ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

Antonella Pizzo

Dal luglio 2006 su ItaliaLibriNET ha pubblicato:


    a1) GRANDE ALBERGO SOLE

    Se io fossi il deserto,
    se i miei fianchi fossero dune,
    tu che saresti?
    Saresti palma verde
    mi copriresti il capo
    mi daresti l’ombra ed il riparo.
    Saresti carico di dolci datteri succosi
    dorati come miele
    come ambra
    mi nutriresti e sfameresti
    saresti oasi e conca d’acqua fresca
    e in te io mi disseterei.

    Se io fossi il deserto
    se i miei fianchi fossero dune
    tu saresti un guerriero tuareg
    e vestiresti d’azzurro
    sopra un cammello.
    In me ti accamperesti
    e accenderesti un fuoco
    pianteresti la tua tenda
    su di me accosteresti l’ orecchio.

    Ed io ti parlerei
    dei miei silenzi
    del vento che mi solleva in aria
    in turbinio
    delle tempeste di sabbia
    che mi offuscano la mente e gli occhi
    dei viaggiatori solitari
    che mi hanno percorsa
    le loro storie
    i loro carichi di spezie
    ti canterei i loro canti
    intonerei la loro musica.

    Se io fossi il deserto,
    se i miei fianchi fossero dune
    tu saresti le bianche fungaie
    e i calcari fossili,
    e le nummoliti nere
    e i pinnacoli di roccia
    e le montagne strapiombanti
    e io, da lì, mi butterei giù.

    Se io fossi il deserto,
    se i miei fianchi fossero dune
    tu saresti alternanza di colori e luci
    saresti il secco ghibli che toglie il respiro
    la durezza del sole
    saresti un disco rosso rovente
    e ogni giorno
    per mesi, per anni
    bruceresti la mia pelle
    saresti la calura
    che accende e infiamma ogni arbusto
    e avvampa in fuoco ogni filo d’erba.

    Saresti la mia desolazione,
    la mia squallidezza;
    saresti serpente strisciante
    e scorpione mortale e lucertola
    e ratto canguro e volpe fennec
    e poi
    saresti arsura
    saresti sete
    saresti aridit
    e io ne morirei.

    Per me saresti questo e altro e altro ancora
    se io fossi il deserto,
    e se i miei fianchi fossero dune
    ma, oggi, non saremmo qua,
    in questi quattro canti di Palermo
    in questo grande albergo a quattro stelle
    in questo grande letto a due piazze
    sdraiati a chiacchierare e a riposare
    con quest’arietta fresca che entra dalla finestra
    rivolta giusto verso noi
    rivolta sopra questi miei grandi fianchi
    sopra i miei grandi fianchi, grandi come dune,
    dune del deserto.

(2006-09-07 20:25:55 ––>Leggi tutto)

   1   


Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Pace non cerco, guerra non sopporto
Tranquillo e solo vo pel mondo in sogno
Pieno di canti soffocati. Agogno
La nebbia ed il silenzio in un gran porto.»

(Dino Campana, Poesia facile, in Quaderno)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Alla ricerca dell’heimat perduta.
Riflessioni sulla poesia civile in Italia.
La poesia civile deve muovere all’azione, partendo dal propria identità più autentica e non è forse il legame tra la parola e la terra l’identità più autentica della poesia civile? Se l’anima è il luogo della poesia, la propria terra è il luogo della poesia civile. (Pasquale Vitagliano)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
Il seno a punta di Gurù
Viaggio intorno a La pietra lunare di Landolfi
Ne La pietra lunare, le figure di donna che Giovancarlo, il personaggio di Tommaso Landolfi, immagina finiscono presto per coincidere con quella, inquietante quanto seducente, della donna-capra: Gurù «d’ossa e polpe». Donna-animale che è impossibile decifrare e, infine, possedere, come una sirena, perché proviene da un’altra realtà, non terrestre, marina o celeste o, in questo caso, lunare. Temi e figure ripetutamente frequentate, fiabesche, surreali, immaginose: Gurù non è dimessa e priva di lusinghe; Gurù canta a tutte le ore, come le sirene di Ulisse, abita sola e, oltretutto, legge libri — fatto questo che non può non suscitare una certa diffidenza. (Paolo Di Paolo)

Una forte speranza
La guerra vista da un bambino e la seconda bomba atomica
Human Rights Watch reputa che ci siano attualmente tra 200.000 e 300.000 bambini-soldato, arruolati e in armi in venti paesi in tutto il mondo. Infanzie negate e spesso soggette a orribili violenze, al servizio di bande di ribelli ma spesso anche di forze governative, partecipano a pieno titolo e a tutti gli effetti al combattimento. Vengono mandati avanti per individuare campi minati, compiere missioni suicide, fungere da collegamento come spie, messaggeri o vedette. (Rania El Mansour)
«In guerra qualche volta abbiamo cantato»
Un indispensabile compendio per la formazione di una coscienza civica.
Con 'Un anno sull’Altipiano' – non uno fra i tanti, ma il capostipite di tutti i libri ispirati alla Grande Guerra – Emilio Lussu ha colmato il divario intercorrente fra ciò che accadeva in realtà nelle trincee e quello che veniva propinato all'opinione pubblica. (Ademario Lo Brano)
Il giudice mite
Il pensiero, tra verità e dubbio
Gustavo Zagrebelsky, piemontese, è uno degli spiriti più brillanti della magistratura, un sostenitore convinto delle potenzialità di sviluppo della democrazia, uno strenuo difensore della carta costituzionale e della laicità dello Stato. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008