LA RIVOLUZIONE LIBERALE DI PIETRO GOBETTI È UNO DEI TESTI LETTERARI E POLITICI PIÛ PREGNANTI DELLA CULTURA ITALIANA

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


La rivoluzione liberale (1924)


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Piero Gobetti, La rivoluzione liberale. Saggio sulla lotta politica in Italia
Einaudi, Torino
Euro 10,33

orino, il Risorgimento come rivoluzione mancata, la questione operaia, l’assenza di una borghesia liberale sono i quattro cardini del contesto storico-politico entro il quale nasce uno dei testi politici e letterari più pregnanti della cultura italiana.

Il saggio venne pubblicato nel 1924, quando Piero Gobetti aveva solo 23 anni, in 1000 esemplari e divenne subito introvabile, in quanto il regime richiese la distruzione di parte dell’edizione presso i magazzini della casa editrice. Durante il secondo conflitto mondiale, il Partito d’Azione tentò di recuperarlo e distribuirlo clandestinamente, ma il tentativo fallì per l’impossibilità di rinvenire tutto il materiale editoriale. Solo nel 1948, con la prima ristampa curata dalla case editrice Einaudi, il libro poté essere letto e diventare una pietra miliare della cultura italiana del dopo-guerra.

L’idea originaria è quella di una raccolta di articoli, poi Gobetti giungerà, su sollecitazione di Rodolfo Mondolfo, all’elaborazione di un progetto unitario, «un libro di teoria liberale, pensato e scritto secondo un piano organico», come scrive lo stesso Gobetti nella Nota conclusiva alla prima edizione.

Il libro primo, L’eredità del Risorgimento, è un esame critico della tradizione politica italiana e costituisce una rielaborazione del Manifesto con cui era inziata la pubblicazione della rivista «La Rivoluzione liberale» e precedenti testi in massima parte raccolti sotto il titolo Motivi di storia italiana. Il secondo libro, La lotta politica in Italia, ed il terzo, Critica liberale, sono dedicati all’analisi del presente, con la rassegna delle forze in campo e l’approfondimento delle principali questioni politiche; il sistema elettorale, la riforma della scuola, i rapporti Stato-Chiesa e Lavoro-Capitale, la politica economica e fiscale, la politica estera. Il quarto ed ultimo libro, infine, è dedicato al fascismo ed alle ragioni della sua nascita e del suo successo.

Il saggio nasce, lo si è detto, da una idea iniziale di raccogliere ed ordinare gli articoli di contenuto politico. L’attività principale di Piero Gobetti fu, infatti, giornalistica. Quando appare nel 1918 il primo numero della rivista «Energie Nuove», egli ha solo diciassette anni. Insieme a molte altre che fioriscono in quel periodo, espressione di gruppi giovanili e combattenti, ha come riferimento l’«Unità» dello storico molfettese Gaetano Salvemini ed il fermento giovanile nazionale suscitato dalle sue battaglie riformiste. Nel 1922 nasce «La Rivoluzione liberale», con l’esplicito intento di sintetizzare i temi filosofico-letterari della «Voce» di Prezzolini con quelli storico-politici di Salvemini. Sono gli anni della collaborazione con l’«Ordine Nuovo» di Antonio Gramsci e molti hanno ritenuto che la nuova rivista risentisse troppo della vicinanza con i primi movimenti rivoluzionari della Torino operaia. Con il fascismo si rompe il legame con Prezzolini. Gobetti considera adesso la lotta anti-fascista il motore della rivista, la quale, di conseguenza, entra in crisi. Nel 1924 dà vita così ad un’altra iniziativa editoriale, «Il Baretti», quale “palestra di riserva”, meno impegnata politicamente de «La Rivoluzione liberale». Ma ormai l’Italia è caduta nella notte del regime. I colpi dei sequestri diventano sempre più duri e serrati. Arriva persino l’ingiunzione prefettizia a far cessare qualsiasi attività editoriale e pubblicistica. «La Rivoluzione liberale» pubblica il suo ultimo numero nel novembre del 1925. Alla fine dell’anno successivo Gobetti prende la decisione dell’esilio. Molto malato si spegnerà due giorni dopo l’arrivo a Parigi, all’età di venticinque anni.

Attraverso l’analisi critica della lotta politica in Italia, cogliendo la grande novità della forza popolare del movimento socialista e comunista, e partendo dall’idea del processo risorgimentale ancora da realizzare compiutamente, Gobetti sviluppa la teoria sulla formazione di una «classe politica che abbia chiara la coscienza delle sue tradizioni storiche e delle esigenze sociali nascenti dalla partecipazione del popolo alla vita dello Stato». Egli è convinto che non può formarsi Stato moderno senza il contributo delle masse operaie e contadine che si stanno affacciando sul proscenio della storia, ma queste vanno fatte incontrare con le energie migliori della società liberale, gli imprenditori “illuminati”, i risparmiatori. Questa è la Rivoluzione liberale, concetto, in verità, non molto diverso da quello di “blocco storico” elaborato da Antonio Gramsci.

L’intento di Gobetti è di creare «un luogo di richiamo e un programma di lavoro». «Se ci chiedono dei simboli: Cattaneo invece di Gioberti, Marx invece di Mazzini».

Eppure fortissima è l’eco dell’eredità mazziniana dell’impegno politico quale “religione civile”, mentre il riferimento a Marx rappresenta forse il punto più critico, nel riferirsi astrattamente e schematicamente a forze ed azioni sociali. Vivida è, invece, stata la sua capacità di porre la questione irrisolta della selezione di una classe dirigente post-unitaria, popolare e nazionale, capace di porsi con maturità il problema del governo.

E poi c’è l’analisi del fascismo che rappresenta il primo - peraltro in "presa diretta" - e serio tentativo di comprensione del fenomeno sociale e storico. Il paragrafo, L’elogio della ghigliottina, infatti, in maniera lucida e con una incredibile profondità di analisi, coglie prima di tutti il carattere istintuale e metafisico, più che ideologico, del fascismo, traducendolo così come “autobiografia della nazione”, e principalmente come rivoluzione del ceto medio.

Il pensiero di Gobetti ancora oggi offre campo per dispute storico-politiche a dimostrazione, d’altro canto, della sua attualità storica. Grande merito, comunque, va riconosciuto a coloro che cercarono di rinnovarne memoria ed insegnamento: il movimento di Giustizia e Libertà sul piano politico, l’opera di Carlo Rosselli e del filosofo Norberto Bobbio, sul piano della riflessione filosofica.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 5 settembre 2005
© Copyright 2005 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Piero Gobetti

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Gio, 2 ago 2007

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy