ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

Mario Mastrangelo

Dal luglio 2006 su ItaliaLibriNET ha pubblicato:


    aTUTT‘ ‘E DDÓJE

    Tutt‘‘e ddóje, chella vota,
    ‘e vvocche sóje
    p‘ ‘a ggioia mia s‘araprèttero
    rint‘ ô stesso mumento o quase,
    una vuleva esse trafitta,
    l‘ata vuleva régnerse ‘e vase.

    Ma io, ca ‘e chesti ccose
    crerévo ‘e cunosce l‘arte,
    fra loro ddóje, ‘mbriacato,
    nun me sapiétte sparte.

    E ‘a vocca fatta p‘esse trafitta
    avette migliare ‘e vase,
    mentre chella ca vase vuleva
    fuje rignuta ra fuoco fremente.
    Come putette succere
    nun saccio overamente.



    Tutte e due – Tutte e due, quella volta, / le sue bocche / per la mia gioia si aprirono / nello stesso momento o quasi, / una voleva essere trafitta, / l’altra voleva riempirsi di baci. // Ma io, che di queste cose / credevo di conoscere l’arte, / fra loro due, ubriaco, / non mi seppi dividere. // E la bocca fatta per essere trafitta / ebbe migliaia di baci, / mentre quella che baci voleva / fu riempita da fuoco fremente. / Come poté accadere / non so veramente.

(2006-09-04 01:49:28 ––>Leggi tutto)


    a‘A VELA

    Io songo na barca a vela,
    tu certi vvote sì ‘o mare,
    certi vvote faje ‘o cielo.

    Mo sì mare (io te solco)
    e staje sotto a mme,
    onna schiumosa,
    mo sì cielo
    e me gunfie c‘ ‘o viento
    ‘e nu desiderio impetuoso.

    Po‘ ancora faje ‘o mare
    e ‘a vela ca songo io
    affonna e arapre
    rint‘ a tte na via.
    Po‘ tuorne a f ‘o cielo,
    io vela resto,
    e m‘avvito felice
    rint‘ ô cceleste.

    Me piace sempe ‘o mare
    e ‘o cielo ca sì tu,
    e me vulesse perde,
    jenno a funno
    o vulanno,
    ‘nt‘ a sta dulcezza blu.


    La vela – Io sono una barca a vela, / tu certe volte sei il mare, / certe volte fai il cielo. // Ora sei mare (io ti solco) / e stai sotto di me, / onda schiumosa, / ora sei cielo / e mi gonfi col vento / di un desiderio impetuoso. // Poi ancora fai il mare / e la vela che son io / affonda ed apre / dentro te una via. / Poi torni a far il cielo, / io vela resto, / e mi avvito felice / dentro il celeste. // Mi piace sempre il mare / e il cielo che sei tu, / e mi vorrei perdere, / affondando o volando / in questa dolcezza blu.

(2006-09-04 01:39:19 ––>Leggi tutto)


    aL’ALBERO

    Attuorno a st’albero mio
    tu primavera addeviente,
    e ‘o tuocche cu ‘e mmane ‘e luce,
    cu ‘e ccarne ‘e cielo,
    cu ‘a vvocca ‘e viento.

    Cu nu risucchio ‘e l’aria,
    quanno sì tempestosa,
    te piglie ‘e sciure janche
    na nuvola spumosa.

    E t’arravuoglie ancora,
    t’avvite a ‘e ffoglie, â scorza,
    cu st’albero ca perde
    a poco a poco ‘e fforze.

    Ma sta morte l’è dóce,
    tu saje f stu purtiento,
    cu ‘e mmane ‘e luce,
    cu ‘e ccarne ‘e cielo,
    cu ‘a vocca addurosa ‘e viento.






    L’albero – Attorno a quest’albero mio / tu primavera diventi, / e lo tocchi con le mani di luce, / con le carni di cielo, / con la bocca di vento. // Con un risucchio dell’aria, / quando sei tempestosa, / ti prendi di fiori bianchi / una nuvola spumosa. // E ti avvolgi ancora, / ti avviti alle foglie, alla scorza, / con quest’albero che perde / poco a poco le forze. // Ma questa morte gli è dolce, / tu sai fare questo portento, / con le mani di luce, / con le carni di cielo, / con la bocca odorosa di vento.

(2006-09-04 01:38:22 ––>Leggi tutto)

   1   


Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Giunto a una certa età, il cinghiale africano spesso è portato a considerare con disdegno le miserie della vita.»

(Dino Buzzati Vecchio Facocero)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Dove la Diplomazia incontra l'Arte
Verso una Farnesina abitata dalla cultura italiana contemporanea
Pochi sanno che la Farnesina, sede del Ministero degli Esteri, da un decennio abbondante arreda i propri ambienti di rappresentanza con esempi significativi dell'Arte contemporanea italiana, secondo una formula geniale ed economica che permette di ospitarli a rotazioni nei propri spazi espositivi. (Ugo Colombo Sacco di Albiano)
In natura prevale la resistenza
Intervista a Luciano Erba
Luciano Erba, esponente di punta del gruppo di poeti denominato della Linea Lombarda, spiega il senso dei versi della raccolta poetica Remi in barca. Non un punto di arrivo, ma un economico riassetto personale, per procedere con maggiore efficienza e minor sforzo. (Maria Antonietta Trupia)
Pietà proibita
Malaparte e Pasolini di fronte allo “scandalo” del Cristo
In origine concepito per essere un romanzo, il Cristo proibito, per il suo iper-realismo, anticipa un certo cinema degli anni ’60-’70 e introduce la cinematografia pasoliniana. Sono gli innocenti che devono sempre pagare ma sono essi che fanno camminare il mondo. Malaparte e Pasolini hanno entrambi vibrato tra cosmopolitismo e ricerca di un’autentica identità nazionale, profeti di un’Italia più moderna e veggenti dei pericoli disumanizzanti del progresso e del benessere. (Pasquale Vitagliano)

Blackout
Dall'oscurità, la luce...
Per tre personaggi, ognuno con la propria storia, la notte bianca di Roma del grande blackout del 2003 diventa motivo di scoperta e nuova consapevolezza. Erica, in deficit di sonno, culla la sua bambina e fantastica di volare; Francesca affronta nell'oscurità un uomo semi-sconosciuto e una nuova relazione; Adriano, stanato dalla paralisi degli elettrodomestici apre gli occhi per la prima volta dopo lungo tempo e vede il mondo reale... (Roberta Andres)
Centuria
Tutto in una pagina
Cento piccoli romanzi fiume, dice il sottotitolo. Cento perle di rara bellezza ed eleganza. Con questi suoi piccoli romanzi Manganelli crea mondi alternativi eppure sottilmente legati, in un turbine di visioni ed emozioni. (Giordano Amicucci)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008