SEMINARIO SULLA GIOVENTU' DI ALDO BUSI, UN' AUTOBIOGRAFIACHE DIPINGE UN RITRATTO DELL'AUTORE DA GIOVANE

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


Seminario sulla gioventù (1984)



Aldo Busi, Seminario sulla gioventù
Adelphi, 1984 - 353 p.
Euro 19,63

ncor prima che il testo di questo libro colpisce la copertina (edizione recensita) che riproduce un dipinto di Félix Vallotton intitolato Bagno in una sera d’estate e che riporta immediatamente alla mente il periodo più ingenuo e allo stesso tempo formativo della nostra vita. L’Autore dà inizio al racconto con l'ormai celebre incipit:

«Che resta di tutto il dolore che abbiamo creduto di soffrire da giovani? Niente, neppure una reminiscenza. Il peggio, una volta sperimentato, si riduce col tempo ad un risolino di stupore, stupore di essercela presa per così poco, e anch’io ho creduto fatale quanto poi si è rivelato letale solo per la noia che mi viene a pensarci. A pezzi o interi non si continua a vivere ugualmente scissi? E le angosce di un tempo ci appaiono come mondi talmente lontani da noi, oggi, che ci sembra inverosimile aver potuto abitarli in passato».

Ebbene, questo è, in sintesi, il pensiero che Aldo Busi ha voluto trasmetterci fin da questo suo primo libro (tradotto in varie lingue, visto lo strepitoso successo) e che verrà ripreso quasi come un "motivo trainante" nelle altre sue opere. Non a caso si deve usare la parola "motivo", perché leggere questo libro è un po’ come ripassare un motivetto cantato in gioventù che, al solo risentirlo, suscita lacrime di commozione. Quindi, più che ad un vero e proprio racconto, ci troviamo davanti allo spartito di un giovane musicista contemporaneo che compone un'insolita sinfonia, stupefacente per la sua "differenza".

Il racconto inizia a Montichiari, città natale dell'autore, dove Barbino, il protagonista, impara a stare al mondo osservando ciò che lo circonda. La dura vita di campagna, le fatiche della madre, i difetti del padre; la sua diversità, in tutti i sensi, rispetto ai fratelli (che l’opprime non poco al pensiero di quanto possa dispiacere alla madre); la familiarità tra le persone, che si realizza solo nei piccoli paesini di provincia; la scoperta del sesso in modo ignorante, scioccante e violento; la costante frequentazione delle donne, che lo porterà a sviluppare il suo lato femminile, sublimandolo al massimo. Ebbene, tutto questo influenzerà inevitabilmente il suo percorso letterario.

Intelligente, Busi sin da piccolo decide di voler uscire da quella specie di ghetto costituito da Montichiari, che ama, ma che sente non offrirgli nulla dal punto di vista culturale. Si getta anima e corpo verso una serie di avventure che lo porteranno a Parigi, Milano, Londra, seguendo un processo di autoeducazione che ha come scopo finale quello di superare i limiti imposti da nascita ed educazione, dimostrando a se stesso di avere "acchiappato la polpa", ovvero l’essenza che compone l’essere stesso, ed essere quindi finalmente indipendente dalle proprie radici.

Pur viaggiando tra Parigi e Londra, dove viene a contatto con il vizio e la perversione (in realtà più per necessità che per diletto), Busi non scorderà mai Montichiari e vi farà sempre ritorno. Stabilitosi a Milano, dove trova lavoro come barista, conosce Eugenio Montale, che lo prende in simpatia. Da qui una serie di incontri e di esperienze strane, particolari e impossibili. In Diario di un barista, sua prima esperienza come scrittore, Busi non cade mai nella volgarità nonostante gli argomenti trattati. Anche le esperienze erotiche più "estreme" vengono giustificate e raccontate con dignità e rispetto, anche se a volte più per gli altri che per se stesso. Ama Giacomino di un amore masochista e vero, che poi si macchia di odio e voglia di vendetta. Per poter sopravvivere coltiva la sua predisposizione omosessuale e racconta, senza mezzi termini, una serie di esperienze con personaggi strani (Comare Volpe, il Colonnello, per citarne alcuni), a volte violenti (come Adel l’Egiziano con cui accetta di avere rapporti solo e semplicemente per un bisogno economico). Il suo essere gentile e garbato provoca scompiglio e passione tra le donne: lo troviamo amante, passionale e a volte anche bestiale, un esemplare di bestia rara in via di estinzione (un Lupo Mannaro). Arlette e Marie segnano in quel periodo la sua sessualità non ancora completamente definita, contornate da altri personaggi femminili, che ci sembra perfino di vedere tanto l’Autore ne descrive i caratteri in modo realistico e sublime. Usando la sua parte "sensitiva" femminile riesce a penetrare nel cervello di una donna, inconfutabilmente, lasciandola senza respiro, denudando la sua anima.

