medesimo sentimento, quello dell’amore familiare. (Luca Gabriele)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008