ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Edmondo De Amicis

Amore e Ginnastica (1892)

Anti-retorico, ironico e sensuale
(Pasquale Vitagliano)

*
Amore e Ginnastica di Edmondo De Amicis incornicia un gruppo di famiglia in un interno dove si consumano con insostenibile leggerezza amori segreti, invidie sociali, modesti successi e piccoli drammi borghesi. In questo romanzo De Amicis non è da libro Cuore e anticipa l’indiscreto e rassicurante rapporto voyeristico tra attore e spettatore.

*

e la sit-com l’avesse inventata l’autore di Cuore? Niente di strano, avremmo la conferma che un autore sottovalutato perché sentimentale e retorico, è invece tutto da riscoprire per la sua modernità.

Edmondo De Amicis infatti è stato un autore nazionale e popolare, nell’accezione gramsciana autentica e non sarcastica, ed ha anticipato in questo romanzo l’indiscreto e rassicurante rapporto voyeristico tra attore e spettatore.

«Quella maneggia i manubri come un uomo, e ha il più bel braccio di donna, se lo vedesse nudo, che si sia mai visto sotto il sole», dice il feroce maestro Fassi al timido segretario Simone Celzani, incontrandolo per le scale dell’elegante condominio liberty in Via San Francesco d’Assisi a Torino. A possedere il più bel braccio di donna è la maestra di ginnastica Maria Pedani che al terzo piano di quel palazzo condivide un quartierino con la collega Zibelli, proprio di fronte l’uscio del ruspante maestro Fassi. Quel braccio nudo ed il suo movimento fanno crescere nel giovane impiegato il desiderio amoroso, la passione, fino al punto di sentire salire il sangue alle guance.

*

La maestra Pedani e il segretario Celzani sono i protagonisti di questo breve e gustoso romanzo di un De Amicis inedito al grande pubblico, anti-retorico, ironico e sensuale. La florida ventisettenne, «larga di spalle e stretta di cintura», niente affatto incline ai sentimentalismi, perché tutta presa dalla diffusione tra i ragazzi della ginnastica educativa, scienza capace di rigenerare il mondo, respinge all’inizio la dichiarazione d’amore del malinconico scrivano, trentenne ma dai modi di un attempato signore di cinquanta, patriota e liberale ma ex seminarista, di cui aveva conservato le movenze, tanto da meritarsi tra gli inquilini della casa il nome di don Celzani.

«Non gli era possibile regger più oltre con quel tormento di desiderio in corpo, inasprito ogni giorno da quegl’incontri, nei quali non gli riusciva neppure di procurarsi il gusto di guardarla». L’altro protagonista del romanzo dunque è proprio il corpo. Non l’anima, ma le membra, ammirate nello sforzo di un esercizio ginnico, ovvero vagheggiate in un abbraccio amoroso.

Intorno a questi tormenti ruotano gli altri personaggi del romanzo. Oltre alla gelosa maestra Zibelli ed al Fassi, con la moglie dotata di una «rozza bellezza di caporalone», il commendatore zio Celzani, il vecchio professor Pedalocchi e la movimentata famiglia dell’ingegner Ginoni.

Il De Amicis di Amore e Ginnastica non è da libro Cuore. Nelle pagine di questo piccolo romanzo non c’è spazio per pianti antichi o lezioncine morali. Ci troviamo di fronte ad una godibile ed ironica architettura, ad un’inattesa pruderie, tutt’altro che in linea con la retorica bacchettona dell’epoca. Tutta la storia ha un’ambientazione familiare, concentrata in un Palazzo di Torino fin de siècle, dove si consumano con insostenibile leggerezza amori segreti, invidie sociali, modesti successi e piccoli drammi borghesi. Resta anche se sotto traccia la vocazione pedagogica di De Amicis, mentre affiora la forza di un inconfessabile istinto a rompere le regole del conformismo amoroso. La vita, istruzioni per l’uso, si potrebbe dire. Il romanzo sembra inseguire lo schema circolare di Georges Perec, eppure il lettore ha l’impressione di poter finire, prima o poi, dentro un salottino da commedia vaudeville.

*

Da questo romanzo Luigi Filippo D’Amico ha tratto un film nel 1973, restaurato dalla Cineteca Nazionale nel 2007, in occasione delle Universiadi Invernali di Torino, con Senta Berger nel ruolo di Maria Pedani e Lino Capolicchio in quello dimesso del segretario Celzani. Si tratta di un film garbato, in contrasto con la linea di tendenza del cinema di quegli anni, che mette al centro della narrazione la modernità del ruolo della donna e dello sport, ricostruendo la storia della cultura dello sport in Italia, dopo l’entrata in vigore della prima legge organica sull’educazione fisica, voluta dal ministro De Sanctis.