A fine lettura si può concludere che questa sia la sua autobiografia, ma un dubbio amletico ci assale al termine del racconto, leggendo una frase buttata lì, che, in verità, capovolge e sconvolge tutta la nostra comprensione del testo: «E così, che resta di tutto quel dolore che ho creduto di soffrire? Niente, soltanto delle reminiscenze contraffatte, delle fiabe apocrife.» Finale alla grande quindi, che, insolito e depistante, fa chiedere alla mente: «Ma era verità oppure il delirante vagare randagio e brado di una memoria offuscata da eventi di una vita vissuta, che ormai, lontana com’è, tendi quasi a modificare a tuo piacimento, come potresti fare con le note di quella sinfonia…?»

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 14 maggio 2003
© Copyright 2003 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Aldo Busi

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

Vulmaro Zoffi (vulmaro@libero.it), Milano, 2/11/'03

Ho appena finito di leggere "Seminario sulla gioventù" nella nuova edizione dell'agosto 2003 completamente riveduta ed accompagnata da una Postfazione dell'autore, da una Nota di Piero Bertolucci e dal meraviglioso Seminario sulla vecchiaia. Proprio nella Postfazione leggo "Mi sono deciso a riscrivere Seminario sulla gioventù a quasi vent'anni dalla sua prima apparizione [...] (anche) per stanchezza verso le migliaia di lettori non lettori che ne hanno decretato il trionfo [...] continuando accanitamente a cercarvi un'autobiografia che non c'è mai stata". C'è un atteggiamento sbagliato nel lettore non lettore che si sorprende interessato alla ricerca della veridicità (cosa mai sarà?) di ciò che leggono, che si impegna a cercare fra le parole corrispondenze a fatti realmente accaduti. Forse il non lettore è proprio chi di fronte a Cappuccetto Rosso chiude il libro perchÈ un lupo non può parlare. Forse il non lettore è proprio chi di fronte alla menzogna dell'arte quasi si indigna perchÈ pretende verità inesistenti. C'è una cosa che quei lettori dovrebbero rileggere. Quelle parole di Barbino a proposito di Henry de Montherlant: "E poi, temo che come uomo non m'interessi affatto. Sarebbe la prima volta che un artista interessante sia anche un uomo interessante." Si vede in Busi, come in tutte le rarissime persone veramente sensibili, una luce soffusa che invita alla contemplazione. Quella stessa luce che in Wilde era eccessivamente accecante e squillante "Un grande poeta, un vero grande poeta, è la più impoetica delle creature [...] scrivono la poesia che non osano vivere."In tutto ciò di vero non c'è nulla. E' finzione, ma una finzione che corrisponde ad una struttura prenarrativa che dà forma al reale stesso prima ancora dell'eventuale ruolo dell'elaborazione del racconto che lo imita. "Con le infanzie e le vecchiaie [...] non si fa Letteratura [...] La Letteratura si fa con le parole scritte una dopo l'altra in un certo modo dalla prima all'ultima". Tutto si spiega nelle ultimissime parole del romanzo quando del dolore che ha creduto di soffrire non resta: "Niente, soltanto le reminescenze contraffatte, delle fiabe apocrife."La Poesia sta proprio nelle reminiscenze contraffatte, perchÈ nel Poeta la memoria possiede una virtù di trasfigurazione tale che non solo modifica ma anche solidifica ciò di cui la realtà ha lasciato esistere soltanto un'ipotesi (direi con Luzi). Nel poeta la gioia e la capacità di soffrire per una cosa passano dallo stato larvale a quello di verità a mano a mano che, profondando nella memoria, la cosa si precisa e si distingue. E' per questa speciale intensità di pensiero che un grande scrittore riesce a farci sembrare esistito ciò che non lo è mai. Mentre scrive è lui stesso a crederci: e noi con lui. Ma questa struttura della finzione costruttiva non è che una porta d'accesso all'Arte; è una soglia che pertanto non dovrebbe nemmeno essere considerata dal momento che istantaneamente l'abilità del poeta ce la nasconde al punto che non ci accorgiamo nemmeno d'averla attraversarla. E se dopo ci accorgiamo d'averla oltrepassata non sapremo mai dov'è precisamente. Busi è molto di più di tutto questo, quindi invito i non lettori a leggerlo e non a sfogliarlo come fosse un meraviglioso ma riduttivo fatto di cronaca.

Damiano Quarta (damrta@libero.it), Brindisi, 31/05/03

Aldo Busi oltre che simpatico è un grande scrittore....come dire "lasciva vita est,pagina proba"! La gioventù è un vizio,una unzione che poi si passa la vita a rileggere,imbrogliare,barare,reinventare. "ma nulla ripaga il pianto del bambino/cui sfugge il pallone tra le case"MONTALE Busi e Montale si sono pure conosciuti....!




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mar, 25 lug 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy