ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Rubè


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Giuseppe Antonio Borgese, Rubè
Classici moderni, Oscar, Mondadori Milano 1994
Lire 14.000/Euro 7,23

arra Rubè (1921) la vicenda di un uomo, nato per essere eletto deputato al Parlamento Regio, per il collegio di Calinni, un paese del Sud, ma che i fatti della vita e della Storia dirottano verso un epilogo prematuro e tragico.

Fin dalle prime pagine del suo romanzo, Giuseppe Antonio Borgese ci fornisce la chiave di lettura per comprendere la personalità e, di conseguenza, anche le vicende del protagonista. Tutto sta nella semplice filosofia di vita ereditata dal padre, che «giudicava che tutti, a cominciare da se medesimo, fossero intrusi in questo mondo, fuorché i geni e gli eroi». Questa sentenza inchioda Filippo Rubè a vivere la propria esistenza come («un involto che qualcuno gli avesse affidato senza dirgliene il contenuto né più passasse a ritirarlo») sospinto da un’ambizione disperata.

Privo del senso del passato, Rubè vive senza memoria, sopportando il presente, attendendo un futuro di cui paventa l’aleatorietà. Un sintomo di malessere morale che tende a coinvolgere anche la sfera fisica. La tensione nervosa gli provoca dolori alla cervicale; Rubè accusa squilibri di temperatura e di peso e una strana consapevolezza della presenza dei suoi organi interni, non dissimile dalla coscienza di sé, come se osservasse se stesso dall’esterno e questo causasse improvvisamente delle difficoltà nel controllo motorio. «Il dolore era dappertutto e in nessun luogo. [...] la sensazione di un frutto che ha la buccia intatta, ma dentro è tutto mangiato dal baco».

Nonostante questa "malattia", se l'Italia si trovasse a trascorrere un’epoca di pacifica normalità, Rubè sarebbe sufficientemente dotato per affrontare la carriera politica, un'arena in cui i mediocri ottengono ottimi risultati. Calando a Roma, ci dice Borgese, a bottega dall’onorevole Taramanna, si porta dietro tutto quello che gli serve: «una logica da spaccare il capello in quattro, un fuoco oratorio che consumava l’argomentazione avversaria fino all’osso e una certa fiducia d’essere capace di grandi cose». E fino all’ultimo Filippo Rubè pensa fermamente che il politico perfetto non possa essere un uomo soddisfatto di sé e della realtà, perché gli mancherebbe la motivazione per migliorare la situazione sociale. Il politico perfetto, che egli si sente di incarnare perfettamente, deve essere necessariamente un fallito. In queste affermazioni, pare di cogliere la critica a industriali e imprenditori che, proprio negli anni in cui Borgese scrive, finanziano un movimento destinato a uccidere la dialettica sociale e politica e a piombare l’Italia nel baratro della dittatura.

Purtroppo, l’Italia soffre dalla stessa «inorganicità della memoria» che affligge il personaggio. «“L’Italia” diceva Rubé “somiglia a uno che si batte in duello a morte, e fra una ripresa e l’altra si diverte a scommettere al totalizzatore sulla propria pelle”». E ancora: «È la società che è infetta, [...]. Altrimenti avrebbero trovato modo di utilizzare le mie qualità, che c'erano, che c'erano, mi lasci dire...»

Interventista fin dall’inizio, Rubè si arruola tra i primi (facendosi raccomandare dal padre di colei che presceglierà come futura consorte), e viene mandato nelle retrovie. Attanagliato dal panico di poter scoprire di aver paura, fa di tutto per farsi mandare al fronte e quindi fa di tutto per esporsi al fuoco. Quando finalmente riesce a farsi colpire, ottiene il duplice obiettivo di essere rimandato a casa e di venir considerato un eroe. Sarebbe un successo, ma a Rubè, sempre coerente nella sua nevrastenia («il movimento centrifugo che castiga gli egocentrici»), non basterà.

Nel suo comportamento con le donne è altrettanto nevrotico e autolesionista. Rubè è fortemente attratto da Mary. Forse perché Mary, bambina, scampò al naufragio della nave in cui perirono i genitori, dimostrando delle incredibili doti di sopravvivenza. Una donna bella, ricca e pervicace, il cui segreto della vita, di una semplicità disarmante, sta nell’«aver imparato a nuotare a Long Island».

