ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

Elisabetta Mori

Dal luglio 2006 su ItaliaLibriNET ha pubblicato:


    aOMBRA

    Distesa sui tuoi anni
    mi inebriavo
    al tuo odor d‘acacia.
    La pelle ardente dentro le mie mani
    affannose cercavano
    il nero dei tuoi occhi
    e giusto un attimo
    di smarrimento appena
    intenso e incerto
    mi distoglieva dall‘amarti ancora.
    E ancora.

(2006-09-14 01:04:05 ––>Leggi tutto)


    aIO, ARGONAUTA

    Salirò mille scale d‘erba in zolle adagiate
    Nelle mani un messaggio
    inno di vetro alla vita

    Scenderò mille inferni
    speranza di fragili carte
    Sulle spalle la volta del cielo

    C‘è una riva una porta
    consistenza di rossi d‘abisso
    non trapassa né luce né acqua

    A me torna
    stupita l’ombra di ieri
    sembianza tardiva d‘assiomi inespressi

    Lasciata al cenno d’un verbo
    di dentro una voce
    - salirai scenderai verso il centro –

    Vello d’amante, vulcano mai spento
    filigrana di danze insistenti
    che di scheggia ferisce

    E velata alla bieca ragione
    mi lacera una nota a solfeggio
    d’assordante silenzio.

(2006-09-14 01:03:40 ––>Leggi tutto)


    aGLYKIPIKROS EROS

    Amore, non t‘incolpo, poiché la colpa fu mia, non fossi stato di creta comune,
    Avrei scalato le altezze somme, inviolate tuttora, visto l‘aria più piena, il giorno più ampio.
    Dalla ferocia della mia passione sprecata avrei tratto un canto migliore, più limpido,
    Acceso una luce più luminosa di più libera libert , combattuto ingiustizie dalla testa d‘Idra.
    Se le mie labbra avessero avuto il dono della musica dai baci pungenti che le fecero sanguinare,
    Tu avresti camminato con gli angeli su quel prato verde e smalto.
    Avrei percorso la strada sulla quale Dante vide rifulgere i soli di sette cerchi,
    Si! forse avrei visto aprirsi i cieli, come si aprirono al Fiorentino.
    E le potenti nazioni avrebbero incoronato me, che ora sono senza corona e senza nome,
    E un‘alba d‘oriente mi avrebbe trovato genuflesso sulla soglia della Casa della Fama.
    Mi ero seduto in quel circolo marmoreo dove il bardo più vecchio è come il giovane
    E la zampogna versa eternamente miele, e le corde della lira sono tese in eterno.
    Keats avrebbe sollevato le sue chiome imenee dal vino di semi di papavero,
    Con bocca di ambrosia mi avrebbe baciato in fronte, la mia mano avrebbe serrato con la mano
    del nobile amore.
    E a primavera, quando i germogli del melo sfiorano il seno lucido della colomba,
    Due giovani amanti distesi in un frutteto avrebbero letto la storia del nostro amore.
    Avrebbero letto la leggenda della mia passione, conosciuto l‘amaro segreto del mio cuore,
    Si sarebbero baciati come ci siamo baciati noi, ma non separati come ora è destino
    che ci separiamo.
    Poiché il fiore cremisi della nostra vita è divorato dal verme della verit
    E nessuna mano può raccogliere i petali caduti e secchi della rosa della giovinezza.
    Pure non rimpiango di averti amato - ah! che altro avrei dovuto fare io...(...) -
    Poiché i famelici denti del tempo sbranano, e gli anni dai piedi silenziosi inseguono.
    Senza timone, andiamo alla deriva nella tempesta, e una volta passato il fortunale della gioventù, Senza lira, senza liuto o coro, la Morte, pilota silenzioso, finalmente viene.
    E nella tomba non c‘è piacere, poiché la cecilia si pasce della radice,
    E il desiderio diventa rabbrividendo cenere, e l‘albero della passione non da frutti.
    E meno cara la Citerea che si levava come un giglio d‘argento dal mare.
    Ho fatto la mia scelta, ho vissuto i miei carmi, e anche se la gioventù è sparita in sogni sprecati,
    Ho trovato la corona di mirto dell‘amante migliore di quella d‘alloro del poeta.

(2006-08-25 17:31:01 ––>Leggi tutto)


    aObliquo

    Mani scivolano al corpo
    nitido il tatto carezza impetuosa d’agosto
    Lo sento il tuo alito
    - soffio di terre bruciate -
    scende alla mente la bocca nei fianchi
    Isola di femmina sono tra femmine
    la tua sete, d’inviolabili idee,
    più giù nella carne
    in telo d’inebrianti sudori
    sillabe mute come lividi albori mi vestono
    Passione d’algida nebbia mi toglie esistenza
    e affonda la mente fino a ridurre
    vita e respiro.
    Vorace cantore di serpi
    al varco m‘attendi dei tuoi spenti carboni
    lava sotto le ceneri, vulcano che vira nel cuore
    un intenso fragore di tuono
    Freddo di fuoco
    con unguenti vapori il mio languore
    disseti
    tu mi rendi nel sogno ciò che il giorno
    obliquo
    mi toglie

(2006-08-25 15:17:11 ––>Leggi tutto)


    aLE SERE DELLA LUNA


    Accendo una mantiglia sul passo incerto
    stanca a ricorrerti fra quattro muri sghembi
    Sono le sere dell’affannosa luna quelle che corro
    dentro al rivolo dolente.
    Ho visto ogni cosa ed ogni cosa ho scorto
    mi sono inerpicata su pendii scoscesi
    piangevano le mani
    e gli occhi sanguinavano
    Pellegrina di un’anima dannata
    ho preso le mie spalle e le ho portate al grezzo
    scrostate come seta livida su splendore antico.
    Ho preso i miei occhi e li ho graffiati a vista
    come una perla nera li ho rivolti al sole.
    Ho giunto le mie unghie ed ho pregato il vento
    l’ho udito lamentarsi di quel giorno perso.
    Ho raggirato il globo ottanta volte andato
    Restano sempre quelle le sere della luna
    quelle che incessantemente corro dentro
    al mio rivolo dolente.

(2006-08-25 15:16:38 ––>Leggi tutto)


    aMELOPÈA

    Oggi che vivo dentro la tua tana
    colgo il mistero di un talamo nascosto
    Vedo il solco alle mie spalle
    e gioco con l’inchiostro
    del tuo riverbero spezzato
    Ti vedo fiume e t’ immagino sentiero
    annuso altra vita e aspetto solo quello
    il nero della notte
    L’inverno ha il tuo calore
    sementi sparse in angoli disseminati e scorti
    nùbila dentro un sensuale incenso
    e sento ormai vicina la tua ombra
    Dal bordo di una curva mi sorprende
    grido il tuo nome al vento.

(2006-08-25 15:16:15 ––>Leggi tutto)

   1 2 [Succ.] [Fine]


Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Ci limiteremo dunque a ricordare che questo nostro tentativo di storia del romanzo cerca le sue ragioni di legittimità e di coerenza nel proporsi come una storia del personaggio narrativo, di quello che abbiamo convenuto di chiamare il personaggio-uomo, cioè il rappresentante di una particolare specie zoologica, non classificata né registrata dalla storia naturale, perché è reperibile solo in un folto, intricato continente, del quale non si trova cenno o figura in nessun atlante, o libro di geografia, dal momento che a formarlo concorrono unicamente le pagine dei romanzi e dei racconti.»

(Giacomo Debenedetti, Il romanzo del Novecento)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Passione di conoscenza e verità della poesia
Equivalenza tra scrittura poetica e scrittura saggistica
Come mai, in un’epoca di distruzione della tradizione, il rapporto tra Poesia e Filosofia si è fatto così stringente? Cerchiamo di capire (parte I) come la vita tenti di farsi intelligibile attraverso il linguaggio, e come Poesia e Filosofia procedano unitariamente in questo compito di trasparenza, in cui tentano di ritrovare la loro unità originaria (Tiziano Salari)
Vissuto da pelle femminile
Intervista con Clara Sereni
«Penso che politica e amore restino parole, emozioni, sentimenti legati ancora strettissimamente, non foss’altro perché non mi immagino una forma di amore, o anche soltanto di relazione, di rapporto anche amicale, che prescinda dalla visione del mondo di cui ciascuno è portatore». Per provare a raccontare la storia di una generazione, Clara Sereni doveva raccontarne le sfaccettature, mettendolo in conto di non doversene imbarazzare. (Paolo Di Paolo)
L’aristocrazia letteraria di Tomasi di Lampedusa
Nel racconto “La sirena”, scritto negli ultimi mesi di vita, il livello reale e quello surreale si incontrano
Nato a Palermo da un'antica famiglia della nobiltà siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa comincia a scrivere, durante un soggiorno nella casa londinese di uno zio ambasciatore, saggi sulla letteratura inglese. D'indole solitaria, accetta intorno a sé solo una ristretta cerchia di intellettuali sciliani. «Scrittore di un unico libro» (Montale) a fianco del più celebre romanzo, senza volere considerare vere e proprie narrazioni le “lezioni“ di letteratura francese ed inglese, si collocano degnamente i Racconti che furono pubblicati postumi sulla scia del successo de Il Gattopardo, opera a cui si lega la fama dell’autore. (Anna Maria Bonfiglio)

Greenpeace e la gestione dei rifiuti urbani
Spingere verso soluzioni sicure per la salute e per l'ambiente e condivise dai cittadini
Negli ultimi anni in Italia abbiamo assistito ad una crescente e smisurata produzione di rifiuti, indice di una società sempre più orientata ai consumi e verso il sistema usa e getta. La corretta gestione dei rifiuti, secondo Greenpeace, è quella che ha come obiettivo la minimizzazione della quantità dei materiali da portare allo smaltimento finale. Questo si traduce nella minimizzazione della produzione dei rifiuti e nella massimizzazione del recupero dei materiali presenti nei rifiuti. (Vittoria Polidori)
La Letteratura italiana del Novecento
La visione di Cesare Segre
I personaggi di maggior calibro del panorama letterario del Novecento sono nati tutti nel secolo precedente. Ripercorrendone le tappe, Cesare Segre fissa alcuni punti chiave di un percorso che, attraversando per intero il secolo scorso, porta allo stato della presente letteratura contemporanea, soggetta all'influsso invadente dei media e alle bizze volubili e inconsistenti delle sottoculture (Vilma Viora)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008