ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

Elena Marocchi

Nata a Parma il 22 gennaio 1986, si diploma con maturità scientifica presso il Liceo della Comunicazione “Canossa“, in quel di Fidenza (Pr). Frequenta attualmente la facoltà di Lettere Moderne presso la rinomata Università di Bologna. Esperienza di stage presso un noto quotidiano della città di Parma come giornalista. Passione per la letteratura italiana in particolare dell‘opera omnia moraviana che considera una pietra miliare della narrativa esistenzialista novecentesca. Appassionata più in generale dei classici d‘ogni tempo, appare nel nucleo originario della Redazione (2000-2006), predilige la poetica dannunziana considerata “da brivido“ e Dante, grande tra i grandi. Nel tempo libero si diletta nella stesura di brevi recensioni, biografie di autori. Per contatti: elena.marocchi@studio.unibo.it

Dal luglio 2006 su ItaliaLibriNET ha pubblicato:

    Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
    La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore

    La Farnesina, villa romana di Agostino Chigi nei pressi della Porta Settimiana, costruita a partire dal 1505 e passata ai Farnese nel 1579, diventa nei primi decenni del Settecento il teatro di leggende rinascimentali che trovano la loro sintetica consacrazione nel racconto di de Broses.

La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (2007-10-12 19:55:51 ––>Leggi tutto)

    I Musei Vaticani
    Una straordinaria sedimentazione di Storia

    Grande clamore si diffuse per tutta Roma; era il gennaio del 1506 e l’antica statua del Laocoonte risorgeva mirabilmente da una vigna sul Colle Oppio. Il gruppo statuario, che era stato descritto e celebrato da Plinio e che raffigurava un famoso episodio cantato da Virgilio, diventò subito uno degli emblemi della rinascita umanistica dell’antico.

Musei e Gallerie Pontificie, questa è l’esatta definizione dei Musei Vaticani, che conservano più di 70.000 oggetti, più gli altri 50.000 nei depositi. Dalle opere egizie alle statue classiche, dalla Pinacoteca al museo etnologico, alla ricca collezione contemporanea. Un complesso museale di straordinaria importanza che comprende: la Cappella Niccolina con le pitture di Beato Angelico, l’Appartamento Borgia decorato da Pinturicchio, le Stanze di Raffaello e, naturalmente, la Cappella Sistina con gli affreschi michelangioleschi. (2007-05-08 11:33:47 ––>Leggi tutto)

    La Galleria degli Uffizi
    Il fiore dell'arte del Rinascimento

    Un mirabile edificio voluto da Cosimo de’ Medici per dar nuova sede agli uffici amministrativi; ma sarà Francesco I de’ Medici a trasformare gli Uffizi nel primo museo pubblico della storia, trasferendovi gli esemplari più celebri di scultura classica presenti nelle collezioni di famiglia, insieme a medaglie, cammei, capolavori pittorici.

La Galleria degli Uffizi ospita una delle maggiori raccolte d’arte del mondo: il Rinascimento di Masaccio, Leonardo, Raffaello, Michelangelo, e Botticelli, Perugino, Pollaiolo, Tiziano. Il Rinascimento nel Rinascimento. Basta affacciarsi alle sue grandiose finestre per ammirare Palazzo Pitti, la cupola di Santa Maria del Fiore, Forte Belvedere. (2007-05-02 16:51:37 ––>Leggi tutto)

    Il tempio inglese dell'arte italiana
    All'avanguardia nella valorizzazione e nella conservazione dell'Arte

    Il 10 maggio 1824, al numero 100 di Paul Mall, a Londra, venne inaugurata la National Gallery. Istituita da un decreto del parlamento, che stanziò 57.000 sterline per l’acquisto di trentotto quadri, fu la prima pinacoteca al mondo gratuitamente aperta al pubblico, in base al principio, allora del tutto all’avanguardia, della “pubblica utilità”.

Inaugurata nel 1824 a Londra, è stata la prima pinacoteca ad ingresso gratuito. La ristrutturazione post-bellica consentì di ammodernare l’edificio di Trafalgar Square, che ospita un laboratorio permenente di restauro. Oggi la National Gallery vanta una delle più ricche collezioni di pittura europea. (2007-04-24 16:05:17 ––>Leggi tutto)

    Il Palazzo d'Inverno
    La ricca e raffinata raccolta del museo Ermitage

    Convenzionalmente la data cui far risalire la fondazione dell’Ermitage, oggi Museo Statale dell’Ermitage (1), è il 1764, con l’acquisizione da parte di Caterina II della raccolta d’arte del mercante berlinese Johann Ernst Gotzkowsky, comprendente duecentoventicinque dipinti. Lo scopo era quello di fondare la propria personale galleria di palazzo, non meno prestigiosa delle raccolte d’arte degli altri monarchi europei.

Il termine "ermitage" in francese designa un luogo isolato, un "eremo". E questo fu il nome scelto dalla zarina Caterina II per indicare il palazzo in cui aveva disposto a San Pietroburgo le proprie raccolte; un luogo dove sfuggire al peso del governare. (2007-04-24 16:00:24 ––>Leggi tutto)

    La magia del Louvre
    Una collezione di circa 30.000 pezzi, tra cui alcuni capolavori assoluti.

    Non a caso coloro che lo hanno frequentato solo quest’anno sono stati oltre 6.000.000. E così mediamente ogni anno che passa. Non a caso Dan Brown ci ambienta quello che è stato il suo punto di partenza (e non di arrivo!) firmando la stesura del best seller dell’anno, Il Codice da Vinci.

Perché si parla di indiscussa magia? Perché tanto mistero trapela dalla galleria del Louvre? Considerato uno dei musei più importanti e “imponenti” del mondo, per la ricca quantità di opere dal valore inestimabile e raro, unico per ciascuna di esse, l'arte che vi è raccolta è “raccontata” dalla sua stessa bellezza. (2007-04-24 15:44:35 ––>Leggi tutto)

   1   


Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«...un dettaglio è un iceberg che comincia col presentare solo la punta. Un dettaglio è un mondo spesso senza confini»

( Aldo Busi, Casanova di se stessi)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Le parole in viaggio del coltivatore nomade
Lo sguardo impermanente del viaggiatore
Un misterioso viaggiatore, Giano, nella finzione narrativa di Sguardo di transito cede il plico dei suoi racconti di viaggio all’autore – Franco Romanò – affinché questi vi metta ordine. La sua frustrazione di viaggiatore solitario (Lisbona, Berlino, Sudafrica, Sudamerica, Venezia, Damasco, Portogallo, Messico, Cuba, Siria...), che sceglie di non viaggiare più e ritirarsi in un fazzoletto di terra- dopo aver rifatto quasi il percorso di Alessandro Magno - va al di là della dimensione individuale, ma riguarda anche il livello di una umanità che ha smarrito il senso del dialogo fra diversi e, malgrado l'unità del mondo globalizzato, della comunione (Roberto Caracci)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
La maschera grottesca del nulla e della morte
Le parole e lo scrivere di Tommaso Landolfi tra letteratura e tavolo da gioco
L'opera e la vita di Tommaso Landolfi sono entrambe governate dall'arbitrarietà del caso, che influenza dispoticamente le azioni degli uomini e i loro accidenti, secondo un capriccio imperscrutabile e bizzarro (Pasquale Vitagliano)

Una forte speranza
La guerra vista da un bambino e la seconda bomba atomica
Human Rights Watch reputa che ci siano attualmente tra 200.000 e 300.000 bambini-soldato, arruolati e in armi in venti paesi in tutto il mondo. Infanzie negate e spesso soggette a orribili violenze, al servizio di bande di ribelli ma spesso anche di forze governative, partecipano a pieno titolo e a tutti gli effetti al combattimento. Vengono mandati avanti per individuare campi minati, compiere missioni suicide, fungere da collegamento come spie, messaggeri o vedette. (Rania El Mansour)
Capitale umano
Un piccolo investimento in vista di un più importante profitto
Un tempo, ci chiamavano sciuscià. Uscivamo da una guerra, dalle notti infinite di bombardamento continuo. Ora i nuovi reduci si chiamano Alì, Mohammed, Sharif, Shumon. Vengono dalla Nigeria, dal Marocco, dalla Romania, dall’Afghanistan. Approdano nelle nostre città e scalciano per accaparrarsi un cantuccio d’umanità. Eraldo Affinati, nel suo ultimo romanzo, 'La città dei ragazzi', insegna loro a esprimersi: scrivere e parlare italiano. Ma ha anche voglia di imparare, il maestro, di conoscere e vedere. Per questo segue i suoi allievi in un viaggio in Marocco, per ritrovare casa. Per costruire una tana, nel deserto della comunicazione. Per ritrovare volti e voci che il tempo ha spazzato via, come sabbia sotto il vento. (Luca Gabriele)
Le insolite astrazioni di Giannino di Lieto
«Un immenso deposito dei detriti di un mondo che, già prima dell’esplosione, doveva essere destituito di significato»
Giannino di Lieto (Minori, Salerno 1930-2006), poeta nuovo che non ha modelli, non ha maestri, ripudia gli imitatori, non cerca adepti, ha vissuto intensamente, dividendosi fra la scrittura, l’organizzazione culturale e l’impegno ideologico, seguendo un discorso proprio, fuori e sopra le mode, libero. (Giovanni Maria di Lieto)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008