Ma, ci confida Borgese, Mary è «troppo ricca perchè le sue speranze osassero guardare fino a lei». Piuttosto Rubè rivolge le proprie attenzioni alla non meno bella Eugenia, figlia di un capitano d’artiglieria. Ma il nome di questi è macchiato dalla fuga della moglie, scappata con un attendente. Una ciccatrice indelebile nella società borghese di quei tempi (e anche di questi...). Eugenia è per Rubè la donna ideale a cui non legarsi, una donna sempre pronta a essere abbandonata. La prende in un letto d’infermeria, ne fa la sua amante in albergucci nei dintorni di Roma. Finalmente, a Milano, la sposa, ma solo a guerra finita e dopo un lungo soggiorno in Francia.

A Parigi frequenta il salotto di Celestina Lambert, moglie di un generale francese, «una perfetta sposa, una perfetta madre, una perfetta francese, una perfetta musicista, una perfetta bellezza». Con lei intreccia una tenera amicizia che è forse l’unico sentimento sincero a cui si abbandona nel corso della vita.

Placato il conflitto mondiale, gli si offre un posto a Milano. La pace, però, non mantiene le promesse: la depressione economica si sovrappone a una preesistente situazione di conflitto sociale, esacerbato dalla mattanza della guerra e dagli echi della rivoluzione che in Russia ha portato al potere la classe operaia. Filippo, che «ogni volta ch’era vicino a un ricco sentiva molta ammirazione pel bolscevismo», si lascia andare ad affermazioni inopportune, che gli costano il posto. Nel disordine dei giorni confusi che seguono il licenziamento, si trova a vagare in riva a un lago. Da quel momento in poi si consumerà lentamente la tragedia in un crescendo insonne che brucia le ultime cento pagine del libro come un incendio, fino al naufragio finale, tra la folla.

È affascinante notare come alcuni personaggi del romanzo incarnino stereotipi di stampo tipicamente fascista, prima ancora che il fascismo si manifestasse concretamente. Quando il romanzo uscì, fu male accolto, proprio per questa premonizione visionaria di Borgese, che seppe vedere e dipingere il fascismo nella sua preistoria, quando ancora non era stato lanciato alla prova della Storia.

Scritto con eleganza e precisione, nel secco stile degli anni venti, Rubè è godibilissimo anche oggi. Estremamente evocativo e immaginifico, «il primo romanzo di alta qualità scritto in Italia durante la grande guerra» (Guido Piovene su «Il Giornale», 9 novembre 1974), romanzo simbolista, sotto un'apparenza di realismo, ricorda significativamente altri celebri grandi romanzi di quell’epoca: La metamorfosi (1915) di Franz Kafka, La coscienza di Zeno (1923) di Italo Svevo, ma soprattutto L’uomo senza qualità (1930) di Robert Musil, di cui anticipa l'ironia con irresistibili, sintetici, efficacissimi aforismi. Tutti romanzi che descrivono il malessere dell’intellettuale moderno, quale egli si affaccia al mattino del ventesimo secolo.

14 gennaio 2001
© Copyright 2001 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Giuseppe Antonio Borgese

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

Giulia Ventisette (jaliuh@virgilio.it), Firenze, 9/06/'04

Io penso che questo libro, che ho letto per scuola, sia stato uno dei più noiosi che mi sia mai capitato... non voglio assolutamente sminuire Giuseppe Antonio Borgese, probabilmente ha scritto molti altri romanzi bellissimi, ma avendo letto soltanto Rubè, non posso certo dire di essermi entusiasmata dal suo modo di scrivere...e soprattutto non lo consiglierei a nessuno!trovo che sia una storia molto LENTA, priva di "sconvolgimenti" che la rendano interessante.

Rita (thea29@hotmail.com), Palermo, 28/10/'03

Sicuramente si dedica fin troppo poca attenzione al Borgese critico... Vorrei sapere da voi: cosa sapete dirmi a proposito del parallelismo tra Rubè e Julien Sorel?


Giusy (fantastique86@libero.it), Polizzi G. (Pa), 11/02/2003

Nessun commento sul suo libro...Forse perchè questo grande scrittore è poco conosciuto, ma vi posso consigliare di leggere il suo libro in quanto è stupendo! Poi come potrei andare contro il mio paesano? Se non lo sapevate Giuseppe Borgese è originario di Polizzi Generosa un paesino delle madonie! A presto




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 27 set 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy