ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

Gian Franco Manetta

Dal luglio 2006 su ItaliaLibriNET ha pubblicato:


    a2
    Ho trovato la tua fotografia di donna in embrione
    invecchiata nel fissaggio
    Le tempie pulsano
    mentre affoco la tua immagine
    e riassaporo l’odore di femmina
    e le labbra arrossate
    e le dita scalpitanti le vene del collo
    e le mani che scivolano per curve dossi
    e fiordo schiumoso
    dove il mio pene approdando scompare
    Ora quelle gambe non mi camminano accanto
    e divergono nel tramonto del letto a due posti
    Supplico una pausa all’edema che in basso mi cresce al pensiero
    di quando m’insidiavi il sonno
    divaricando il tuo mistero di cacciatrice e preda

(2006-09-15 02:07:03 ––>Leggi tutto)


    a1

    Non so cosa accade
    dieci anni dopo
    per giorni intenti a consumare
    lettere spedite via aerea
    e per donne sfilate a perline di teatro
    Un carro spargeva sale per le strade gelate
    ed il sangue mi scavò un buco
    e ricordo appena le mie dita cacciate
    nella presa di corrente che scuote
    il tuo culo dal mio addome
    e la tua fronte che, di tanto in tanto,
    preme contro il muro della cucina.
    C’era febbre nella tua vagina
    Sentivo il mercurio salire
    lungo l’asta del mio cazzo
    Ora il fico adombra il tavolo da giardino
    ma allora copriva a stento
    il tuo pube arrossato

(2006-09-15 02:00:41 ––>Leggi tutto)


    a11

    Lungo la linea eroica
    che separa le sabbie asciutte
    dalla sabbia bagnata
    aspetto il tuo fantasma scolorito
    dal sale del mio sesso
    Giungerai dal largo con un vestito
    a rombi e quadri
    e non approderai sullo scoglio
    dove Venere mi rubò gli occhi
    E m’innamorerai
    dei tuoi tentacoli intenti a succhiare mandaranci
    ed avrai la bocca accesa
    mentre godrò di questo corpo che affonda
    e cattura gli occhi
    di noi amanti
    socchiusi ad un raggio di piacere
    Ed io sarò meno mortale
    guardando lo sperma
    che riempie la fossetta
    del tuo ombelico.

(2006-09-15 02:00:41 ––>Leggi tutto)


    a14

    … ma sussulta ancora il timer
    che mi porto appresso
    se tu scomponi lenzuola appena lavate
    dagli umori che stanotte tentavano di sfiancarmi
    Ricordi il primo sguardo
    Fu come una vagina che si apre
    e mi prende gli occhi
    e la bocca non tace
    e maledice la luna
    e dice, dice, dice!
    Immaginai un treno che solcava e strideva
    ogni volta che il piacere ti serrava l’uscio
    Ricordi il primo sguardo
    Si confuse con il giallo di un semaforo nervoso
    e con le mie mani
    che frugavano dentro la tua scollatura.


(2006-09-15 02:00:41 ––>Leggi tutto)

   1   


Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Scheletro, uomo delle tenebre, resuscitato e insieme morto irreparabilmente, doppiamente esperto di morte, rifiutato dal tempo, autore di libri inesistenti, sbagliati, impossibili, io, lo scrittore.»

(Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Alla ricerca dell’heimat perduta.
Riflessioni sulla poesia civile in Italia.
La poesia civile deve muovere all’azione, partendo dal propria identità più autentica e non è forse il legame tra la parola e la terra l’identità più autentica della poesia civile? Se l’anima è il luogo della poesia, la propria terra è il luogo della poesia civile. (Pasquale Vitagliano)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
L’aristocrazia letteraria di Tomasi di Lampedusa
Nel racconto “La sirena”, scritto negli ultimi mesi di vita, il livello reale e quello surreale si incontrano
Nato a Palermo da un'antica famiglia della nobiltà siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa comincia a scrivere, durante un soggiorno nella casa londinese di uno zio ambasciatore, saggi sulla letteratura inglese. D'indole solitaria, accetta intorno a sé solo una ristretta cerchia di intellettuali sciliani. «Scrittore di un unico libro» (Montale) a fianco del più celebre romanzo, senza volere considerare vere e proprie narrazioni le “lezioni“ di letteratura francese ed inglese, si collocano degnamente i Racconti che furono pubblicati postumi sulla scia del successo de Il Gattopardo, opera a cui si lega la fama dell’autore. (Anna Maria Bonfiglio)

Akiko e le nuvole

Ogni separazione è come un volo, il distacco dalla terraferma e da ogni certezza. Una donna, il vento, il mare e le nuvole. La storia biografica di Akiko attraverso un breve componimento "alla giapponese" (Vilma Viora)
Letteratura e La Milano dei Manzoni e dei Verri
'Lessico familiare' e coscienza civile
Dobbiamo a Marta Boneschi ('Quel che il cuore sapeva, Giulia Beccaria, i Verri, i Manzoni') una biografia di Giulia Beccaria e la ricostruzione di uno degli ambienti intellettuali che più ha contribuito alla formazione di una moderna coscienza civile e nazionale (Pasquale Vitagliano)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008