Il realismo e la precisione psicologica del romanzo è inconsueto rispetto al De Amicis che abbiamo conosciuto attraverso il Cuore. In quest’ultimo ci scorrono davanti belle ma fisse figurine, i personaggi di Amore e Ginnastica vibrano di passioni e risentimento, di volontà e frustrazioni. Sono personaggi che arrossiscono, che desiderano, che sudano e vivono una quotidianità piccolo borghese reale e concreta. Ed è un libro, come si è detto, pieno di sensualità. Celzani è tormentato dal desiderio perché la bella maestra Pedani glielo ha negato, priva apparentemente di istinto sessuale e tutta tesa verso il proprio destino sportivo. La bellezza di questo romanzo sta nella sua pittura d’insieme. In un lettura prospettica cogliamo alla distanza la raffinatezza di un quadro impressionistico dove l’intreccio di ardori e delusioni viene esaltato dall’insieme delicato dei chiaro-oscuri di dinamiche umane scontate solo in superficie.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini (dall'alto): Senta berger sul set di Amore e ginnastica di Luigi Filippo D’Amico (1973); lo scrittore Edmondo De Amicis



BIBLIOGRAFIA

Milano, 2008-11-17 17:30:52

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Giunto a una certa età, il cinghiale africano spesso è portato a considerare con disdegno le miserie della vita.»

(Dino Buzzati Vecchio Facocero)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Apocalisse da camera
Apologia dell'incomunicabilità
Ne La Piccola Apocalisse l’interesse della narrazione è totalmente rivolto alla parola. Tommaso Landolfi rimane ai margini del panorama intellettuale della sua epoca, ma è assolutamente rappresentativo della crisi esistenziale dell’uomo del Novecento: l’incomunicabilità, la rappresentazione letteraria come lente deformante della realtà sono prerogative onnipresenti nella scrittura landolfiana, nell'ambito di quel filone della prosa che oltrepassa i limiti del reale in direzione del fantastico. (Marta Ferri)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
Il dolore del vivere
(Da assaporare fino all'ultima stilla)
La poesia di Camillo Sbarbaro fa da spartiacque fra la poesia del primo Ottocento e quella della prima rivoluzione industriale. L'atonia vitale, la pietrificazione interiore dell'individuo che assiste da spettatore inerte alla vita, la frantumazione della propria identità nei rapporti con il mondo esterno, sono la misura del disagio che l'uomo Sbarbaro avverte nei confronti di un'esistenza che subisce, volendola vivere nondimeno con avidità. (Anna Maria Bonfiglio)

Fuoco
Da "La vocazione del netturbino"
Un appartamento immerso in un'atmosfera lugubre. Un ragazzo ne esce e si aggira con un badile e una torcia elettrica per una discarica di rifiuti. La notte è animata dal volo dei gabbiani e dei corvi e il percorso è reso insicuro e viscido dalla incredibile varietà di prodotti organici marcescenti e dai liquami che ne fuoriescono. Mentre il rombo delle ruspe avanza, il protagonista è incalzato dal rogo generato dal calore della sua stessa torcia... (Roberto Caracci)
Capitale umano
Un piccolo investimento in vista di un più importante profitto
Un tempo, ci chiamavano sciuscià. Uscivamo da una guerra, dalle notti infinite di bombardamento continuo. Ora i nuovi reduci si chiamano Alì, Mohammed, Sharif, Shumon. Vengono dalla Nigeria, dal Marocco, dalla Romania, dall’Afghanistan. Approdano nelle nostre città e scalciano per accaparrarsi un cantuccio d’umanità. Eraldo Affinati, nel suo ultimo romanzo, 'La città dei ragazzi', insegna loro a esprimersi: scrivere e parlare italiano. Ma ha anche voglia di imparare, il maestro, di conoscere e vedere. Per questo segue i suoi allievi in un viaggio in Marocco, per ritrovare casa. Per costruire una tana, nel deserto della comunicazione. Per ritrovare volti e voci che il tempo ha spazzato via, come sabbia sotto il vento. (Luca Gabriele)
Lidia Ravera
Cantore delle trasformazioni della società e dei problemi dell'universo femminile
Lidia Ravera ha saputo rispecchiare con il suo lavoro il disagio di una generazione irrequieta e idealista. I suoi romanzi sezionano i legami familiari, i rapporti madre-figlio e padre-figlia - stereotipi relazionali che tendiamo a riprodurre anche nei rapporti di coppia – i genitori come elementi che condizionano prepotentemente la crescita, la vita personale e sociale degli individui (Luca Gabriele)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008