ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE
AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

SOCIALISMO LIBERALE, DI CARLO ROSSELLI, COSì ATTUALE DA INFLUIRE SUL PIÙ AMPIO DIBATTITO SULLA DEMOCRAZIA DEL FUTURO

Socialismo liberale (1930)



Carlo Rosselli, Socialismo liberale
Einaudi, Torino
Euro 10,33

Carlo e Nello Rosselli vengono assassinati il 9 giugno 1937 a Bagnoles-de-l’Orne da una squadra di fascisti del gruppo terroristico La Cagoule.

Per questa generazione di antifascisti si deve partire dal dato biografico. Parliamo degli eredi della tradizione risorgimentale che seppero fare, come Mazzini, della politica una religione civile, della lotta politica un magistero laico. Questi “chierici”, cui va aggiunto Piero Gobetti, ancora a Torino, e Tommaso Fiore, nel Mezzogiorno d’Italia, solo per indicare alcuni, intrecciarono così intimamente opera e biografia, da porsi direttamente, con la loro vita e le loro azioni, quali testimoni del loro programma politico. All’ombra dello scontro storico tra grandi movimenti organizzati, tuttavia, queste personalità furono “perle” slegate dalle grandi masse popolari protagoniste del secolo scorso e per questo sempre relegate ad essere “splendide” minoranze.

Eppure dopo il fallimento del comunismo, la battaglia di pensiero all’interno della sinistra storica l’hanno vinta loro. Resta, infatti, di drammatica attualità la domanda dalla quale parte questo fondamentale saggio politico di Carlo Rosselli: «Come riaffermare le irrinunciabili esigenze dei principi fondamentali del liberalismo senza rinunciare al socialismo come fine?» Bendetto Croce liquidò subito questa idea, elaborata in origine dallo storico Guido Calogero, definendola un “ircocervo”, un animale ibrido, oppure, più semplicemente, un ossimoro.

Il libro apparve per la prima volta a Parigi nel 1930 e, in realtà, pone una questione ancora oggi aperta, finito il Novecento, nel dibattito politico, non solo nazionale: come conciliare, in un contesto economicamente efficiente, libertà individuale e giustizia sociale.

Il punto centrale della risposta offerta dal Socialismo liberale di Rosselli è Marx ed il superamento del suo pensiero. Il saggio, infatti, parte proprio da una sintesi del pensiero marxista e dei diversi revisionismi – considerati altrettanto inadeguati – cui vengono dedicati i primi quattro capitoli. Il quinto capitolo è quello nodale che ha per titolo, infatti, Il superamento del marxismo. Come lo stesso autore precisa, non si tratta di ritornare a concezioni ingenue del socialismo, ma di dare a Marx il giusto ruolo nell’ambito del pensiero politico, quello che, ad esempio, Kant occupa nel pensiero filosofico. Quanto al superamento, la chiave di volta sta nel riaffermare la supremazia dei fini su quella dei mezzi. «Lo storicismo e l’utopismo di Marx gli fanno teorizzare il mezzo – la socializzazione – e dispregiare il fine – l’umanità. (…) Il socialismo, più che uno stato esteriore da realizzare, è, per il singolo, un programma di vita da realizzare».

Nel sesto capitolo arriva la proposta del socialismo liberale: «Ormai la tendenza è (…) in favore di forme di conduzione per quanto possibile autonome, sciolte, correlative ai vari tipi di imprese, che ne rispettino le tanto varie esigenze: forme municipali, cooperative, sindacali, gildiste, trustiste, forme miste, con innesto dell’interesse generale sul particolare, forme individuali e familiari, a seconda delle tradizioni, della tecnica, dell’ambiente, ecc. Dello stato industriale, agricoltore, commerciante, tutti hanno uno scarso concetto (…)».

Il modello di socialismo che propone nel capitolo VIII prende a modello il laburismo inglese, perché antimarxista, antideologico, federativo, come pensiero; l’esperienza del self-government americano, come azione.

Un capitolo a parte è quello dedicato alla Lotta per la libertà nel quale Rosselli si fa carico di rinnovare la memoria e l’insegnamento laico di Gobetti. In particolare, ne riprende la profonda analisi del fascismo e ne rinnova la grande intuizione che il problema principale in Italia è quello della libertà e che per la prima volta nella nostra storia questo nodo – la rivendicazione dei diritti fondamentali dell’individuo e del principio dell’autogoverno – si è posto e si pone ancora come problema di un intero popolo e non solo di una ristretta setta di iniziati.

La modernità del pensiero di Rosselli e di tutto il filone del socialismo liberale sta nella sua “liquidità” rispetto ad una società che si coglie già estremamente complessa e stratificata, «in un mondo in continua vertiginosa trasformazione». Un pensiero politico così attuale, senza alcuna affermazione di stile, da aver lasciato tracce feconde nelle riflessioni di John Rawls e in tempi ancora più recenti di Amartya Sen, nel più ampio dibattito sulla Democrazia del futuro, tutta da riscrivere, tanto nei contenuti, quanto nelle formule.

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 5 settembre 2005
© Copyright 2005 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...


IN ALTO


Stampa questo articolo

Scrivi il tuo commento



IN ALTO

I commenti dei lettori

Sii il primo a commentare Socialismo liberale, di Carlo Rosselli.




AUTORI - OPERE - INTERVISTE - DOSSIER - RIVISTA - POSTA - UFFICIO STAMPA

http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Lun, 5 set 2005

Autori | Opere | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy