ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

(Compaiono in questa sezione i nominativi degli autori
che hanno pubblicato testi da luglio 2006 a oggi
I nominativi del nucleo originario appaiono nella pagina dedicata
alla Redazione 2000-2006)


Vittoria Salomè:


Sandro Salvi:


Enza Sampogna:


Salvatore Armando Santoro:

Poeta e narratore non professionista (scrive poesie da adolescente).
Webmaster del sito www.circoloculturaleluzi.net.
Presidente del Circolo Culturale “Mario Luzi“ di Boccheggiano (GR) ed organizzatore del Bando Letterario Europeo di Poesia e Narrativa Città di Montieri (Scadenza: ultimo sabato di Giugno-Premiazione: ultimo sabato di Settembre).
Il suo primo libro di poesie: “La Sabbia negli Occhi“ - Edizioni Pubblidea 2006 - Massa Marittima (GR)

Agata Sapienza:

vivo in un piccolo paese con la mia famiglia e qui è molto difficile far sentire la propria voce, una voce diversa che ha voglia di andare avanti. La gente vive di piccole cose e a volte si sta un po' stretti. Studio al Liceo Linguistico e ho in programma di andare a studiare fuori in una facoltà di lettere. Mi piacerebbe lavorare in una casa editrice; mi capita spesso di scrivere e faccio di tutto per ritagliare un po' di tempo per la lettura. Il genere che preferisco è il saggio critico letterario. Faccio parte di un'associazione culturale formata da giovani appassionati di cinema arte e letteratura.

Carla Cesarina Maria Saraceni:


Fabio Scarnati:


Mirko Servetti:

Nato in Liguria, ad Alassio, il 5 febbraio 1953; vive a Imperia nulla facendo per evitare le invasioni della scrittura.
Presente con poesie ed interventi critici in numerose riviste ed antologie di letteratura. Tra i libri pubblicati, dopo l'esordio di "Frammenti in fuga" (Lalli Editore, 1981) scritto in coppia con Teresio Zaninetti (1947-2007), figurano "Quasi sicuramente un'ombra" (Forum/Quinta Generazione, 1984); il poema "Canti tolemaici", edito in due volumi ("Degli scherzosi proemi" - Tracce Edizioni, 1989; "Le rifrazioni asimmetriche" - Bastogi Editore, 1993); "L'amor fluido (Bastogi Editrice, 1997); "Quotidiane seduzioni" (Edizioni del Leone, 2004)
Fra gli interessi, oltre la poesia, la saggistica, la musica e il cinema.

Emanuele Sorrentino:


Sergio Sozi:

Sergio Sozi è nato nel 1965 a Roma e ha vissuto nel perugino fino al 2000. Attualmente risiede a Lubiana (Slovenia), dove ha curato nel 2005 l‘antologia di racconti brevi italiani contemporanei (1989-2003) Carta e carne (Papir in meso, ·tudentska Zalozba-Beletrina, Ljubljana 2005). Ha pubblicato pezzi critici e di cultura, poesie e racconti, su testate giornalistiche e periodiche («L‘Unità», «Il Giornale dell‘Umbria», «Avvenimenti», «I Polissenidi», «Trieste Arte e Cultura», ecc.) e condotto programmi televisivi culturali (TelePerugia). In Slovenia alcuni suoi commenti critici sono stati trasmessi da Radio Slovenia Tre e poesie, articoli e racconti, appaiono su diversi quotidiani e periodici («Primorske Sreãanje», «Paralele, Dnevnik», «Nova revija»). Nel 2000 ha pubblicato il volume di poesie Oggetti volanti (Fra.Ra, Perugia 2000) e il suo più recente libro di narrativa, Il maniaco ed altri racconti, è uscito a marzo del 2007 in tutt‘Italia per i tipi di Valter Casini Editore.

Antonio Spagnuolo:


Michele Stuppiello:


Giuseppe Tirotto:


Iole Toini:


Giancarlo Tramutoli:


M. Franca Tronci:


Ynés Mercedes Trujillo Vidal:


Maria Antonietta Trupia:


Laura Tussi:

Ho conseguito la mia quarta laurea specialistica presso l'ateneo bicocca di Milano il 16 luglio 2007, all'età di 34 anni. Sono Giornalista e mi occupo di cultura, di tematiche sociali e psicopedagogiche

Paolo Vallarelli:


Nichi Vendola:


Michele F. Venturini:

Michele F Venturini si diploma e intraprende un personale cammino di apprendimento.
Studia in Università italiane e straniere senza giungere all’attestato istituzionale ma arricchendosi notevolmente dal punto di vista culturale. Incontra personalmente Primo Levi, e più tardi diventa traduttore della recentemente scomparsa Tanya Reynarth, esperta di sionismo.

Tamara Vincent:


Vilma Viora:

Amante della natura e della letteratura ha esercitato la professione di insegnante e direttrice didattica.
La sua passione per la poesia è un gesto quotidiano: l‘uccellino sul ramo, la foglia che cade,un abbraccio alla stazione.
Ha scritto un libro di poesie dal titolo “Identità“ con i tipi di Carta e Penna, 2006, Torino.
E‘ membro di giuria di concorsi letterari: Il Golfo, Borgo Ligure, Portus Lunae.

Redazione Virtuale:

-
Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Non dunque la fede come tale, ma la servitù al dogma religioso, che della fede è la degenerazione, crea problemi per la democrazia. Esattamente, però, come, dall’altra parte, il relativismo scettico dell’“una cosa vale l’altra”. Due dunque i pericoli, e opposti: presso il credente, l’eccesso nel dogma; presso il laico, l’eccesso nel dubbio.»

(Gustavo Zagrebelsky, Contro l’etica della verità, Later

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
Vissuto da pelle femminile
Intervista con Clara Sereni
«Penso che politica e amore restino parole, emozioni, sentimenti legati ancora strettissimamente, non foss’altro perché non mi immagino una forma di amore, o anche soltanto di relazione, di rapporto anche amicale, che prescinda dalla visione del mondo di cui ciascuno è portatore». Per provare a raccontare la storia di una generazione, Clara Sereni doveva raccontarne le sfaccettature, mettendolo in conto di non doversene imbarazzare. (Paolo Di Paolo)
Pietà proibita
Malaparte e Pasolini di fronte allo “scandalo” del Cristo
In origine concepito per essere un romanzo, il Cristo proibito, per il suo iper-realismo, anticipa un certo cinema degli anni ’60-’70 e introduce la cinematografia pasoliniana. Sono gli innocenti che devono sempre pagare ma sono essi che fanno camminare il mondo. Malaparte e Pasolini hanno entrambi vibrato tra cosmopolitismo e ricerca di un’autentica identità nazionale, profeti di un’Italia più moderna e veggenti dei pericoli disumanizzanti del progresso e del benessere. (Pasquale Vitagliano)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Demetrio Pianelli

L’ambiente è quello della piccola borghesia impiegatizia milanese, impregnata di convenzioni sociali, di moralismo un po’ bigotto, di medietà un po’ squallida. L'opera più importante di Emilio De Marchi, inserisce il personaggio di Demetrio Pianelli nella scia dei topoi letterari di fine Ottocento-Novecento dell'"inetto", del "vinto", dell'"idiota", di colui che vive "con gli occhi chiusi". (Roberta Andres)
Il giudice mite
Il pensiero, tra verità e dubbio
Gustavo Zagrebelsky, piemontese, è uno degli spiriti più brillanti della magistratura, un sostenitore convinto delle potenzialità di sviluppo della democrazia, uno strenuo difensore della carta costituzionale e della laicità dello Stato. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008