ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

MEDITERRANEE, RACCOLTA POETICA DI GIOVANNI CAMPUS

Mediterranee (2003)



Giovanni Campus, Mediterranee
EDES, Sassari 2003
La biblioteca di Babele (collana di letteratura sarda plurilingue), pp. 216
Euro 12,00

Non è frequente trovare in un libro di poesia meditazione profonda e memoria documentatissima. E ci si lascia subito condurre, con fiducia, in un lungo viaggio nel tempo tra i luoghi aurorali delle importanti civiltà millenarie affacciatesi sul Mediterraneo, tra Europa, Africa e Asia. Mondi che qui, miracolosamente, la luce aurea della Poesia fa risorgere rafforzando in noi la consapevolezza di discendere da quei mondi lontanissimi, di cui avvertiamo forte il richiamo, e una vaga nostalgia per ciò che non potrà più essere.

E non vi è dubbio, leggendo Mediterranee, di trovarsi di fronte a un lavoro di sapiente poesia la cui tessitura, dicevamo, è impreziosita da una quantità ragguardevole di informazioni e richiami, soprattutto letterari e storici. Intuiamo, perciò, il sentimento che lo ha concepito e messo in opera: di filiale devozione, di gratitudine per l’eredità grandiosa ricevuta. Quasi si volesse contrapporre all’oblio, alla leggerezza, all’abiura scellerata di questi tempi, il valore eloquente di un’incommensurabile bellezza e saggezza conservatesi fino a noi. Senza però nascondere un sentimento di malinconica disillusione, pur nella fede della funzione repertoriale della poesia, se non del suo magistero salvifico:

Questo rimane dell’antica Troia:
il verso del poeta, che solleva il dolore degli uomini sull’onda
del tempo perché nulla
venga dimenticato, perché a tutti
risponda quell’eterno
mistero che ci chiude prigionieri
nella storia del mondo. Ma sul colle
tormentato, trafitto
dalle rovine resta solo il vento.

(Per gli scavi di Troia)

Giovanni Campus è nato a Cervia nel 1930 da famiglia sarda, e vive ora a Roma. Laureatosi in Lettere classiche a Cagliari, ha svolto per molti anni attività di docente presso i licei e, nel contempo, attività di pubblicista e di critico cinematografico e letterario presso quotidiani e riviste specializzate. Il suo primo libro di liriche, Salmo notturno (Laterza, 1983), con l’autorevole prefazione di Giuseppe Petronio, entrò nella terna finale del Premio Viareggio Opera Prima (edizione 1984), della cui giuria faceva parte Giorgio Caproni. Questa seconda raccolta ha invece vinto, nella sezione poesia, il Premio nazionale di poesia Giuseppe Dessì (edizione 2004).

Il libro, articolato in quindici sezioni (Ichnusa, Sardegna, Tirreno, Adriatico, Jonio, Ellade, Egeo, Africa, Oriente, Occidente, Romane, Preistoria, Le mie patrie, Mesopotamia e Logudoro) rivisita in versi, e per mete geografiche, luoghi e personaggi mitici del passato. Ma non solo, in quanto un buon numero di liriche è dedicato alla Sardegna, a luoghi e ricordi cari al poeta, ma anche all’Iraq in guerra, e ad altro.

I singoli componimenti sono spesso, per estensione, piccoli poemi, anche per la narratività dei versi — prevalentemente, endecasillabi sciolti o, tutt’al più, settenari — e il tono epico.

Una poesia, quella di Giovanni Campus, in cui l’ascolto profondo, attentissimo del passato è in fondo un compulsare da mille angolazioni il destino imperituro degli uomini, per suggerne il segreto medicamentoso che lenisce il presente:

Ora davanti a me, tutto m’assedia,
tutto mi parla, con parole antiche
e nuove: eppure tutto già riposa
in pace, tutto tace nel fluire
lento del fiume sacro, dove scende
verso il mare quest’attimo fuggente.
Tutto si perde, tutto è già passato
di me, di noi, dei vivi, dei defunti,
tutto effimero e fragile relitto
di passioni sofferte e di miserie
dimenticate, come le infinite
foglie morte dei platani cadute
al vento dell’autunno sulle rive
spoglie del Lungotevere: leggero
fruscio di passi, appena, e infine polvere.
Eppure ogni relitto, nel mio cuore,
si fa reliquia: tutto qui mi narra
della pena dell’uomo che ricerca
il dominio di sé, l’alto segreto
del suo destino, fisso come scoglio
immoto fra le schiume della storia.

(Elegia romana)

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 18 ottobre 2004
© Copyright 2004 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


IN ALTO


Stampa questo articolo

Scrivi il tuo commento



IN ALTO

I commenti dei lettori

Sii il primo a commentare Mediterranee, di Giovanni Campus.




AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 18 mag 2005

Autori | Opere | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy