Paesi tuoi è considerato il romanzo di Cesare Pavese in cui le influenze americane sono più sensibili

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Paesi tuoi (1941)



Cesare Pavese, Paesi tuoi
Einaudi tascabili, 2001
pp. 156, Euro 8,00

erto accetta, appena uscito dal carcere, di seguire al paese il suo compagno di cella, Talino. In campagna Berto viene a conoscenza del reato commesso da Talino: l'uomo ha incendiato la cascina di un rivale che aveva corteggiato la sorella di cui egli stesso è stato un amante incestuoso.

Berto, innamoratosi di Gisella, scopre le violenze del fratello, di cui la ragazza porta segni indelebili. Un eccesso di gelosia, un impeto incontenibile di animalesca libidine, spinge Talino all'orrendo omicidio della sorella: le infila un tridente nel collo, facendola morire dissanguata. Berto, sconvolto, decide di andarsene di fronte alla bestialità di un mondo che lo sbigottisce.

Berto vive la tragica fine di Gisella ossessionato dalla consapevolezza di una morte annunciata, che avrebbe potuto essere evitata, se solo egli ne avesse avuto la convinzione. Talino è soltanto il simbolo, l'esecutore materiale di una responsabilità che coinvolge tutti. E' il risultato di una vita di miseria, stenti e brutalità, in cui la rabbia sfocia in follia. E' il simbolo della crudeltà priva di senso, dell'incomprensibile e primitiva potenza distruttiva. I personaggi sono spesso descritti nei loro tratti bestiali, fotografati nei gesti più animali e nei comportamenti più primitivi, nella loro elementarità riescono a rendere l'essenza umana. E' la campagna che degrada l'uomo allo stato animale.

Il confronto tra l'operaio Berto e il contadino Talino mette in scena il conflitto esistente in Pavese tra mondo cittadino e quello contadino. Berto rappresenta il mondo urbanizzato, l'individuo svincolato e privo di senso di appartenenza che si trova a confrontarsi con un mondo arcaico e distante, fatto di fatiche e di antichi riti, nel quale non può trovare integrazione. E' messa in scena tutta la diversità esistente tra il cittadino e la gente del luogo, descritta come rozza e segnata moralmente e fisicamente dal duro lavoro contadino.

Il suo atteggiamento nei confronti del mondo rurale è fatto di sentimenti ambivalenti e contraddittori. Mentre desidera essere assorbito dal mondo naturale che lo attrae con tutta la sua carica di sensualità e di umori, prova ripugnanza e sgomento per la bestialità propria di questa realtà.

Berto si trova ad agire in un mondo estraneo e distante, dominato da riti primordiali e selvaggi, ai quali reagisce con il raccapriccio dell'uomo civile davanti all'esplosione delle forze oscure e incontrollabili.

Talino, invece, incarna l'essenza brutale e rozza della realtà contadina, l'ignorante astuzia, la crudeltà insensata, l'istinto primario e incestuoso.

Anche il linguaggio di Paesi tuoi riproduce la dualità e il conflitto tra i due piani: Berto è costretto a vivere uno sdoppiamento linguistico, per comunicare con una realtà profondamente dialettale come quella contadina; si trova a fare da tramite tra i due mondi divenendo così proiezione dello stesso scrittore, che attraverso l'uso metaforico del linguaggio riesce a dotare la vicenda di un carattere simbolico.

Paesi tuoi è considerato il romanzo di Pavese in cui le influenze americane sono più sensibili; la letteratura d'oltreoceano gli fornisce le suggestioni legate al mito della natura selvaggia, simbolo archetipico della primitività, il tema della fuga e del ritorno.

Sul versante stilistico quello americano fu il modello di un realismo non naturalistico ma brutale e violento, sviluppato con un linguaggio fortemente espressionistico, costruito sulla predominanza dei dialoghi e dei toni gergali o dialettali del parlato. Un linguaggio immediato, sostenuto da un labile monologo interiore che annulla l'autorità di un punto di vista superiore e onnisciente.

La narrazione diegetica è priva di mediazioni e di filtri ideologici, registra i fatti e le reazioni immediate del soggetto, l'essenzialità dei gesti e dei dialoghi. Le scelte linguistiche adottate in questo testo, evidenziano la programmatica volontà antiletteraria, propria del romanzo americano.

Le scelte linguistiche adottate da Pavese in questo romanzo appaiono affini alla letteratura di Lewis, Anderson e Faulkner; in particolare l'attenzione per la provincia e il tentativo di raggiungere una dimensione universale attraverso l'approfondimento dei caratteri regionali, la ricerca di un linguaggio simile allo slang, una lingua media diffusa e parlata da tutto il corpo sociale.

Inoltre il legame con Anderson e Faulkner è relativo al tema del luogo di provenienza, dell'infanzia e del conflitto tra città e campagna.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 10 gennaio 2006
© Copyright 2006 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Cesare Pavese

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!



http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Ven, 21 lug 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy