ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

IN LUOGHI DEL NOVECENTO, ALESSANDRO MOSCE' RIPERCORRE LE TAPPE DEL PERCORSO UMANO E POETICO DI PAVESE, VOLPONI, GUERRA, BEVILACQUA E PIERSANTI

Luoghi del Novecento (2004)



Alessandro Moscè, Luoghi del Novecento. Studi critici su autori italiani.
C. Pavese, P. Volponi, T. Guerra, A. Bevilacqua, U. Piersanti

Marsilio, 2004
Ricerche, p. 164
Euro 14,00

Il titolo della nuova raccolta di saggi di Alessandrò Moscè, Luoghi del Novecento, contiene anfibologicamente in sé le due coordinate portanti su cui scorre l'indagine del critico marchigiano: "luoghi" nel senso di orizzonti geografici, fisicamente determinati, radice terrestre e sorgiva del sentimento poetico; ma anche luoghi mentali, attraversati mediante l'esperienza di cinque autori rilevanti del nostro novecento letterario attraverso la cui identità, esplorata a figura intera, riconoscere una memoria vitale e presaga in cui crescere e consistere.

Due coordinate, dunque: una orizzontale, geografica, locale; l'altra verticale, universale, in cui affondano le radici della Storia impervie agli assalti del Tempo (per inciso l'ossessione di resistere alla cancrena del Tempo mutevole ci sembra un leit motiv spesso ricorrente nelle scritture di Moscè). L'intuizione di fondo è che l'universale sia rintracciabile in ciò che è piccolo, conchiuso entro alvei (orti, potremmo dire, riprendendo il titolo di un bel saggio dedicato a Tonino Guerra) ristretti ma profondi, visitati dall'infinito. Ed è un'idea religiosa, diremmo, quasi rilucente di francescano bagliore (il cui paesaggio, del resto, non è poi tanto distante dagli orizzonti qui indagati). Del resto, «locale fa rima con universale solo se il locale coglie il fulcro del mondo perché si possa accedere alle profondità della ragione», scrive Moscè a proposito di Umberto Piersanti (pag.131). Ed entro questi ambiti ora accennati, tra geografia e storia, tra luoghi e scrittura, tra incamminamenti in paesaggi fisici e spirituali, Moscè ripercorre con puntualità le tappe del percorso umano e poetico di Pavese, Volponi, Guerra, Bevilacqua, Piersanti, scrittori empaticamente legati ai mondi che li hanno visti nascere e che non hanno mai cessato di nutrirli; ed è qui, in questo sentimento del genius loci, flagrante e suggestivo, che resiste tenacemente il cordone ombelicale che lega Moscè, scrittore lui pure di luoghi, a questi cinque esemplari esperienze di civiltà e cultura. Chiunque conosca anche solo superficialmente gli autori citati, avrà saputo presagire l'esatta cartografia che unisce queste cinque isole autobiografiche in un continente comune, risalendo attraverso la linea appenninica dalle Marche in cui si inscrivono le esperienze, le vite di Paolo Volponi e Piersanti, alla Romagna di Guerra ed oltre, attraverso i paesaggi padani di Giorgio Bevilacqua, risalendo fino alle Langhe di Cesare Pavese. Non raramente i percorsi si intersecano, è il caso di Tonino Guerra, e dei suoi tria corda: Sant'Arcangelo di Romagna (il luogo della nascita, dell'inizio), Urbino (il luogo degli studi e della crescita), e Pennabilli (il luogo dell'elezione, il luogo che ci sceglie), paesino dell'Appennino marchigiano già carico di memorie letterarie, basti pensare alle escursioni dannunziane (del D'Annunzio di Forse che si forse che no) in quei cieli verdi e sfuggenti in cui il Vate veniva a rintracciare le vertigini aeree del mito di Icaro. «L'avventura umana – osserva Moscè – confida nella memoria attiva riconoscibile in ogni luogo e in ogni tempo universali, nel percorso della migliore tradizione poetica italiana» (pag.14). Nell'ampia introduzione che incornicia i cinque saggi (è anch'essa un luogo, in fondo) questa geografia e questo sentimento poetico, insomma questa "tradizione" (meravigliosa, pasoliniana parola di aria e di luce, leggera e petrosa) vengono abilmente ad intersecarsi con le loro robuste radici storiche, a partire dall'archetipo del "nido " pascoliano, attraverso l’esperienza sabiana di una "poesia onesta" fondata sul legame tra il poeta e un luogo ben definiito in cui fioriscono gli affetti vitali, fino al concetto di "residenza" (il poeta resta nei suoi luoghi, e quivi opera e cresce, in una carnale fedeltà alla terra e alla memoria incessante) impersonato esemplarmente dal marchigiano Franco Scataglini.

La prefazione è anche il luogo deputato per attraversare, più velocemente ma non en passant, le esperienze di autori quali D'Elia o Benzoni, anch'essi non estranei, sia pure entro altre coordinate, a questo viatico significativo.

C'è un altro terreno comune, fertile, che lega i cinque autori trattati (e lo stesso Moscè, sesto tra cotanto senno) in un intreccio altrettanto flagrante di indagini e riflessioni: si tratta, infatti, di narratori affermati, oltre che poeti; ampliano pertanto l'orizzonte della scrittura oltre la visuale specialistica che la critica più saccente e superciliosa si è spesso rifiutata di valicare. E' tempo, oggi più che mai, ci ricorda Moscè, di accantonare alcuni falsi dogmi, fuorvianti e astraenti, quale quello appunto dell'impossibile conciliazione di prosa e verso nell'attività letteraria di un unico autore; occorre padroneggiare nuovi strumenti, bussole che permettano «l'orientamento senza stabilire valori gerarchici predefiniti, ma trovando nell'esperienza del fare una forza intrinseca, una scelta nella moltiplicazione delle poetiche, senza adulazioni e omologazioni che ancora purtroppo si riscontrano frequentemente»(pag.17).

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 19 febbraio 2005
© Copyright 2005 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


IN ALTO


Stampa questo articolo

Scrivi il tuo commento



IN ALTO

I commenti dei lettori

Sii il primo a commentare Luoghi del Novecento, di Alessandro Moscè



AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 18 mag 2005

Autori | Opere | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy