ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

ALCHIMIE PER UNA DONNA, DI ADRIANA SCARPA, UN OMAGGIO ALL'INFINITO UNIVERSO FEMMINILE

Alchimie per una donna (2000)



Adriana Scarpa, Alchimie per una donna
Montedit, 2000
Le schegge d'oro, pp. 80
Euro 8,26

«Fu Lucy la prima umana sulla terra»

Milioni di donne.

Esse riescono a dipanare la vita, pur prigioniere di pareti stinte, di ventri svuotati, di corpi sconfitti, di pagine grigie e rosa allo stesso tempo, di imperi del male e del bene.

Con un omaggio in citazione alla grande Sylvia Plath entriamo nella magia.

Sono state e sono. Le donne.

Il loro lamento (un lamento che contiene dolore, che si traduce in sentenza, che si fa interprete d’impegno, ma anche urlo gioioso di fatica d’amore).

Il loro portare il peso del mondo. Schiave in guerra e foriere di luce e di passione.

«Io le ho amate e in esse l’essenza di me donna», scrive Adriana Scarpa, proclamando con orgoglio e perizia poetica la sua appartenenza al proprio sesso e allo stesso tempo, declamando, quasi su un palco allestito nel centro di gravità del mondo, il suo conoscere, il suo avere incontrato il senso stesso dell’esistere in quei volti scolpiti nel marmo o dipinti in processioni di vergini.

Donne è quasi costituire un microcosmo protettivo e protetto, mai completamente chiaro, mai definitivamente esploso, bensì portato a bastarsi, a volte dolcemente a volte crudelmente…

Perché dentro di noi esistono luoghi inesplorati; un microcosmo quasi nostalgico delle mille possibilità che si potrebbero creare nel gioco mirabile dell’esistere (mi porto dentro i corpi invisibili di tutte le nascite che avrei voluto).

Donne è provare in modo intenso nostalgia e rimpianto:

Nell’ombra verde
riconosco i miei rami d’infanzia
gli anni luce.

Alchimie.

E alchimie sono anche i titoli che danno nome alle sezioni in cui è divisa la raccolta: Ipotesi di donna; Ritratti; Venere sempre; Diario segreto.

«Sono donna» Adriana quasi lo urla, a volte invece lo canta piano, altre ancora lo sussurra, e il tutto si fa mescolanza di gioia e dolore, di gioia e tenerezza, di bianco e di nero, martirio e civetteria e ancora fierezza nel proclamarsi imbattibili:

sono donna
con bracciate di rabbia e tenerezza
[…]
sono donna
come un’erica nel vento,
senza flettermi.

Bellissimo il poemetto Autoritratto con un incipit intrigante e manifesto di una pacata indulgenza alla propria femmina corporalità (Sotto il pizzo della camicetta / sta il mio involucro-corpo); un gioco di specchi in cui è d’uopo smarrirsi e far smarrire; un segreto che può celarsi anche nello scavo di una fossetta sottoguancia; occhi come pozzo nel quale sprofondare; tutto da dare e da dire, tranne il cuore, quello no, quello resta racchiuso dentro una corteccia trasparente, da vedere ma non da possedere, se donna è libertà, se autoritratto è anche capacità di bastarsi, di restare implosa, di darsi solo finché lo si voglia, spezzare quell’emblematico fermaglio che trattiene al di qua di quell’orizzonte da non valicare, pena il tradimento di un’isola felice nella quale avvertire l'incanto di un quadro eternamente muliebre, che affida la sua consistente bellezza alla durata effimera d’un gesto.

Donna è esserlo sempre. Venere sempre. Oltre l’insidia del tempo, oltre quella musica che il corpo potrebbe cessare di percepire, nell’incedere amaro degli anni, oltre la finitezza, se resta la certezza di braccia eterne, di labbra morbide… respiro di cristallo, fili di vento, midollo dei sogni…

Perché Adriana sa come giocare con le metafore fino a far sudare la parole, goccia dopo goccia, fino a rubare loro ogni possibile gioco di lusinga e di consapevolezza, fino a rendere il poetare un’avventura che non può morire, neanche nel nostro arido presente che ha bisogno di tuffarsi in questi eterni idillî, incastrati tra girandole di luce, nella memoria di città che hanno accompagnato il quieto vagabondare senza geografia, portati dal flebile vento / che si fa turbine improvviso / per pienezza d’amore.

Leggerla sempre Adriana Scarpa. Per restare piacevolmente impigliate in una rete intessuta con parole/oggetti, con oggetti/metafore, con rimandi/ritorni. Per sentire che in lei vibrano corde indelebili e che la sua è poesia che si fa carne e sostanza, in un’epoca di sperimentalismi spesso vuoti e spesso affidati solo a giochi di parole che niente sottendono, mentre lei, Adriana, invece dietro la bellezza del dire ha la forte pregnanza del dare.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 25 settembre 2004
© Copyright 2004 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


IN ALTO


Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Adriana Scarpa

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori





IN ALTO

I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!


AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Ven, 4 nov 2005

Autori | Opere | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy