ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

TRA LE POESIE DE LE LANGHE E I SOGNI, DI GIORGIO BARBERI SQUAROTTI, ATMOSFERE MAGICHE, AUDACEMENTE INVENTIVE

Le langhe e i sogni (2003)



Giorgio Bàrberi Squarotti, Le langhe e i sogni
Edizioni Joker, 2003
Collana I moderni, pp. 78
Euro 10,00
Prefazione di Franco Pappalardo la Rosa

Piccoli, preziosi racconti sono le sessantacinque liriche che compongono Le langhe e i sogni di Giorgio Bàrberi Squarotti – poeta e critico tra i più autorevoli del secondo novecento - esiti di una ricerca personalissima saldamente radicata nella tradizione, che ascende a forme e visioni in cui è dato riscontrare qualità fondanti della poesia, in equilibrio tra classicità e modernità. Una sapienza artigianale antica, dunque, che in soluzioni metriche, sintattiche, lessicali di rara finezza sa trasfondere descrizione e sentimento, visione e meditazione rendendoci partecipi di uno sguardo trasognato quanto acutissimo e disilluso, su uno spazio temporale fluttuante tra quotidianità, passato e sospensione onirica. Uno sguardo, però, che è compenetrazione della realtà e poi superamento della stessa, involando verso un ideale salvifico di bellezza:

…oh, l’impavida visione
della bellezza che è, vera e inventata,
la sola grazia, sempre, contro dei/e natura.»
(
Contro il male).

Più sogni, allora, che langhe - da intendersi come luoghi e situazioni reali - in queste liriche che testimoniano una via luminosa contro il male della vita, connaturato in noi nel frammento d’epoca che ci contiene, e che siamo, ineludibile sostanza del tempo:

la guerra non ha
davvero fine, e dove è mai la pace
nella storia atroce e stolta, o forse
soltanto nella rixa metaforica
dell’amore lunare, che si fa
il tranquillato sonno per il sogno
che mai non spezzi il canto dell’allodola.»
(
Guerra e pace).

Quanta grazia nelle atmosfere magiche, fiabesche, audacemente inventive di queste poesie! Doni ricchi e appaganti esse ci disvelano, poco a poco: basta lasciarsi andare, e ci si sente percorrere dal brivido luminoso di nostalgie lontane, della bellezza purissima di un mondo qui, finalmente, ritrovata.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 23 dicembre 2003
© Copyright 2003 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


IN ALTO


Stampa questo articolo

Scrivi il tuo commento



IN ALTO

I commenti dei lettori

Sii il primo a commentare Le langhe e i sogni di Giorgio Bàrberi Squarotti



AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 18 mag 2005

Autori | Opere | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy