GIACINTA, ROMANZO NATURALISTA DI LUIGI CAPUANA, E' LA STORIA DI UNA DONNA CHE VIVE UNA VITA BIZZARRA E SCANDALOSA

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Giacinta (1879)


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Luigi Capuana, Giacinta
Spirali, 2003
Letteratura, linguistica, semiotica, 170 pp.
Euro 25,00

iglia di un padre inetto e di una madre intrigante e avida di denaro e di godimento, Giacinta è violentata ancora bambina da un giovanetto servo di casa. Solo più tardi però, attraverso le chiacchiere delle domestiche, la fanciulla rammenta la brutta avventura, della quale aveva perduto la memoria.

La rivelazione provoca in lei una disperata reazione: rifiuterà di sposare l’uomo che ama, Andrea, e sarà invece la sua devota ed appassionata amante fin dal giorno delle sue nozze con il vecchio conte Giulio, il quale si accontenta di vivere con la moglie un rapporto fraterno, senza curarsi della presenza in casa di un altro uomo.

Giacinta non si preoccupa di nascondere la sua passione per Andrea e, dopo la nascita di una bambina, la loro unione le appare consacrata per sempre.

Quando la madre di Giacinta però, preoccupata per la condotta della figlia, nel tentativo almeno di salvare le apparenze, riesce a obbligare Andrea ad uscire di casa, Giacinta spinge l’amante a lasciare l’impiego e ad accettare di vivere del denaro che ella gli offre.

Da quel momento Andrea, l’amore del quale iniziava ad affievolirsi, nella nuova falsa ed avvilente situazione sente aumentare un’insofferenza per il legame con Giacinta senza però trovare la forza di troncarlo.

La bambina intanto si ammala di difterite e muore; l’indifferenza di Andrea di fronte alla sventura fa comprendere a Giacinta come quell’amore a cui si era abbandonata con una foga testarda sia irreparabilmente finito; e poichè la vita ormai per lei non ha più senso, si uccide.

Alcuni critici hanno sostenuto che manca a questo romanzo la dignità di stile e la forza rappresentativa necessaria a salvare la narrazione dalle strette del caso patologico e dello scandalo. Preoccupato soltanto di serbar fede al canone del romanzo naturalista, l’autore non si sarebbe accorto che fra tanti particolari di vita reale e minuzie quasi cliniche, i suoi personaggi rimanevano anonimi, vaghi, privi della necessaria vita fantastica.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 19 novembre 2003
© Copyright 2003 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Luigi Capuana

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!



http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Gio, 28 set 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy